Dal 2001 al 2012 oltre 46mila dipendenti pubblici in più
Immagini articolo
Con le casse piene
aumentano gli impiegati
MASSIMO SCHIRA


Quando le finanze pubbliche sorridono, cresce il numero di dipendenti statali. L'equazione è confermata dalle recenti cifre pubblicata dalla banca dati dei cantoni e delle città svizzere (Badac), che ha quantificato in 46.376 i nuovi posti a tempo pieno creati da Comuni e Cantoni tra il 2001 e il 2012 (ultimi dati elaborati). Una crescita che si concentra soprattutto nelle amministrazioni cantonali, ma che non risparmia anche alcuni comuni, soprattutto in Romandia e a Zugo. "Dopo un periodo piuttosto lungo in cui alla spesa pubblica si metteva un tetto piuttosto severo, si è tornati ad investire nello Stato - spiega Christophe Keller, responsabile delle analisi Badac -. Si è innescato una sorta di effetto di rincorsa e la crescita è stata più rapida. Anche se il più 17 per cento registrato corrisponde anche alla crescita della popolazione attiva".
Una situazione comunque piuttosto differenziata nel Paese con regioni e cantoni maggiormente in crescita rispetto ad altri. Il legame con la situazione finanziaria e "geopolitica", secondo gli esperti del Badac è chiaro. "Non c'è dubbio che vi sia una connessione diretta con la situazione economica delle finanze pubbliche - osserva Christoph Keller -. In generale, in Svizzera la situazione è buona e quindi le amministrazioni sono tornate ad assecondare maggiormente le richieste di servizi da parte della popolazione. Assumendo quindi nuovi impiegati". Impiegati che si occupano di tutti i settori dello Stato o del comune: giustizia e polizia, gestione del territorio, attività a sostegno dell'economia, attività nel campo della sanità o del sociale, così come nell'educazione pubblica. Non è quindi un caso se il Ticino registra uno dei cali più marcati a livello pluriennale (8% in meno nel 2012 rispetto al 2001) dell'intera Svizzera con Glarona, Sciaffusa e Svitto.
Anche la tendenza nazionale alla fusione tra comuni non sembra aver intaccato le statistiche. Se il numero totale di dipendenti comunali registra un trend in calo rispetto a quelli cantonali, le aggregazioni anche secondo le statistiche non stanno aiutando. Anzi. "È complesso spiegare l'effetto delle fusioni sul numero di impiegati pubblici - commenta ancora Keller -. Quando i politici propongono un progetto aggregativo, uno degli argomenti a favore è quasi sempre quello del risparmio grazie ad una miglior gestione dell'amministrazione. In realtà le cose stanno un po' diversamente. Perché vi sono diversi meccanismi che si innescano. Uno di questi è la professionalizzazione. Quando un comune diventa più grande, cerca automaticamente di avere impiegati più formati e specializzati nei vari settori". Anche perché, ad esempio nella gestione del territorio e in materia urbanistica i rapporti con le autorità cantonali sono sempre più complessi e una corretta gestione passa anche da personale maggiormente qualificato.
Il rapporto tra aggregazioni e risparmio sull'amministrazione, insomma, è lungi dall'essere statisticamente dimostrabile. "Bisognerebbe analizzare caso per caso - prosegue Christoph Keller -. Ma il segnale in generale è questo ed è abbinato ad una maggiore richiesta di servizi da parte della popolazione, che porta ad un numero di impieghi anche maggiore rispetto alla situazione precedente l'aggregazione. Nel canton Vaud, ad esempio, è un trend piuttosto chiaro". A questa evoluzione, soprattutto nelle regioni con maggiori difficoltà nelle finanze pubbliche come il Ticino, va certamente aggiunta una certa tendenza a riversare sui comuni nuovi compiti, finora gestiti dalle amministrazioni cantonali (vedi articolo in basso).  Vi sono poi realtà in cui la media nazionale di 36,8 impiegati pubblici ogni 1000 abitanti è nettamente superata. È il caso di Ginevra o Basilea Città, dove i valori sono in costante aumento Si tratta però di città-cantone, in situazioni geografiche molto particolari e con un numero di personale nell'amministrazione pubblica storicamente piuttosto elevato. Al contrario, anche grandi cantoni come Zurigo e Berna hanno visto cambiare molto la situazione dell'impiego pubblico negli ultimi anni. In totale, gli esperti calcolano che le autorità zurighesi e bernesi hanno cancellato non meno di 7.000 posti di lavoro dal 2001. Pur mantenendo un trend positivo (rispettivamente +3% e +8%) che conferma l'inversione di tendenza registrata a livello nazionale negli ultimi anni. Tolti Ginevra e Basilea Città, ad essere invece primatisti nella crescita dell'impiego pubblico sono Vaud (+18%) con la creazione di oltre 2.200 impieghi negli ultimi anni, Zugo (+29%) e Giura (+15%).
27.09.2015


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur