La spaccatura del Ps dopo il no a sgravi e socialità
Immagini articolo
Socialisti ai ferri corti,
in vista un referendum


Nel Partito socialista derubricano lo scontro fra la maggioranza del gruppo parlamentare, consigliere di Stato compreso, direzione del Ps  sulla riforma fiscale e sociale, a semplice confronto. "Duro, franco, in un partito dove lo scambio di idee c’è sempre stato". In verità la linea del confronto sulle cose,  che all’interno del Ps aveva trovato in Manuele Bertoli il più convinto interprete, è stata  battuta. È prevalsa una scelta "radicale" della direzione che non lascia grandi margini di manovra al gruppo parlamentare. Tra i socialisti "storici" c’è chi, come Werner Carobbio, 81 anni, tende a ridimensionare la frattura emersa al comitato cantonale: "Normale dialettica all’interno del partito - dice l’ex consigliere nazionale -. Bertoli fa il consigliere di Stato e il partito può fare altre scelte. Io ho sostenuto la posizione della direzione, ma non vedo alcuna contrapposizione al nostro interno. Tanto più che lo stesso Bertoli ha espresso parecchie riserve sulla parte fiscale del pacchetto. Ha detto che non gli piace". Il problema per Carobbio sta altrove: "Nella clausola ghigliottina che lega fiscalità e socialità".
Un problema, invece, esiste secondo Rossano Bervini, 67 anni: "Non sono più iscritto al Ps dal ‘91 - premette l’ex consigliere di Stato -. Dall’esterno posso dire che, se l’accaduto non è sconvolgente dal profilo istituzionale, è comunque il sintomo che qualcosa non funziona. Ed è un problema di fondo se un partito già così ridotto numericamente non sa decidere da che parte stare. Un grosso partito può uscire arricchito dalla vivacità delle opinioni diverse, per chi è già in calo si perde solo ulteriore attrattività elettorale".    
Nessun ritorno al passato, per l’ex consigliere di Stato, Pietro Martinelli, 83 anni: "Non credo che nel comitato cantonale sia affiorata l’anima ideologica, massimalista. Più semplicemente si tratta di un rifiuto a un compromesso, perché di fatto questo pacchetto fiscale dice prendere o lasciare. Non lascia scelte". Non si tratta, aggiunge Martinelli, "di spaccature all’interno del Ps, ma di misure fiscali che vengono legate a misure sociali. Dunque si deve dire sì o no, o tutto o niente. Non c’è spazio per un dibattito. Anzi, dirò di più questo è un modo per bloccare la democrazia. Era già accaduta una cosa simile nel 1976 con una riforma fiscale che veniva compensata da misure sociali. Ora noto che c’è un secondo tentativo".
"Nessuno scontro, nessuna scelta ideologica", ribatte  a sua volta  Igor Righini, presidente del Ps, ma solo un serio confronto sui contenuti:  "Siamo arrivati alla conclusione che i due aspetti, quello fiscale e sociale, andassero separati e che la ‘clausola ghigliottina’ (o tutto o niente) non fosse accettabile.  Altro che scelta ideologica, la nostra è stata una valutazione economica: la politica degli sgravi proposta farebbe mancare le risorse proprio per le politiche sociali. Così abbiamo deciso di conseguenza".

c.m./s.pi./m.sp.
22.10.2017


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Troppi negozi chiusi,
ogni mese 5 in meno"
L'INCHIESTA

La "bolla integralista"
cresce nelle carceri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Sparate leghiste
da ignorare sempre
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una politica assente
per il business migranti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]
30.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
29.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile e primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Macron
ipoteca
il mini vertice
europeo

Bosnia-Erzegovina:
la rotta dei migranti
al confine
con la Croazia