Scenari, analisi e sterategie per il dopo Burkhalter
Immagini articolo
Mai una donna eletta
se accanto a un uomo
NENAD STOJANOVIC, POLITOLOGO UNIVERSITÀ DI LUCERNA


È  solo a partire dagli anni ’90 che si è gradualmente affermata la prassi che vede i gruppi parlamentari presentare un ticket con due o più candidati ufficiali nelle elezioni per il Consiglio federale. L’obiettivo è di offrire all’Assemblea federale un minimo di libertà di scelta. Certo, i ticket esistevano già prima ma erano più rari e in generale venivano offerti solo perché il partito in questione non era riuscito a mettersi d’accordo su un solo nome. Si ricordi per esempio il duello fra Elisabeth Kopp e Bruno Hunziker, entrambi del Plr, nel 1984.
La prassi attuale ha avuto inizio nel 1993 con l’affare Matthey, seguito dal ticket Pss composto da Christiane Brunner e Ruth Dreifuss e l’elezione di quest’ultima. Nel 1995 il gruppo socialista continuò con la prassi del ticket e presentò due candidati maschi per la successione di Otto Stich. Nel 1998 il Plr optò invece per un ticket misto: al vallesano Pascal Couchepin venne affiancata la vodese Christine Langerberger.
Particolarmente interessante fu il caso dei due posti vacanti in seno al Ppd nel 1999. Le donne del Ppd riuscirono a imporre un ticket tutto femminile per la successione di Arnold Koller: la sangallese Rita Roos e l’appenzellese Ruth Metzler. Per una manciata di voti fu eletta la Metzler. Per la successione di Flavio Cotti (al centro nella foto sopra con Leuenberger a sinistra e Ogi) si optò invece per un ticket maschile: il friburghese Joseph Deiss, l’obvaldese Adalbert Durrer e il ticinese Remigio Ratti. Alla fine la spuntò Deiss con un solo voto di scarto rispetto al candidato non ufficiale Peter Hess di Zugo.
Anche l’Udc, nel 2000, propose un ticket per la successione di Adolf Ogi  - il turgoviese Roland Eberle e la zurighese Rita Fuhrer - ma il Parlamento elesse un candidato non ufficiale, il bernese Samuel Schmid.
Dopo un ticket tutto femminile del Pss nel 2002 (Calmy-Rey/Lüthi), nel 2003 il Plr propose un ticket misto per la successione di Kaspar Villiger: la maggioranza preferì Hans-Rudolf Merz alla bernese Christine Beerli.
Insolita in questo contesto fu l’elezione di Doris Leuthard nel 2006, al posto del dimissionario Deiss. La Leuthard fu infatti la candidata unica del Ppd semplicemente perché nessuno voleva correrle contro. A parte questa eccezione, dal 2008 in poi i partiti hanno mantenuto la prassi, presentando sempre dei ticket con due o tre nomi.
È interessante notare che le donne sono state elette solo quando erano le uniche candidate ufficiali. Ad eccezione dell’elezione di Elisabeth Kopp nel 1984, e quella della candidata non ufficiale Eveline Widmer-Schlumpf nel 2007, mai una donna è diventata consigliera federale se accompagnata da un candidato ufficiale maschio.

n.s.
13.08.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo
28.11.2017
Concorsi scolastici: sono aperti i concorsi per la nomina e l’incarico di docenti e operatori per l’anno scolastico 2018/2019
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel