Analisi a margine delle spinte autonomiste in Europa
Immagini articolo
Dietro le autonomie
solo forza economica
LORETTA NAPOLEONI


L’Europa Unita non è il salvagente del nazionalismo europeo. Se ne sono accorti i Catalani quando gli appelli di soccorso lanciati a Bruxelles non hanno ricevuto risposta. C’era da aspettarselo, ma il desiderio di indipendenza della Catalogna era troppo forte per prevedere questo rifiuto. I lombardi ed i veneti sono stati più cauti. La Lega "rivoluzionaria e secessionista" di Umberto Bossi è finita nel lontano 2001 ed è stata sostituita dalla Lega riformista al governo con Berlusconi. Ma anche quest'ultima è stata soppiantata da una nuova fase: da una parte la leadership di Matteo Salvini, che cerca voti a livello nazionale, dall'altra la Lega dei governatori e degli amministratori locali che vuole arrivare al federalismo interpellando il popolo del Nord.
In Lombardia ed in Veneto, c'è poi un altro protagonista della scena politica che tenta di far leva sulle appartenenze locali per guadagnare voti nel Nord, si tratta del Movimento 5 Stelle. I pentastellati hanno usato i loro voti per poter consentire i due referendum, ma a patto di renderli più autonomisti possibili, togliendo, cioè, ogni riferimento all'indipendentismo. I referendum in Lombardia e Veneto, dunque, non hanno natura secessionista come quello in Catalogna, ma rientrano nelle strategie politiche nazionali Italiane in vista delle elezioni politiche del 2018, ed ecco perché sono promossi e sostenuti dalla maggioranza dei partiti, dalla Lega fino al Pd. La Lombardia, sostengono i fautori dell’autonomia, produce il 21% del Pil nazionale ma ne gestisce soltanto una piccola percentuale. Il sistema fiscale è tale che ogni anno la regione  invia  a Roma 53 miliardi. Soldi che, si badi bene, non hanno ridotto il dualismo storico della penisola, al contrario il divario tra il Nord ed il Sud è aumentato. Allora perche’ non lasciarli a chi li produce?
Alla radice del movimento indipendentista catalano c’è un discorso fiscale ed economico analogo a quello del Nord d’Italia - la regione ha già conquistato la propria indipendenza linguistica e culturale. Con 7,45 milioni di persone, la Catalogna rappresenta il 16 per cento della popolazione spagnola. Ma la sua economia è proporzionalmente molto più grande (215,6 miliardi di euro), pari ad un quinto del Pil spagnolo, ed è maggiore dell’economia di diversi paesi membri dell’UE. Ma non basta, con 65,2 miliardi di euro di esportazioni e 37 miliardi di euro di investimenti stranieri, la Catalogna rappresenta un quarto dei volumi totali spagnoli in queste categorie.  
Le spinte indipendentiste in Catalogna, Lombardia e Veneto hanno anche radici storiche, nessuna di queste regioni è stata felicemente integrata a livello nazionale e la popolazione si è sentita troppo spesso discriminata. L’esperienza catalana delle ultime due settimane ci dice che  anche questo tipo di rivendicazioni non ha più significato all’interno dell’UE perche’ ha una storia diversa.
La macchina politica di Bruxelles, poi, è lenta, farraginosa ma soprattutto è estremamente burocratica. L’indipendenza catalana significherebbe l’uscita immediata dall’Unione e dall’euro e ci vorrebbero non mesi, ma anni per rientrare. La Catalogna si troverebbe nelle stesse condizioni del Montenegro, con una moneta ‘presa in prestito dai Paesi dell’Unione. Senza accesso alla Banca Centrale Europea, l’economia finirebbe a corto di contante. E questo spiega la fuga di banche ed imprese da Barcellona.
Sbaglia chi pensava che a causa della ricchezza economica e dell’alta produttività della Catalogna, Bruxelles avrebbe aperto le porte al nuovo stato. L’Unione Europea è un club di stati nazione e qualsiasi frazionamento ne metterebbe in forse la validità. La Brexit, poi, ha ulteriormente irrigidito le posizioni di Bruxelles riguardo alle spinte indipendentiste.
Gli Italiani hanno capito tutto ciò durante la crisi del 2011, i Catalani se ne stanno accorgendo in questi giorni. In entrambi i casi tutti ne sono usciti sconfitti, elettorato, politici ed euroburocrati.
15.10.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Sgravi fiscali per tutti
con un taglio del 5%
L'INCHIESTA

L'estate al museo
con 100mila visitatori
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nelle città turistiche
non si santifica la festa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I missili non aiutano
la Siria senza pace
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

"Florence"
declassato
ma vittime
e danni

Città del Messico:
sparatoria
in pieno centro,
morti e feriti