Le strategie del Plr non convincono politologi e politici
Immagini articolo
"Questa campagna
è fatta per il partito"
MASSIMO SCHIRA


Si è sviluppata su binari assai inconsueti la campagna di avvicinamento al 20 settembre, giorno dell’elezione del successore di Didier Burkhalter in Consiglio federale. Isabelle Moret, Pierre Maudet e Ignazio Cassis - tutti e tre inseriti nel ticket liberale-radicale proposto all’Assemblea federale - sono infatti stati al centro di una sorta di "Tour de Suisse" tra gli elettori, quasi come se il voto per l’entrata in governo fosse popolare. "A dettare questa strategia è stato il Plr nazionale - spiega al Caffè il politologo Nenad Stojanovic -. Si è voluto approfittare dell’occasione per mettere quanto più possibile in luce il Plr girando per la Svizzera. Per certi versi è stata una campagna più per il partito che per i candidati".
Una scelta strategica dettata da un personaggio importante, che lavora però in gran parte dietro le quinte del partito. "È il segretario generale del Plr, Samuel Lanz - conferma Stojanovic -. Una figura piuttosto lontana dai riflettori che ha però un peso molto grande nel partito. Forse addirittura superiore a quello della presidente, Petra Gössi". L’idea di Lanz di cavalcare l’onda della successione di Burkhalter ha portato i candidati ad incontrare la base liberale radicale nelle differenti regioni del Paese. "Si è trattato anche di offrire alla base l’occasione per avvicinarsi a temi di respiro nazionale, mentre normalmente nelle sezioni ci si occupa più che altro di temi locali o cantonali - conferma il politologo -. Un’opportunità di ‘fare gruppo’ e scambiare quattro chiacchiere con i pretendenti ad un seggio in governo. Per motivare le truppe, per così dire".
Anche l’opzione di presentare tre candidati all’Assemblea federale, secondo i politologi, è più una questione interna al partito, che un segnale verso l’esterno. "Si è trattato in primo luogo di non offendere nessuno - conferma Iwan Rickenbacher -. Non si offendono le donne, perché c’è Moret, non si offendono i romandi, perché ce ne sono due e, soprattutto, non si fanno torti ai ticinesi. Per Moret la corsa sarà difficile, per la presenza del vodese Parmelin in governo. Credo che la corsa sarà Cassis, favorito, contro Maudet".
Secondo chi sarà invece chiamato a scegliere il sostituto di Burkhalter, le strategie del Plr non sono sempre comprese fino in fondo. "Devo dire che sono deluso dalla tripla candidatura proposta dal Plr. Perché al di là delle persone, due, cioè Ignazio Cassis e Isabelle Moret, sono, come si sa, lobbisti della sanità. Avrei preferito candidati con le mani libere, non portatori di specifici interessi", spiega il consigliere nazionale bernese Corrado Pardini. "Detto questo - aggiunge Pardini - ritengo strategicamente sbagliata la scelta di non presentare da subito due ticinesi, magari un uomo e una donna, dunque Cassis e Laura Sadis. In questo modo è stata aperta la porta ad altri candidati, come è puntualmente avvenuto.  Quando incontrerò Cassis con il mio gruppo gli chiederò conto su bilaterali e misure di accompagnamento. Mi dovrà convincere". Punta molto sulle audizioni anche Jean-François Rime. "Prima di parlare con i tre candidati non vale la pena fare pronostici - sottolinea il deputato Udc friborghese -. Che siano due o tre, in realtà, poco conta, è la loro visione politica ad essere decisiva".

m.s./m.sp.
03.09.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo
28.11.2017
Concorsi scolastici: sono aperti i concorsi per la nomina e l’incarico di docenti e operatori per l’anno scolastico 2018/2019
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel