L'analisi
Il "tricket" sfiducia
il cadidato Cassis
CHANTAL TAUXE


Il ticket a tre proposto dal Plr è un primo segnale di sfiducia verso il cadidato ticinese Ignazio Cassis. Grazie alla campagna sui temi concreti, il ginevrino Pierre Maudet è riuscito a far uscire il gruppo liberale radicale alle Camere da un "tra di noi" autoreferenziale. Ma naturalmente, forte della rivendicazione ticinese di tornare in Consiglio federale, Cassis resta il favorito. Il 20 settembre molto dipenderà dalla strategia del Ppd e dall’influenza politica che avrà un altro ticinese, il consigliere agli Stati Filippo Lombardi.
Questa elezione è segnata dagli interessi personali di molti membri delle Camere federali che sognano l’elezione in governo, a dipendenza che sia la questione ticinese o quella di "genere" a prevalere al momento della sucessione di Burkhalter. Ambizioni smisurate e piccoli calcoli politici, molto lontani da quel che dovrebbe essere il vero obiettivo: dotarsi di leader capaci di seguire una linea politica, piuttosto che di gestire i problemi giorno per giorno.
Una domanda s’impone: il Plr nutre ancora il sogno di tornare ad essere il primo partito del Paese, il primo partito a destra? Con Ignazio Cassis, per il Plr sarà "business as usual". L’ex medico cantonale ha dato troppi segnali di "fedeltà" nei confronti delle lobby dell’assicurazione malattia e dell’Udc per rappresentare una ventata di novità.
Con Isabelle Moret, il partito si renderà simpatico agli occhi delle donne, ma la vodese - che risulterà senza fatica migliore di Guy Parmelin - dovrà trovare i suoi tratti politici con più serenità di quanto non abbia mostrato in campagna elettorale.
Una cosa appare evidente: Pierre Maudet surclassa gli altri due candidati. Con lui sappiamo già cosa aspettarci. È un uomo di Stato dalle competenze riconosciute. Il ministro ginevrino si occupa di sicurezza ed economia, i due settori che maggiormente preoccupano la gente e dove il Plr ha l’obbligo di marcare le proprie peculiarità e differenze dall’Udc. Il capitano Maudet sa contemporaneamente dar prova di fermezza e di apertura. Incarna una figura liberale di responsabilità, appartiene a quei radicali che hanno segnato la nostra storia.
Anche sulla questione dei frontalieri o del dumping salariale, temi molto importanti per il Ticino, mostra maggior spessore e creatività politica rispetto a Cassis.
In Consiglio federale non possiamo più permetterci di scegliere i meno validi del ticket con il pretesto che, così, non metteranno in ombra gli altri partiti. Questo patetico gioco di marketing politico è indegno della responsabilità che incombe sui "grandi elettori" dell’Assemblea federale.
La logica del minimo comun denominatore, che si è installata da qualche anno a Palazzo federale, sta facendo sprofondare la Svizzera nell’inefficacia e nella pusillanimità.
Scegliere Pierre Maudet farebbe suonare l’ora di un brillante risveglio.
03.09.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
12.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2017
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo
28.11.2017
Concorsi scolastici: sono aperti i concorsi per la nomina e l’incarico di docenti e operatori per l’anno scolastico 2018/2019
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel