Intervista all'ex ministro Martinelli sullo scandalo Argo
Immagini articolo
"Un politico dovrebbe
ammettere l'errore"
STEFANO PIANCA


La responsabilità è innanzitutto la capacità di saper rispondere. Che per un politico è un po’, come per un pugile riuscire ad uscire dall’angolo. È stata la parola più evocata. Per molti il ministro ppd Paolo Beltraminelli non si sarebbe assunto pienamente le proprie responsabilità nello spiegare il mandato di 3,39 milioni ad Argo1. Ha ammesso di aver firmato la prima tranche dell’incarico diretto alla ditta di sicurezza, ma poi non ha più seguito la vicenda. Fino al patatrac. Insomma, per usare le sue  parole, "forse non ho avuto il guizzo".
Responsabilità dunque come tratto distintivo dell’abilità politica, ma anche come parola non sempre innocente sottolinea l’ex consigliere di Stato Pietro Martinelli: "Ricorda chi disse la famosa frase: ‘Dichiaro che io assumo, io solo, la responsabilità politica, morale, storica di tutto quanto è avvenuto’? Benito Mussolini parlando del delitto Matteotti alla Camera dei deputati. Fu un modo per chiudere la bocca all’opposizione".
Lei cita un cattivo esempio. Chi si dice responsabile, non per forza fa un passo indietro…
"Certo e Mussolini sciaguratamente non lo ha fatto. Ma sposta su di sé la questione chiedendo di essere giudicato nel complesso e non sul (in quel caso orribile) ‘dettaglio’. Tornando a Beltraminelli bisogna capire cosa significhi assumersi la responsabilità. Lui ha firmato la prima delibera. Che approfondimenti ha fatto prima? Perché non ha pensato di parlarne in Consiglio di Stato? Già la cifra della prima delibera mi sembra importante. Domande ancora aperte. Può darsi l’urgenza, ma si poteva farlo in seguito…".
Si è giustificato parlando di  "guizzo" mancato…
"Ah, ecco… è pur sempre un’ammissione. Lasciare correre la cosa mi sembra comunque abbastanza grave. Una gravità puramente formale, intendiamoci, perché probabilmente il governo avrebbe detto di sì… Però come fai a dimenticarti di fare una cosa del genere. Quindi se avesse esordito dichiarando la propria responsabilità politica, senza se e senza ma, sarebbe stato meglio".
Perché un politico fa così fatica a dire "scusatemi, ho sbagliato"?
"Questo dovreste chiederlo ai politici di oggi, ma anche a quelli di ieri. Probabilmente perché si pensa che ciò darebbe un riflesso negativo e uno sbaglio verrebbe sempre tirato fuori dagli avversari in un momento di difficoltà… Dopodiché oggi abbiamo un personaggio come Trump che è addirittura maestro nel non assumersi la responsabilità di niente e, addirittura, nell’inventare i fatti. Potrebbe chiedermi, ma lei l’ha fatto?".
Ricorda, allora, un caso  per il quale s’è cosparso il capo di cenere?
"(Ride) Di errori ne avrò fatti sicuramente. Penso che in una situazione del genere lo avrei ammesso. Ora però non mi viene in mente un esempio concreto.".
C’è però un altro aspetto che lascia un po’ perplessi in questa vicenda. Le due settimane di "pax carnascialesca" che il consigliere di Stato ppd si è ritagliato per non rispondere subito (e nel frattempo sfilare su un carro). Le sembra giustificabile e accadeva ai suoi tempi che il carnevale interrompesse le ostilità?
"Il carnevale non credo. Ma evidentemente i tempi sono dati anche dal calendario. La prima risposta la si dà ai colleghi in governo. La seconda al Gran Consiglio e non so se c’erano occasioni per tempi più rapidi"
Magari con una conferenza stampa…?
"Magari sì, ma mi sembra che la cosa sia andata avanti per alcuni anni e quindi doveva sicuramente raccogliere informazioni lui stesso sul dossier".
Certo, però, poteva ricordarsi subito di aver firmato il primo mandato…
"Questo sì, perché non mi sembra una firma di secondaria importanza se fatta come direttore di Dipartimento senza passare dal Consiglio di Stato. Ma forse i tempi sono cambiati".
s.pi.
19.03.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
13.12.2017
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
13.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
12.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2017
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel