La seconda vita quasi nell'ombra degli ex ministri federali
Blocher torna Blocher
e Leuenberger si pente
STEFANO PIANCA


Consigli d’amministrazione, ruoli di rappresentanza ai massimi livelli oppure una vecchiaia lontano dai riflettori. In passato, lasciato il potere, la maggior parte dei consiglieri federali hanno scelto una vita, come mostra l’esempio di Flavio Cotti, lontano dai riflettori e, soprattutto, dai microfoni. Scelte dettate in parte anche dall’anagrafe. Lasciando a solo 57 anni, Didier Burkhalter ha infatto subito motivato la scelta con la volontà di "scrivere una nuova pagina della sua vita". Quale, ancora in molti si arrovellano, ma alcuni hanno già parlato di un suo mandato in un organizzazione internazionale. Un po’ come la presidenza della Assemblea generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite assunta, per un anno, nel 2010 da Joseph Deiss (consigliere federale dal 1999 al 2006).
Il discrimine è appunto l’età, perché spesso l’uscita di scena dei ministri è avvenuta superati abbondantemente i sessanta. Quando si deve anche contrastare la voglia di godersi finalmente la pensione da ex ministro, che corrisponde alla metà dello stipendio di un consigliere federale in carica (445mila franchi lordi). Il caso forse più noto, e criticato, di un ex che si è subito rituffato nella "società civile" è stato quello del socialista Moritz Leuenberger. Una volta dimessosi, nel 2010 a 64 anni, l’ex direttore del Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni accettò di entrare, tra le perplessità di molti, nel consiglio di amministrazione del gruppo edilizio Implenia. Tre anni dopo si dimise, ma in seguito definì quell’avventura nel Cda una "decisione poco saggia", presa "come provocazione per essersi sentito un po’ spinto alle dimissioni", anche dal suo stesso partito.
Ma Leuenberger resta un esempio a sé. Scelte come quella di Eveline Widmer-Schlumpf (in carica dal 2007 al 2010) di diventare presidente di Pro Senectute rientrano tra le scelte meno eclatanti. Così come si segnalano le prese di posizione critiche di Micheline Calmy Rey a favore dell’inclusione delle persone con handicap.
Diverso il caso Christoph Blocher, non dimessosi, ma non rieletto e tornato a fare l’imprenditore. Con un piede in politica essendo rimasto (dimissionario dal 2016) vicepresidente dell’Udc e stratega di molte scelte. E l’altro piede nell’economia, accantonata un po’ la chimica ha gettato l’occhio sulla stampa con le acquisizioni di giornali (come la Basler Zeitung nel 2014).

s.pi
01.10.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Troppa canapa light
e il mercato è saturo
L'INCHIESTA

Se lavori oltre i 65
rendite più ricche
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dagli esodati
ai pensionati d'oro
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una tregua "olimpica"
riunisce le due Coree
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La folle corsa nucleare
non è solo propaganda
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La tendenza a esagere
...ereditata dai greci
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2018
12.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre 2017
12.02.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È in linea il nuovo dossier concernente la protezione dell'ambiente in Ticino
08.02.2018
La Segreteria del Gran Consiglio ha pubblicato la lista delle presenze dei Deputati alle sedute della legislatura in corso
07.02.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 febbraio prossimo
01.02.2018
Aggiornato il formulario della domanda di costruzione (versione 01.2018) [www.ti.ch/edilizia]
31.01.2018
Lingue e stage all'estero - 20 anni di scambi linguistici. Partecipa al concorso.
22.01.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2017
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kosovo:
si festeggiano
i 10 anni
d'indipendenza

Messico:
la terra trema
e le paure
riaffiorano