Socialisti ancora divisi su tagli fiscali e misure sociali
Immagini articolo
Lo "Strappo Rosso"
è stato rimandato
CLEMENTE MAZZETTA


Lo scontro in casa socialista è rinviato. Per ora è stato siglato un armistizio fra la direzione del Ps e il gruppo parlamentare. Sarà infatti una conferenza cantonale del partito, in calendario il 17 dicembre 2017, a decidere cosa fare sulla riforma fisco-sociale che prevede una serie di sgravi fiscali per circa 22 milioni di franchi, accompagnati da misure sociali finanziate dalle imprese per 21 milioni. È in quell’occasione che il Ps farà la conta interna e deciderà se lanciare o meno il referendum."Tutto dipende da quel che uscirà dalla discussione parlamentare - dice il presidente Igor Righini -. Decideremo nel corso della conferenza cantonale, cosa che avremmo fatto comunque diversamente da quel che sostiene Raoul Ghisletta". Polemico quel che basta, Righini resta molto critico sulla riforma fisco-sociale, definita "una forzatura, un ricatto". Intanto la conferenza cantonale  ha tolto di mezzo il referendum interno preannunciato da Ghisletta. Calcisticamente sarebbe uno a zero, per Righini. "A questo punto la richiesta di una consultazione fra di noi non aveva più luogo d’essere - ammette infatti il deputato Ghisletta - è  superata dalla conferenza cantonale a cui potranno partecipare e votare tutti gli iscritti".
La riforma elaborata dai consiglieri di Stato Christian Vitta e Paolo Beltraminelli era stata votata all’unanimità dal governo. Anche da Manuele Bertoli: un compromesso accettabile, a suo dire, perché fra "tra l’uovo oggi o la gallina forse domani, meglio scegliere l’uovo che si mangia adesso". Un indirizzo che però non ha fatto l’unanimità. Ad esempio, oltre alla direzione del Ps,  vi si oppone Ivo Durisch, capogruppo socialista in parlamento: "Personalmente resto contrario alla riforma così come è impostata, per gli sgravi e per la clausola ghigliottina che sarebbe meglio venisse tolta. Ma ne discuteremo ancora in gruppo e prenderemo una posizione definitiva nel corso della conferenza cantonale".
La riforma legando in modo indissolubile i due ambiti, quello fiscale - con tanto di sgravi per aziende - e quello sociale, rende impossibile accettare una parte respingendone un’altra. Il classico "do ut des" che dovrebbe garantire dei vantaggi reciproci.
La valutazione in casa Ps arriverà a "bocce ferme", dopo la discussione parlamentare: tutto dipenderà, lascia intendere Ghisletta,  da quel che riusciranno a modificare i deputati socialisti. Questo, anche se Igor Righini un mese fa aveva fatto approvare dal comitato cantonale una risoluzione che chiedeva di congelare la riforma, di scinderla in due (quella sociale e quella fiscale) e di autorizzare la direzione del Ps partecipare ad un "preannunciato comitato referendario anche di fronte ad una variante di poca sostanza della riforma". Un no a priori che è tecnicamente "congelato".  Tutto si sposta a dicembre. Intanto viene garantita l’agibilità politica al gruppo, che può agire in piena autonomia proponendo emendamenti, suggerendo modifiche. Uno a uno, con rete di Ghisletta.  "Siamo critici sul fatto che si destinano 7 milioni all’assegno parentale, non ci pare una destinazione prioritaria e non assolve allo scopo di conciliare il lavoro con la vita famigliare", spiega infatti Ghisletta proponendo di spostare questa cifra, almeno in parte per agli asili nido e ai doposcuola così da coprire i costi per il 70% lasciando alle famiglie solo il restante 30%: "Scelta che avrebbe anche l’effetto di migliorare gli stipendi degli addetti agli asili, ora molto bassi".
A sostenere i 3’500 per neonato, la proposta governativa, è in particolare il Ppd. Con questo vuole compensare parzialmente la perdita di reddito per la nascita di un figlio e sostenere il proprio consigliere di Stato Paolo Beltraminelli. Del resto un aiuto supplementare, esteso anche al ceto medio, per favorire la libera scelta delle famiglie era già stato proposto in passato dai deputati Gianni Guidicelli e Luca Pagani. Più disponibili a valutare le proposte del Ps i rappresentanti del Plrt e della Lega in commissione tributaria.  Caduta dunque l’idea di un referendum interno, la direzione mantiene in stand-by il proprio punto di vista in attesa della conferenza cantonale. Resta  sul tappeto la questione dell’indirizzo politico. Ovvero di chi comanda all’interno del Ps. Lo scopriremo, in parte, domenica 17 dicembre.

c.m.
19.11.2017


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

I figli della provetta
compiono 40 anni
L'INCHIESTA

"La Svizzera annetta
Campione d'Italia"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La sfida masochista
dei partiti di sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il populismo di Erdogan
sulla strada per l'Islam
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, luglio 2018
10.08.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 10 agosto 2018 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
03.08.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico dell'Ufficio di Consulenza tecnica e dei lavori sussidiati [www.ti.ch/consulenza-tecnica]
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Romania:
scontri e feriti
nel corteo
anticorruzione

La Nasa
lancia "Parker",
la sonda
verso il Sole