Intervista a Pierre Maudet, candidato al dopo Burkhalter
Immagini articolo
"Europa, sanità, lavoro
ecco le mie soluzioni"
MASSIMO SCHIRA


Fino a qualche settimana fa, nel terzetto di candidati liberali-radicali alla successione di Didier Burkhalter in Consiglio federale, Pierre Maudet era pronosticato quale sicuro perdente. Stretto tra l’ingombrante presenza di Ignazio Cassis - nel suo ruolo di rappresentante delle pressanti rivendicazioni ticinesi - e di Isabelle Moret, la candidata femminile "obbligatoria". E, invece, con una campagna elettorale condotta a 360 gradi e con al centro i grandi temi della politica federale, ecco che le quotazioni del 39enne consigliere di Stato ginevrino sono schizzate verso l’alto. Al punto da insidiare la "pole position", per rubare un termine agli sport motoristici, di Ignazio Cassis. "L’avvicinamento al 20 settembre lo sto vivendo in modo sereno - racconta Maudet al Caffè -. Ad inizio agosto, quando ho deciso di candidarmi, onestamente non pensavo che sarei entrato nel ticket del Plr. Essere in corsa è per me una sorta di liberazione".
C’è un motivo in particolare che l’ha spinta a candidarsi?
"Beh, la scelta del partito ticinese di presentare un solo candidato. Per un rappresentante del Plr, il partito della diversità, è stata una sorta d’incitamento. Ma se vuole una risposta più politically correct…"
Sentiamo…
"Lavoro in un esecutivo da 10 anni e credo sia un bene che un consigliere di Stato possa portare a Berna la sua sensibilità. Che è diversa da quella dei parlamentari federali. Lavorando a livello cantonale, prevale un pragmatismo che a Berna va un po’ perso. Anche i ministri ticinesi Vitta e Gobbi condividono questa mia riflessione".
Lei è descritto come europeista convinto. Lo è davvero?
"All’inizio ero europeista per passione, ora lo sono per ragione. Il mio approccio è semplice: viviamo nello stesso spazio rispetto all’Europa, le frontiere dividono sempre meno e abbiamo molte attività comuni. Da tenere in considerazione ci sono però anche dei problemi, come la gestione delle migrazioni, il dumping salariale e la concorrenza sleale sul mercato del lavoro. Ma bisogna essere pragmatici".
Come trattare, dunque, con l’Unione europea?
"L’importante è mantenere buone relazioni. Ma con reciprocità, trattando alla pari, non da sottoposti. Da un punto di partenza uguale per tutti. Anche perché, se, oggi, Francia e Italia sono in difficoltà, ci sono ricadute dirette anche per la Svizzera. E viceversa, se le cose andassero bene, ne beneficeremmo. Gli interessi, insomma, sono comuni".
Ha toccato il tema dei migranti. Come affrontarlo?
"In Svizzera dobbiamo sviluppare maggior solidarietà intercantonale. Perché, ad esempio, pur essendo un cantone di frontiera, Ginevra ha problemi diversi rispetto al Ticino, che è a diretto contatto con l’Italia, che è il Paese europeo attraverso cui entra il maggior numero di migranti. Bisogna capire che, se soffre il Ticino, soffre tutto il Paese".
Passiamo alla sanità. Esiste un modo per contenere l’esplosione dei costi della salute?
"Ma questo è un tema in cui è maestro Ignazio (ride)…".
Non vede quindi soluzioni?
"Vedo un potenziale di risparmio nella gestione degli ospedali. Specie nel processo di concentrazione delle specializzazioni. Dell’attuale situazione, però, a non piacermi è il fatto che sono le famiglie e i giovani a pagare il conto più salato, pur essendo le categorie che utilizzano meno la sanità".
Lei si è occupato spesso di temi legati al lavoro. Come tutelare meglio i lavoratori dei cantoni di frontiera? Magari con il salario minimo?
"Il salario minimo non mi piace. Molto meglio stimolare il dialogo tra imprenditori e sindacati. In Svizzera l’equilibrio e il partenariato sociale resistono e su questo bisogna puntare. Naturalmente servono sindacati ragionevoli e padronato sensibile alle questioni sociali. A Ginevra il dialogo funziona. Infatti sono in vigore molti contratti normali di lavoro. Servono però anche controlli e sanzioni, che, se sono severe, danno risultati migliori".
Cosa pensa dell’idea di Cassis di legalizzare la cocaina?
"Un conto è la teoria, ma bisogna anche essere concreti. Credo che si creerebbero moltissimi problemi legati alla criminalità. Non a caso, nessun Paese europeo ha scelto questa strada. Farlo da soli produrrebbe una situazione insostenibile. Non credo sia giusto dire che la repressione è inutile. Così come credo nell’importanza del lavoro della polizia nella lotta alla criminalità legata alla droga".
E la questione del doppio passaporto?
"È una questione personale. Io stesso ho il doppio passaporto, svizzero e francese, ma non è mai stato un problema quando ho dovuto trattare, anche duramente, con la Francia. Se fossi eletto e il governo dovesse chiedermi di rinunciare al passaporto francese, potrei pensarci. Ma la lealtà si giura alla Costituzione".
Con che parola descriverebbe Ignazio Cassis?
"Italianità".
E Isabelle Moret?
"Applicata".
Ha un hobby?
"La mia famiglia. Mia moglie e i miei tre figli. Il mio tempo libero è loro".

mschira@caffe.ch
10.09.2017


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Troppi negozi chiusi,
ogni mese 5 in meno"
L'INCHIESTA

La "bolla integralista"
cresce nelle carceri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Sparate leghiste
da ignorare sempre
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una politica assente
per il business migranti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]
30.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
29.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile e primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Macron
ipoteca
il mini vertice
europeo

Bosnia-Erzegovina:
la rotta dei migranti
al confine
con la Croazia