L'opinione dei partiti sulla strategia di Cassis con l'Ue
"Il reset è una chance
no, una pessima idea"
MASSIMO SCHIRA


Quando sotto la cupola di Palazzo federale il dibattito politico tocca il tema dei rapporti con l’Europa, il clima parlamentare si surriscalda automaticamente. L’idea del neo ministro degli Esteri, Ignazio Cassis, di pigiare sul bottone "reset" e puntare ad un nuovo avvio per rilanciare le trattative con l’Ue, infatti, agita immediatamente le acque nell’emiciclo a Berna. Dove la proposta incassa l’appoggio incondizionato dell’Udc e il sostegno di fondo del Plr, ma anche la bocciatura netta da parte del Ppd e delle forze di sinistra, Ps in testa.
A volere fortemente un cambiamento nei rapporti con l’Unione è, da tempo, l’Udc. Partito pronto a lanciare nel 2018 un’iniziativa contro la libera circolazione delle persone. "È necessario chiarire la posizione della Svizzera - sottolinea il capogruppo democentrista alle Camere, Adrian Amstutz -. Dobbiamo smettere farci imporre da Bruxelles cosa dobbiamo fare. È ora di arrivare a trattative vere e proprie. Soprattutto abbandonando la strada tracciata da Burkhalter sull’adeguamento al diritto europeo. Se si rischia di andare per le lunghe? Credo che non sia un rischio, ma un’opportunità, perché non vogliamo assolutamente che le trattative si concludano in fretta e male". La strategia seguita finora solleva qualche perplessità anche in casa liberale-radicale, dove la "ricetta Cassis" viene osservata con interesse. "Si tratta soprattutto di trovare una strada, se sia nuova o se ripercorra almeno in parte quella già tracciata è difficile da dire su due piedi - osserva Christa Markwalder, membro della Commissione di politica estera del Nazionale -. Certamente lo stallo attuale non giova a nessuno e uscire dall’impasse sarebbe importante. Ci sono però molte incognite, ad esempio su come l’Ue gestirà la Brexit nei prossimi mesi. La situazione in questo momento è molto astratta e sarebbe certamente utile ripartire su binari più concreti. Mettendo sul tavolo quello che è importante per l’Ue e quello che lo è per la Svizzera. Per poi trovare il modo di accordarsi. Farlo con un nuovo ministro degli Esteri, che porta avanti idee diverse, può essere una chance".
Sull’altro fronte politico in parlamento, la consigliera nazionale del Ppd Kathy Riklin - da anni impegnata nei rapporti con l’Ue per la Commissione affari esteri - non risparmia le critiche alla soluzione "reset". "Sarebbe certamente più opportuno adattare e prorogare quanto di buono fatto finora - dice -. Presentarsi a Bruxelles con in testa l’idea di ripartire da zero non è una buona scelta. Di certo l’Ue la prenderebbe malissimo". Con il rischio di paralizzare in modo forse irreparabile il tavolo delle trattative.
Nettissimo, infine, anche il "niet" in casa socialista. "Scegliere la via dura con l’Unione europea non è certo la scelta giusta - conferma il capogruppo del Ps alle Camere federali, Roger Nordmann -. Si rischia di fare lo stesso errore della premier britannica Theresa May, che per Brexit sta incontrando grossi problemi. Non solo nelle trattative con l’Europa, ma anche all’interno del suo Paese. Le basi per un accordo devono perseguire quanto meno obiettivi comuni, non si può pensare di andare a Bruxelles a fare la voce grossa e avere successo. Non è così che funzionano le cose. Ripartire da zero, poi, sarebbe un grosso rischio per la Svizzera, che potrebbe essere messa in disparte da quello che resta il suo principale partner economico".

m.s.
01.10.2017


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Troppi negozi chiusi,
ogni mese 5 in meno"
L'INCHIESTA

La "bolla integralista"
cresce nelle carceri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Sparate leghiste
da ignorare sempre
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una politica assente
per il business migranti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]
30.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
29.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile e primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Macron
ipoteca
il mini vertice
europeo

Bosnia-Erzegovina:
la rotta dei migranti
al confine
con la Croazia