Lo scrittore Arnaldo Alberti su Locarno e il suo futuro
"L'economia domina
e controlla la politica"
CLEMENTE MAZZETTA


C’è la Locarno del festival del cinema, dei grandi concerti in Piazza Grande, della casa del cinema, dell’acquisto dell’autosilo di Largo Zorzi, del pareggio di bilancio…. E c’è la "Locarno del nostro scontento". Quella dello scrittore Arnaldo Alberti che ama moltissimo la sua città, ma che la vede trasformare in una direzione opposta e contraria alle sue aspettative. "Da una città con le tramvie, con l’officina produttrice di gas, del piano urbano che definiva i nuovi quartieri, con gli smantellamenti e le demolizioni si è riusciti a ridurre la zona urbana, che non vuole aggregarsi, a carattere di periferia". Non che non gli vada bene nulla. Ad esempio reputa "una buona operazione a favore della città l’acquisto dell’autosilo di Largo Zorzi (ma considera l’acquisto del terreno ex Balli una furbata per nascondere ciò che l’Amministrazione ha sbagliato in passato non concedendo il permesso di costruzione agli ex proprietari). Il problema è che reputa il ‘nuovo slancio" della città "come il risultato dell’attuale pensiero dominante: dell’economia che domina e controlla la politica".
Non si tratta di un’accusa limitata agli ultimi anni, nè circostanziata a Locarno. "La distruzione della pregevole architettura dell’ottocento a Locarno è stata devastante e continua da oltre settant’anni". Non si aggrega nemmeno ai laudatori della nuova casa del cinema, anzi la considera un falso storico: "Un falso che ha oltraggiato il rigore architettonico dell’ottocento, svuotando un edificio per costruirvi sopra e dentro qualcosa di squallido e architettonicamente dozzinale". Ma non lo dice (solo) per il rimpianto della Locarno d’un tempo. Contro il "modernismo". Anzi. "Per evitare l’ambiguità e il falso si poteva benissimo abbattere l’edificio e costruire qualcosa di moderno e di pregevole come la Posta o la Ferriera". Troppo critico? "Amo Locarno. Ma ogni grande amore fa soffrire. Non voglio tradirla ma proteggerla come dovrebbe fare ogni buon locarnese".

c.m.
22.10.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Lampi di guerra
e fulmini su Trump
L'INCHIESTA

Viviamo circondati
da 8mila videocamere
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dalle buche di Roma
a quelle di Bellinzona
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ecco come l'Occidente
scoprì la globalizzazione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Alienati per il lavoro?
La cucina è l'antidoto
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
28.03.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 aprile prossimo
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018
21.03.2018
L'Ufficio dei beni culturali (UBC) ospite della trasmissione RSI "Finestra popolare" per una serie di incontri dedicati al patrimonio culturale del Cantone Ticino.
21.03.2018
Aperte le iscrizioni all'evento "Un’altra opportunità è d’obbligo - La nuova procedura di annuncio dei posti vacanti" promosso dal Servizio aziende URC della Divisione dell’economia del DFE.
16.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, febbraio 2018
12.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere Ticino, gennaio 2018 e quarto trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Siria:
ispettori Opac
entrano
a Douma

Nicaragua:
almeno 10 morti
per le proteste
sulle pensioni