Tre politologi analizzano la volata per il dopo Burkhalter
Immagini articolo
"Il volto dell'anti-Cassis
emergerà l'ultima notte"
MASSIMO SCHIRA


Anche se l’elezione di un consigliere federale spesso sfugge ai pronostici della vigilia, una tendenza si va profilando nella lotta a tre per la successione di Didier Burkhalter. Dopo una campagna elettorale per certi versi "nuova", secondo tre politologi, il ticinese Ignazio Cassis arriva al voto dell’Assemblea federale di mercoledì 20 settembre con un buon margine di vantaggio. Seguito dall’emergente ginevrino Pierre Maudet, con la vodese Isabelle Moret un po’ in svantaggio, ma pronta a sfruttare le tattiche parlamentari dello sprint finale.
L’occasione per il Ticino di ritrovare un consigliere federale, insomma, appare sempre più concreta. "Le quotazioni di Cassis restano le più elevate - conferma il politologo Nenad Stojanovic -. Sarebbe sorprendente non vedere il suo nome tra gli ultimi due che probabilmente si giocheranno l’elezione. Aver incassato l’appoggio dell’Udc potrebbe però avere un effetto su quanto decideranno i socialisti dopo le audizioni di martedì. È possibile che ci sia un voto ‘anti-Udc’ da parte della sinistra, ma l’impressione è che non sarà unanime. La volontà di eleggere un ticinese e la questione dell’italianità avranno certamente un peso anche sulle scelte del Ps o parte di esso".
Alle spalle del candidato ticinese, la figura dell’emergente Pierre Maudet si è profilata sempre con maggior peso nelle ultime settimane di avvicinamento al voto. Lo conferma il politologo ginevrino Pascal Sciarini, che ha osservato con particolare attenzione la campagna del 39enne consigliere di Stato. "Che fosse un animale politico molto precoce lo si sapeva - commenta -, ma non lo credevo capace di un percorso così sorprendente. È partito da una condizione di chiaro deficit di popolarità ad inizio agosto, ma ha recuperato terreno con una progressione spettacolare. Attualmente mi sembra in vantaggio rispetto a Isabelle Moret".
La parlamentare vodese inserita nel "tricket" liberale-radicale, infatti, ha registrato una flessione nelle proprie quotazioni, ma potrebbe recuperare con un colpo di coda. "Tutto sommato è stata abbastanza abile a non enfatizzare la questione femminile durante la campagna - precisa Andrea Pilotti, politologo all’Università di Losanna -. Ha capito che, rispetto agli aspetti linguistici e regionali,ciò avrebbe avuto minor peso. L’impressione è che la sua sia anche stata una candidatura per sondare il terreno. In vista di un tentativo futuro di entrare in governo. Anche perché, oggi, la presenza del vodese Parmelin è comunque un ostacolo".
Per certi versi, la giovane età  di Pierre Maudet potrebbe portare alla medesima riflessione: candidarsi oggi, per essere eletto domani. Uno scenario che, però, il politologo Sciarini non ritiene plausibile. "In un primo tempo, questa ipotesi sembrava essere la più probabile - osserva -. Ho chiesto direttamente a Maudet cosa ne pensasse e mi ha risposto ‘O adesso, o mai più’. Crede molto nell’elezione, perché a Ginevra è già alla sua terza legislatura in governo, quindi all’ultima possibile. Vuole dare un futuro alla sua carriera politica da membro di un esecutivo e sta facendo di tutto per riuscirci". A pochi giorni dal voto, ad essere decisive per l’elezione potrebbero essere proprio le ore della notte tra martedì e mercoledì, perché - come spiega Stojanovic - spesso le strategie definitive dei partiti vengono decise all’ultimo minuto, in una riunione alle prime ore del mattino del giorno del voto. "Cassis resta favorito, come del resto era già  qualche settimana fa - conclude -. Resta da capire il nome del suo vero avversario. Moret è in crescita, ma sarebbe meno ‘pericolosa’ di Maudet in volata".

m.s.
17.09.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Troppa canapa light
e il mercato è saturo
L'INCHIESTA

Se lavori oltre i 65
rendite più ricche
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dagli esodati
ai pensionati d'oro
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una tregua "olimpica"
riunisce le due Coree
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La folle corsa nucleare
non è solo propaganda
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La tendenza a esagere
...ereditata dai greci
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2018
12.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre 2017
12.02.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È in linea il nuovo dossier concernente la protezione dell'ambiente in Ticino
08.02.2018
La Segreteria del Gran Consiglio ha pubblicato la lista delle presenze dei Deputati alle sedute della legislatura in corso
07.02.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 febbraio prossimo
01.02.2018
Aggiornato il formulario della domanda di costruzione (versione 01.2018) [www.ti.ch/edilizia]
31.01.2018
Lingue e stage all'estero - 20 anni di scambi linguistici. Partecipa al concorso.
22.01.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2017
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kosovo:
si festeggiano
i 10 anni
d'indipendenza

Messico:
la terra trema
e le paure
riaffiorano