Lo scrittore Arnaldo Alberti su Locarno e il suo futuro
"L'economia domina
e controlla la politica"
CLEMENTE MAZZETTA


C’è la Locarno del festival del cinema, dei grandi concerti in Piazza Grande, della casa del cinema, dell’acquisto dell’autosilo di Largo Zorzi, del pareggio di bilancio…. E c’è la "Locarno del nostro scontento". Quella dello scrittore Arnaldo Alberti che ama moltissimo la sua città, ma che la vede trasformare in una direzione opposta e contraria alle sue aspettative. "Da una città con le tramvie, con l’officina produttrice di gas, del piano urbano che definiva i nuovi quartieri, con gli smantellamenti e le demolizioni si è riusciti a ridurre la zona urbana, che non vuole aggregarsi, a carattere di periferia". Non che non gli vada bene nulla. Ad esempio reputa "una buona operazione a favore della città l’acquisto dell’autosilo di Largo Zorzi (ma considera l’acquisto del terreno ex Balli una furbata per nascondere ciò che l’Amministrazione ha sbagliato in passato non concedendo il permesso di costruzione agli ex proprietari). Il problema è che reputa il ‘nuovo slancio" della città "come il risultato dell’attuale pensiero dominante: dell’economia che domina e controlla la politica".
Non si tratta di un’accusa limitata agli ultimi anni, nè circostanziata a Locarno. "La distruzione della pregevole architettura dell’ottocento a Locarno è stata devastante e continua da oltre settant’anni". Non si aggrega nemmeno ai laudatori della nuova casa del cinema, anzi la considera un falso storico: "Un falso che ha oltraggiato il rigore architettonico dell’ottocento, svuotando un edificio per costruirvi sopra e dentro qualcosa di squallido e architettonicamente dozzinale". Ma non lo dice (solo) per il rimpianto della Locarno d’un tempo. Contro il "modernismo". Anzi. "Per evitare l’ambiguità e il falso si poteva benissimo abbattere l’edificio e costruire qualcosa di moderno e di pregevole come la Posta o la Ferriera". Troppo critico? "Amo Locarno. Ma ogni grande amore fa soffrire. Non voglio tradirla ma proteggerla come dovrebbe fare ogni buon locarnese".

c.m.
22.10.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Aeroporti e piste da sci
che "succhiano" soldi
L'INCHIESTA

La nuova vita delle auto
tra l'Africa e i Balcani
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonell

Oltre mezzo milione
in abiti, scarpe e viaggi
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ci salverà solamente
un modello sostenibile
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'Ok Corral innesca
la faida dei marsigliesi
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo
26.09.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 26 settembre 2018 alle ore 10.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kashoggi:
Erdogan "Faremo
luce su quanto
accaduto"

Brexit:
oltre 500'000
a Londra
per 2° referendum