Futuro incerto per i vertici dei popolari democratici
Immagini articolo
Presidente e ministro
dividono la base ppd
LIBERO D'AGOSTINO


Se fosse il gioco della battaglia navale sulla fregata Beltraminelli e sul cacciatorpediniere Dadò, ci sarebbero già due crocette: colpiti e affondati. Nella realtà il ministro popolare democratico e il presidente del partito imbarcano acqua, ma riescono ancora a galleggiare tra le mine dello scandalo Argo1. Nel Ppd, però, ci si domanda fino a quando. Si teme che presentarsi alle elezioni cantonali del 2019 in queste condizioni, equivalga ad un suicidio politico.
"Difficoltà", "imbarazzo", "disagio", dietro i toni felpati dei popolari democratici c’è un partito diviso che s’interroga sull’impatto e le conseguenze elettorali del caso Argo. Gli attacchi contro Paolo Beltraminelli e Fiorenzo Dadò lanciati dai microfoni della Rsi dal consigliere nazionale Fabio Regazzi e dal sindaco di Massagno Giovanni Bruschetti hanno dato voce ad una parte del partito che vorrebbe un radicale cambio di passo e di guardia alla presidenza. Ma nel Ppd, salvo nuovi colpi di scena dalle inchieste su Argo, si esclude una svolta immediata che, peraltro, verrebbe vista dall’opinione pubblica come l’ammissione di un fallimento.
Le sorti elettorali del direttore del dipartimento Sanità, che sembra sempre più il capro espiatorio dello scandalo Argo anche all’interno del suo partito, per il Ppd sono legate all’esito delle tre inchieste in corso, penale, parlamentare e governativa. Né sarebbe difficile sostituire Beltraminelli nelle liste per il governo. A parte Dadò, pure azzoppato dall’affaire Argo, i possibili candidati non mancano. Oltre allo stesso Regazzi, a Marco Passalia, Sabrina Gendotti e Giorgio Fonio che hanno fatto un ottimo risultato alle ultime cantonali, ci sarebbero anche il senatore Filippo Lombardi, il consigliere nazionale Marco Romano e Maurizio Agustoni attuale capogruppo in parlamento.
Molto più delicato è, invece, un ricambio del presidente dopo appena 11 mesi dalla nomina di Fiorenzo Dadò. Tra i ppd non si sgomita di certo per questa carica, come si è visto con il lungo travaglio per la successione a Giovanni Jelmini prima e, poi, alla presidenza ad interim di Lombardi. Tanto più oggi con un partito in difficoltà. Tra gli azzurri c’è chi guarda con interesse ad Agustoni, che era considerato il successore naturale di Jelmini, e chi azzarda persino una svolta storica con una donna al vertice, Sabrina Gendotti o Nadia Ghisolfi. Ma nel Ppd questa non è musica per oggi.
I sostenitori di Dadò serrano le fila, ricordano che in pochi mesi sotto la sua guida si sono messe a posto le finanze del partito, l’organizzazione interna ed elaborato un nuovo programma che sarà presentato tra poche settimane. "La sua presidenza non è in discussione. È stata la base del partito a sceglierlo, perché voleva un presidente diverso e più profilato. Oggi Dadò è sotto attacco anche perché è stato uno dei pochi politici che ha avuto il coraggio di opporsi decisamente alla Lega", afferma un esponente del Ppd. "Una base - assicura - che vuole rialzare la testa, che si sta ricompattando, stufa di vedere un partito preso a sberle da tutti".

l.d.a.
19.11.2017


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Gli ospedali diventano
cliniche specializzate
L'INCHIESTA

Il successo di Airbnb
infastidisce gli hotel
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Niente video porno
tra i caffè americani
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I giganti del mercato
condizionano gli Stati
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La silente resistenza
del Califfato islamico
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori
06.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2018
29.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2018
28.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 10 dicembre 2018.
26.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

La Cina
rilancia
la "Corsa
alla Luna"

Strage
di Corinaldo:
la discoteca
era sovraffollata