I temi caldi verso gli "interrogatori" ai candidati ministri
Immagini articolo
'Le risposte ai colloqui
sono spesso decisive'
MASSIMO SCHIRA


Politica estera e rapporti con l’Europa, socialità, indipendenza e neutralità, finanze, aiuto allo sviluppo, immigrazione e gestione dell’emergenza migranti… Dovranno essere preparati a 360 gradi i tre candidati (Cassis, Moret e Maudet) alla successione di Didier Burkhalter che, a partire dai prossimi giorni, verranno "interrogati" dai gruppi parlamentari alle Camere federali, gruppi che vogliono arrivare all’elezione del 20 settembre con meno incognite politiche possibili sul profilo migliore per il governo.
Ma cosa chiederanno i parlamentari delle altre "frazioni" ai candidati? Ce n’è per tutti i gusti. "Questi ‘hearings’ possono sembrare banali, perché tutto sommato i candidati sono conosciuti, ma risultano spesso decisivi nella scelta di un partito tra un nome e l’altro - spiega al Caffè il capogruppo socialista, Roger Nordmann -. Anche se non è detto che tutto il gruppo sosterrà lo stesso candidato, è chiaro che conoscere a fondo le posizioni dei pretendenti sui principali temi dell’attualità politica è molto importante per la scelta. Nelle ultime occasioni le risposte nei colloqui sono state l’ago della bilancia. Le domande? Possono variare, passando dal livello istituzionale a quello personale e i grandi temi saranno certamente politica interna, Europa e migranti".
Sull’altro fronte dell’emiciclo, il capogruppo udc, Adrian Amstutz evidenzia anche altre  probabili domande ai candidati. "Per noi temi come l’asilo, la politica migratoria e la gestione delle finanze sono centrali - precisa -. Senza chiaramente dimenticare di far spiegare ai candidati la loro visione di concetti fondamentali per la Svizzera come indipendenza e neutralità. Ma tutti i temi della politica nazionale possono essere oggetto di domande".
E al centro dell’emiciclo? Anche per i popolari democratici, sono i temi "cari" al partito ad essere al centro dell’attenzione. "Federalismo, rispetto delle minoranze linguistiche, socialità, previdenza sociale e politica estera saranno sicuramente toccati - conferma il capogruppo alle Camere, Filippo Lombardi -. Tutti i membri del gruppo hanno però libertà di porre delle domande, anche se il tempo di solito è limitato a 30 minuti per candidato. Ascolteremo le risposte con grande interesse e in seguito decideremo sulla strada da seguire verso l’elezione vera e propria"
Anche per le formazioni con forza elettorale minore rispetto a socialisti, democentristi e democristiani, la possibilità di approfondire la conoscenza dei candidati è un’occasione da sfruttare al meglio. "In questo caso, se ne va il ministro degli esteri, quindi le nostre domande saranno centrate sulla politica estera, indipendentemente dal fatto che il futuro consigliere federale riprenda lo stesso dipartimento, oppure no - afferma la capogruppo borghese-democratica Rosemarie Quadranti -. Chiederemo però anche garanzie sulla politica sociale del futuro e cercheremo di approfondire la personalità dei pretendenti".

m.s.
03.09.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin