La vecchia guardia plrt sulla successione di Burkhalter
Immagini articolo
"Cassis? Ha chances
ma ora... inizia il gico"
CLEMENTE MAZZETTA


A bocce ferme, ora che il Plrt ha puntato compatto su Ignazio Cassis, candidato unico del Ticino per il governo federale, anche un ex consigliere nazionale come Luciano Giudici si sbottona: "Visto chi si sono proposti Isabelle Moret, vodese, e Pierre Maudet, ginevrino, le possibilità di Cassis  di entrare in Consiglio federale sono aumentate. Lo dico da Cimalmotto, dove sono in vacanza, senza aver sentito i rumors di Berna e senza grande cognizione delle dinamiche parlamentari che ci possono sempre riservare qualche sorpresa. Ma se il parlamento sarà ragionevole non penso che vorrà avere due vodesi in governo". In Consiglio federale c’è già un rappresentante del canton Vaud, Guy Parmelin. La questione femminile, su cui punta Moret per essere eletta, dovrebbe passare in secondo piano. Ha complicato tutto però la decisione di Doris Leuthard (Pdc) di voler lasciare entro la fine della legislatura. Un annuncio intempestivo che ha fatto venire qualche brutto pensiero a Gabriele Gendotti. "Non vorrei che per questioni di bottega il Pdc facesse qualche scherzo - osserva l’ex consigliere di Stato -. Mi pare insostenibile un Consiglio federale con quattro rappresentanti di due cantoni. Già ci sono due bernesi (Simonetta Sommaruga e Johann Schneider-Ammann). Eleggere un secondo vodese sarebbe un insulto al resto della Svizzera, rispetto a quanto si è detto sulla proposta (respinta) di aumentare i ministri da 7 a 9.  Tutti hanno assicurato una equa rappresentanza, geografica, linguistica, culturale. Non vedo come si possa avere ora un consiglio federale di 7 membri di cui 4 rappresentanti di due cantoni". Esclusa una seconda vodese, la scelta resta fra Cassis e Maudet. "E in questo confronto mi pare avvantaggiato Cassis", conclude Gendotti.
"Sì, le chance di Cassis mi paiono  immutate ma  non è detta l’ultima parola - osserva l’ex consigliere nazionale Adriano Cavadini -. Non tanto perché la Moret è conosciuta, ma perché si stanno muovendo altre dinamiche in funzione delle successioni di Leuthard, Amman, Maurer". Come in un gioco a scacchi, un candidato potrebbe essere bruciato in vista di un posizionamento migliore fra un anno, o due. "Non mi meraviglio delle candidature romande. Checché se ne dica, non avrebbero mai rinunciato ad un loro candidato. Alla fine penso che il Plrt presenterà solo Cassis e Moret. A Maudet penso interessi solo farsi conoscere. Se il confronto si giocherà fra il ticinese e la vodese "spero che la spunti il Ticino", conclude Cavadini, che non fa affidamento sui romandi: "Loro si sosterranno a vicenda. Come sempre saranno gli svizzeri tedeschi che decideranno chi diventerà consigliere federale".
Diverse le valutazioni di Diego Scacchi. L’ex sindaco di Locarno ribadisce il proprio convincimento: "Il problema non era proporre uno o due nomi, ma scegliere la candidatura idonea. E in questo senso  Cassis, per me, non lo era. Mentre Laura Sadis sarebbe stata molto più qualificata". Una posizione sposata anche da alcuni romandi, che hanno dichiarato che se la sezione ticinese avesse presentato Sadis e Cassis, né la Moret né  Maudet si sarebbero proposti. "Per me non è determinante che un candidato sia ticinese o romando - precisa Scacchi - , determinanti sono le sue idee. Mi pare un po’ ridicolo valutare le persone in base alla provenienza, alla regione linguistica, all’etnia. Mi pare anche eccessivo questo dispiegamento di ideologia nel voler sostenere un ticinese in quanto tale e non in base alle sue idee politiche".  
Che non basti puntare su essere ticinese per entrare in Consiglio federale è convinzione anche di un altro ex sindaco, Giorgio Giudici, di Lugano: "È ora di fare altri ragionamenti. Un candidato deve dire cosa vuol fare per la Svizzera, cosa pensa dell’Europa. Non basta rapresentare il Ticino,  bisogna avere un profilo. Quello che conta è la visione, non la provenienza", osserva Giudici che avrebbe voluto due o tre candidati ticinesi, per dare un’immagine non provinciale del Ticino: "Ma abbiamo messo in campo una panchina corta e gli altri ne hanno approfittato allungandola. Da un punto di vista tattico non è stata una grande idea".

c.m.
20.08.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Sgravi fiscali per tutti
con un taglio del 5%
L'INCHIESTA

L'estate al museo
con 100mila visitatori
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nelle città turistiche
non si santifica la festa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I missili non aiutano
la Siria senza pace
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

"Florence"
declassato
ma vittime
e danni

Città del Messico:
sparatoria
in pieno centro,
morti e feriti