I progetti per il futuro di Mendrisio secondo Carlo Croci
Immagini articolo
"Nel 2018 apriremo
la nuova Filanda"
CLEMENTE MAZZETTA


Progetti da concretizzare nel 2018? Un attimo, sono sindaco da un anno e mezzo...", abbozza Carlo Croci, 55 anni. Sindaco di Mendrisio da 560 e passa giorni se si conta solo l’ultima legislatura. Ma questa per lui è la settima. La prima volta è stato eletto nel 1994.
Può citare un progetto che si concretizzerà nel corso del 2018?
"Abbiamo molte opere in cantiere,  alcune  finanziate completamente dal comune,  altre dove è prevista solo una nostra partecipazione, come è il caso del nuovo svincolo autostradale di Mendrisio. È un intervento fondamentale nel contesto della mobilità della città che si concluderà fra questo e il prossimo anno".
Inciderà sui flussi del traffico sud-nord, verso Lugano?
"No, è evidente. Non sarà questo svincolo a togliere le colonne che si formano già alle sette di mattina per andare nel Luganese. Ma l’accessibilità alla città migliorerà: gli utenti del traffico dalla zona della montagna potranno entrare in autostrada all’altezza di Rancate. E permetterà a quelli indirizzati verso i centri commerciali, soprattutto nei fine settimana, di avere un’entrata indipendente a Mendrisio. È un’opera realizzata nel contesto del piano del Traffico di Mendrisio che costerà un centinaio di milioni".
Inevitabile parlare di traffico a Mendrisio, ma c’è un progetto che ha un particolare significato?
"Molti. Stiamo elaborando dei progetti di mobilità aziendale. Altri per dotare la città di un parco di biciclette elettriche. Del resto siamo stati pionieri per il Vel, le auto elettriche...".
E lei è da anni che le usa.
"È risaputo. È da vent’anni che mi sposto con un’auto elettrica. Ne ho già cambiate tre".
Ma un’opera significativa per Mendrisio entro il 2018?
"Un particolare significato riveste per noi l’apertura del centro culturale La Filanda. Un’opera che è realistico pensare di concludere entro il 2018".
È un centro innovativo per il Ticino: sarà contemporaneamente  biblioteca, ludoteca, videoteca, luogo d’incontro, sede di conferenze, mostre…
"Purtroppo abbiamo dovuto superare un iter ‘nervoso’, ma dopo i ritardi dovuti ad una serie di ricorsi siamo finalmente  entrati nella fase finale. Entro il 2018, o poco più tardi,  saremo in grado di offrire questo piccolo centro culturale, multigenerazionale e multifunzionale alla nostra popolazione".
Entro quest’anno inaugurerete anche il teatro dell’architettura di Mendrisio.
"Di per sé questa non è un’opera ‘nostra’, anche se abbiamo avuto un ruolo importante. Va a completare le strutture legate all’università".
Quale è stato il vostro impegno in questo contesto?
"Ci siamo adoperati per destinare un importante contributo del Casinò al nuovo teatro: parlo di alcuni milioni di franchi. Continueremo poi i lavori del Centro di pronto intervento che si concluderà nel 2019, dove abbiamo riunito pompieri, polizia, protezione civile…".
La prima parte l’avete inaugurata pochi mesi fa. È un edificio importante non solo da un punto di vista funzionale...
"Sì.  La nuova struttura firmata da Mario Botta ha cambiato completamente l’entrata del borgo. Finita costerà fra i 30 e i 40 milioni di franchi".
Insomma siete un cantiere aperto, nonostante le aggregazioni.
"Nonostante le aggregazioni, le diminuzioni dei sussidi, la perdita di qualche ricco contribuente. Come il caso Armani, che ci ha costretti a rivedere il piano finanziario. Ma abbiamo mantenuto il moltiplicatore fermo al 75%".
E quali sono stato i momenti più difficili per voi?
"Come sempre quando non ci sono i soldi. Come è successo nei primi anni del 2000. Quando aumentammo il moltiplicatore al 90% e dovemmo ridurre gli stipendi dei dipendenti".
L’aggregazione vi ha forse appesantito?
"Quando l’abbiamo pianificata aveva una sua prospettiva finanziaria. Ma una volta fatta le condizioni generali (nostre e del Cantone)  ci hanno messo in difficoltà. Riusciamo comunque a gestirla con il moltiplicatore al 75%. Con qualche sacrificio, però. Ma con il senno di poi invece di farla a tappe (tre in 12 anni) era meglio fare come Bellinzona: realizzarla in un colpo solo".

cmazzetta@caffe.ch
29.10.2017


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"Su Argo 1 il governo
ha delle responsabilità"
L'INCHIESTA

Interessi immobiiari
dietro i milioni in pista
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La giovane Greta
contro le energie fossili
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Brexit un divorzio
che non avrà vincitori
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Otto appuntamenti
nel mondo che muta
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023.
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018
20.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, novembre 2018
18.12.2018
Licenziato il messaggio relativo all’approvazione del Piano cantonale delle aggregazioni
12.12.2018
Ampliato il ventaglio dei colori per le mappe della qualità dell'aria [www.ti.ch/oasi]
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ungheria
di nuovo
in piazza
contro Orban

Messico:
65 morti
durante furto
di combustibile