Incontro fra il vescovo di Lugano e il ministro Bertoli
Immagini articolo
Per l'ora di religione
accordo imminente
CLEMENTE MAZZETTA


Accordo in vista sull’insegnamento della religione a in classe. Forse già entro l’anno. L’incontro tra il ministro della Scuola, Manuele Bertoli, e il vescovo Valerio Lazzeri, avvenuto venerdì scorso - come confermano due fonti qualificate, una della Curia, l’altra dipartimentale - ha riaperto il dossier fermo al palo ormai da oltre un decennio. L’obiettivo è di chiuderlo in breve tempo.  
Bertoli non si è sbottonato sui contenuti della discussione. Si è soltanto detto molto soddisfatto dei passi avanti compiuti e ottimista sulle conclusioni in tempi abbastanza rapidi, ma senza rilasciare dichiarazioni ufficiali. "Il Consiglio di Stato preferisce attendere che maturi il consenso delle Chiese attorno ad una soluzione improntata al modello del doppio binario", aveva detto quando si era congelata - nello scorso mese di giugno - l’iniziativa del deputato Plrt Matteo Quadranti che proponeva di rendere quindicinale il corso facoltativo di religione (oggi settimanale) e di caricare i costi dell’insegnamento religioso, attualmente pagati dallo Stato, sulle Chiese, cattolica ed evangelica. Quel consenso ora sembra maturato.
La soluzione verso cui si sta procedendo sarebbe quella del cosiddetto doppio binario, ovvero dell’ora obbligatoria di storia della religione non confessionale a cura dello Stato (con i docenti di storia), a cui si aggiunge come opzionale l’ora "confessionale" gestita direttamente dalle Chiese. Una soluzione adottata dalla stragrande maggioranza dei Cantoni svizzeri e che converrebbe anche dal punto di vista economico, rispetto all’opzione presentata nel 2016 dal presidente ppd Fiorenzo Dadò, che accettava di introdurre l’insegnamento religioso dello Stato accanto a quello confessionale, pur di rendere facoltative entrambe le scelte. Ma al di là dei costi, che aumenteranno rispetto ad oggi (dagli attuali 1,8 ai 2,4 milioni ogni anno), la Curia contestava la formazione dei docenti di storia: non sarebbero sufficientemente preparati per la "materia religiosa". Facile l’obiezione del Decs: aggiungere nella scuola una nuova figura professionale specializzata nella sola storia delle religioni per un’ora sola settimanale per classe rischierebbe di trasformare il "povero" docente in un globtrotter fra una scuola e l’altra.

c.m.
12.11.2017


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"Su Argo 1 il governo
ha delle responsabilità"
L'INCHIESTA

Interessi immobiiari
dietro i milioni in pista
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La giovane Greta
contro le energie fossili
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Brexit un divorzio
che non avrà vincitori
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Otto appuntamenti
nel mondo che muta
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023.
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018
20.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, novembre 2018
18.12.2018
Licenziato il messaggio relativo all’approvazione del Piano cantonale delle aggregazioni
12.12.2018
Ampliato il ventaglio dei colori per le mappe della qualità dell'aria [www.ti.ch/oasi]
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ungheria
di nuovo
in piazza
contro Orban

Messico:
65 morti
durante furto
di combustibile