La provenienza dei ministri nell'analisi di due esperti
Immagini articolo
'I cantoni dei candidatI?
È solo tattica politica'
MASSIMO SCHIRA


Quello della rappresentanza regionale in governo, è un aspetto che torna d’attualità in maniera ciclica in occasione dell’elezione di un Consigliere federale. Basti pensare all’annoso dibattito politico sull’opportunità di allargare da 7 a 9 il numero dei ministri per garantire una migliore rotazione linguistica e territoriale. Nonostante ciò, ci sono cantoni che non hanno mai avuto un rappresentante in governo, mentre il Ticino, rivendica un seggio italofono ad ogni occasione propizia. "Formalmente il tema della rappresentanza regionale ha avuto una propria ragione di esistere fino al 1999, quando è entrata in vigore la nuova Costituzione - spiega il politologo Andrea Pilotti, esperto di politica regionale. Da quella data, infatti, possono essere eletti anche due Consiglieri federali dello stesso cantone, come è poi stato il caso con Berna o Zurigo. L’argomento è però anche sempre legato alle strategie dei partiti".
Nella storia federale, però, anche questo aspetto ha subito un’evoluzione. "Agli inizi, la Confederazione era dominata in pratica dal solo partito radicale, che quindi, in un certo senso, riservava una prelazione ideologica a cantoni come Zurigo, Berna o Vaud - osserva Francis Phyton, professore emerito di storia svizzera all’Università di Friborgo -. Le elezioni dei ministri passavano più attraverso la lente del partito radicale che attraverso reali strategie politiche".
A proposito di strategie, Pilotti evoca proprio l’elezione di Parmelin in governo, occasione in cui anche il Ticino, con Norman Gobbi, era entrato in corsa. "L’Udc in quel caso giocò molto sulla questione regionale - ricorda il politologo -. Perché attraverso l’elezione del vodese Parmelin sperava di sfondare in Romandia, visto che il ‘margine di manovra’ del partito a caccia di voti nella Svizzera tedesca era ormai esaurito. La strategia non ha poi portato i frutti sperati".
Accanto alle "tattiche" di partito, anche la sensibilità politica nel Paese è cambiata nel tempo. "Già dopo la Prima Guerra Mondiale si assiste ad un cambiamento in Svizzera - prosegue Phyton -. Con un’attenzione maggiore verso le regioni e l’apertura conquistata dai conservatori. Non è un caso se il primo ministro ticinese del Ventesimo secolo, Giuseppe Motta, non è affatto un radicale".
Altro cambiamento piuttosto visibile secondo il politologo è la crescita dell’importanza del peso economico delle regioni. "Oggi Isabelle Moret o Pierre Maudet non si pongono minimamente il problema di essere potenzialmente il secondo romando in governo (Moret la seconda vodese con Parmelin) - afferma Pilotti -. Perché provengono entrambi da una macro-regione molto competitiva, trainante per il Paese. Che ragiona a livello sovra-cantonale". Una tendenza visibile anche per lo storico. "La formula magica ha sistemato più le cose a livello partitico che regionale - conclude Phyton -. Le rivendicazioni romande, invece, non sono cessate. A volte anche in modo fastidioso. Poco sensibile all’italianità".

m.s.
27.08.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin