La maledizione che perseguita i popolari democratici
Immagini articolo
Se i leader del Ppd
affondano il partito
LIBERO D'AGOSTINO


Da Fulvio Pezzati a Fiorenzo  Dadò. È la maledizione dei leader emergenti che trasmutano nella zavorra che rischia di mandare a picco il Ppd. Un maleficio diabolico che dal Ticinogate allo scandalo Argo1 perseguita i popolari democratici: lasciarsi abbagliare dalle persone sbagliate, fidarsi di chi non ci si dovrebbe fidare e perseverare nell’errore.  
A metà degli anni ’90 era stata la ricchezza ostentata da Gerardo Cuomo, contrabbandiere di sigarette e pregiudicato in Italia, ad allucinare Pezzati, il presidente del tribunale penale Franco Verda e a frastornare anche l’allora consigliere di Stato ppd Alex Pedrazzini. Che su sollecitazione dello stesso Pezzati premeva sul ministro delle finanze Marina Masoni affinché chiudesse un occhio sui precedenti penali del commerciante di tabacchi, visto che era "un ottimo contribuente", per fargli ottenere il permesso di dimora in Ticino. "I rimproveri che sono mossi al signor Cuomo non costituiscono a parer mio un masso granitico che lo schiacci ed esiste perciò un margine di apprezzamento", scriveva Pedrazzini alla collega di governo. Ma Masoni, richiamandosi al rispetto della legge, rispose picche.  Poco tempo dopo quei "rimproveri" furono l’epicentro di un terremoto politico giudiziario che sconvolse il Palazzo.  
Per Pezzati, all’epoca brillante capogruppo in parlamento e su cui il partito puntava per recuperare il seggio in governo, fu la fine di una promettente carriera politica. Oggi ad inguaiare Dadò, il presidente che doveva rilanciare il Ppd, sono 150 miserevoli franchi di una cena in un albergo di Bormio. Il "cortese omaggio" alla sua compagna Carmela Fiorini, responsabile cantonale del servizio richiedenti l’asilo, elargito da Marco Sansonetti, direttore operativo della società di sicurezza Argo1, è la penosa coda di uno scandalo  politico-istituzionale in cui sta affondando il ministro ppd Paolo Beltraminelli. E con lui tutto il partito.  
Un mandato diretto di 3,4 milioni di franchi alla Argo1 per  sorvegliare alcuni centri per asilanti, violando ripetutamente per tre anni la legge e le procedure istituzionali. Con Beltraminelli che, rinchiuso nel cerchio magico dei suoi funzionari, è stato sempre, a sentir lui, tenuto all’oscuro di tutto. Persino "dell’inusuale" riunione, negli uffici del suo dipartimento, di Dadò e Fiorini con Renato Bernasconi, responsabile della Divisione dell’azione sociale, "per porre fine alle maldicenze sulla cena di Bormio".
Per tre anni a Beltraminelli è mancato "il guizzo" per ricordarsi di regolarizzare quel mandato milionario alla Argo, per intuire che alcuni alti dirigenti del dipartimento, tra una dimenticanza e l’altra, tra "un’ingenuità" e l’altra, stavano rozzamente abusando del loro potere, e per accorgersi del baratro che gli si stava aprendo sotto i piedi.
Da Fulvio Pezzati a Fiorenzo Dadò, da Alex Pedrazzini a Paolo Beltraminelli, la maledizione del Ppd ripropone l’inadeguatezza, o la superficialità, di alcuni suoi esponenti nel rispettare le regole istituzionali e nell’impersonare l’autorevolezza dello Stato. Compromettendo così la credibilità e la rispettabilità di un partito che non si salvano di certo con le patetiche astuzie "di fatti non penalmente rilevanti". E fa quasi tenerezza il capogruppo in Gran Consiglio, quel galantuomo di Maurizio Agustoni quando, riecheggiando la tesi di qualche fantasioso opinionista, non vede in questi stessi fatti nemmeno "una gravità istituzionale" tale da giustificare una Commissione parlamentare d’inchiesta.
Nel Ppd è cominciata la lotta per liberarsi di Beltraminelli e Dadò e non arrivare con un partito allo sbando alle elezioni cantonali dell’aprile 2019. Accantonata l’alleanza strategica con i liberali radicali, a cui avevano lavorato gli ex presidenti Rocco Cattaneo del Plrt e i ppd Giovanni Jelmini e Filippo Lombardi,  che avrebbe proiettato i popolari democratici in una prospettiva diversa, ora bisogna ritrovare una leadership credibile e candidati autorevoli per il governo. I nomi non mancano, ma neanche le resistenze interne in un partito che appena undici mesi fa aveva faticato non poco a scegliere un nuovo presidente.
19.11.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Quando lo Stato
diventa mamma
L'INCHIESTA

Calano i morosi
delle Casse malati
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

L'anziano digitale
stimola la produttività
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il protezionismo,
retorica della paura
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.05.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 28 maggio 2018.
15.05.2018
Pubblicato un nuovo rapporto sullo sviluppo territoriale: "Nuove geografie della logistica nel Cantone Ticino" [www.ti.ch/ostti]
27.04.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Bellinzonese e Locarnese-Vallemaggia
27.04.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali della Riviera e Valli
25.04.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 7 maggio prossimo
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Londra:
il grande giorno
è finalmente
arrivato

L'arduo tentativo
della formazione
del governo
iracheno