Le opinioni di Andrea Ghringhelli e Nenad Stojanovic
Immagini articolo
"In un clima di sfiducia
rischiano tutti i partiti"
CLEMENTE MAZZETTA


Tra un Ppd in difficoltà e un Ps diviso è meglio un liberale in più o un leghista in meno? Gli scenari del governo che verrà sembrano aperti ad ogni possibilità. Soprattutto per lo storico Andrea Ghiringhelli per il quale "se sta male il Ppd non è che gli altri partiti stiano meglio". Pertanto, "in un contesto di disaffezione crescente, di protesta contro la ‘mediocrazia’, rischiano tutti - aggiunge -. Non c’è più un partito che può dirsi al sicuro. Neanche i liberali. Neanche la Lega". Mentre in passato, ricorda lo storico, "le proteste erano finalizzate a problemi specifici, per la prima volta registriamo in Ticino una indignazione verso la classe politica in quanto tale".
Uno dei fattori da considerare, secondo Ghiringhelli, è la sfiducia dei cittadini verso i partiti di governo. "Un problema che non nasce oggi - nota -, ma che in questi anni non è stato risolto. Non è che in questi ultimi tempi i partiti si siano impegnati per migliorare la loro immagine. Chi contesta in questo modo la classe politica o il governo, penso che non voterà nemmeno i partiti populisti, nemmeno la Lega. E se questa contestazione si traduce in astensionismo, gli equilibri possono mutare per tutti. Con esiti impensabili". In una società liquida, inevitabilmente pure la politica è fluida. Molto fluida.
Per immaginare gli scenari del governo del 2019, il politologo Stojanovic parte invece dagli ultimi risultati, quelli del 2015. "Con quei dati - dice -, i seggi più sicuri sono quelli assegnati nella prima ripartizione, ovvero il primo della Lega e quelli del Plrt e del Ppd. Facile immaginare che, nonostante qualche scivolone, questi seggi siano sostanzialmente acquisiti. Ad essere a rischio sono quelli della seconda ripartizione: il secondo della Lega e l’unico assegnato al Ps". E Stojanovic chiarisce: "Si tratta di due seggi a poca distanza dal Plrt. Tanto che, per il nostro sistema di votazione, tutto si può quindi giocare su un centinaio di schede di partito".
Per Stojanovic più a rischio il Ps rispetto alla Lega: "Contrariamente a tutti gli altri cantoni dove si elegge il governo con il sistema maggioritario, e dove incaponirsi su un candidato ‘debole’ come potrebbe essere Beltraminelli, porterebbe alla sconfitta, in Ticino, con il proporzionale contano i voti dei partiti. Anche ipotizzando un loro calo di voti, mi pare impensabile che il Ppd perda in un sol colpo tremila schede. Quanto alla Lega, le ultime votazioni ci hanno insegnato che il voto leghista è in qualche modo indipendente sia dai candidati che dai risultati: è un voto più identitario. Mentre è quello socialista che può risentire maggiormente dalla contingenza".
Una considerazione che deve aver fatto anche il Plrt che in questo ultimo anno non ha lesinato critiche al progetto della "Scuola che verrà" con l’obiettivo evidente di indebolire il ministro della cultura Bertoli. "Ai socialisti per evitare brutte sorprese - conclude Stojanovic - converrebbe stringere un’alleanza con i Verdi, proponendo una lista rosso-verde per il consiglio di Stato".
26.11.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

I figli della provetta
compiono 40 anni
L'INCHIESTA

"La Svizzera annetta
Campione d'Italia"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La sfida masochista
dei partiti di sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il populismo di Erdogan
sulla strada per l'Islam
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
10.08.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 10 agosto 2018 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
03.08.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico dell'Ufficio di Consulenza tecnica e dei lavori sussidiati [www.ti.ch/consulenza-tecnica]
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Romania:
scontri e feriti
nel corteo
anticorruzione

La Nasa
lancia "Parker",
la sonda
verso il Sole