Le possibili candidature e i ministri a rischio per il futuro
Immagini articolo
Il governo del 2019,
ipotesi oltre la bufera
CLEMENTE MAZZETTA


Domenica 7 aprile 2019. Sembra lontanissima la data di scadenza (e di rinnovo) del Consiglio di Stato. Eppure il conto alla rovescia è già cominciato. Mezze parole, contatti, abbozzi di ipotesi: i vertici politici stanno già valutando i possibili scenari, soppesando nomi, ambizioni e reali chanche. E allora vediamo chi rischia di più (e di meno), fra i partiti e i ministri in carica.
A 16 mesi dal voto, chi sembra essere in una botte di ferro per i risultati raggiunti (per il pareggio di bilancio) e per il consenso trasversale all’interno del Paese, è senza dubbio Christian Vitta, plrt, direttore del dipartimento delle finanze e dell’economia. All’estremo opposto, Paolo Beltraminelli, ppd, a capo della Sanità e Socialità, la cui immagine sta uscendo malconcia dallo scandalo Argo1. Tra i ministri è lui il vaso di coccio. Con Vitta quasi sicuro, facile per il Plrt, confortato anche dalla recente elezione di Ignazio Cassis in governo federale, pensare al raddoppio. Magari col ritorno in corsa del vicesindaco di Lugano, Michele Bertini, arrivato ad una spanna da Vitta tre anni fa. A fare le spese di un raddoppio plrt, visto gli attuali rapporti di forza, potrebbero essere la Lega o il Partito socialista, che nel 2015 hanno ottenuto il proprio seggio solo in seconda battuta. Con 189mila voti, il Ps sembra a distanza di sicurezza. Più a rischio la Lega, che ha agguantato il secondo seggio con 168mila voti: distanziata dal Plrt solo da 9mila voti. In questo caso, stando ai rapporti di forza del 2015, uscirebbe di scena il leghista Norman Gobbi, a capo del dipartimento delle istituzioni, per il semplice fatto che Claudio Zali, Lega, oggi direttore del Territorio, allora poté contare su 10mila preferenze in più.
A differenza di quel che i numeri lascerebbero intendere, Gobbi in questi anni, nonostante qualche ammaccatura per lo scandalo dei "permessi facili" nel suo dipartimento, ha via via assunto maggior peso dentro la Lega. Si parla di lui come "uomo forte"  e come  possibile nuovo coordinatore del movimento leghista al posto di Attilio Bignasca. Non si esclude che potrebbe però entrare in scena un candidato come Michele Foletti, municipale di Lugano, rappresentante "storico" della Lega, con alle spalle un ottimo lavoro amministrativo  avendo contribuito a risanare le finanze comunali. Un atout rafforzato dalla  recente nomina a presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sul caso Argo1.
In casa Ps, pur con qualche timore che arriva da sinistra, il seggio viene dato per certo, nonostante le contestazioni subite dal ministro Manuele Bertoli, a capo del dipartimento dell’educazione, cultura e sport, sulla nuova legge scolastica. C’è chi ha voluto intravvedere nelle recenti polemiche fra lui e la direzione del Ps sul pacchetto fiscale-sociale un primo braccio di ferro con Marina Carobbio, attuale consigliere federale, che chiuderà la sua esperienza a Berna nel 2019. Una lista di battaglia con Carobbio potrebbe sparigliare le carte.
Infine nel Ppd: nonostante la questione Argo1 che si trascina ormai da mesi, il seggio non dovrebbe essere in discussione anche con la ricandidatura di Beltraminelli. Pur in difficoltà, il Ppd ha raccolto 225mila voti nel 2015, quasi 50mila in più rispetto al secondo seggio della Lega. Abbandonate da tempo le velleità di riconquistare il secondo seggio, i pipidini mantengono ancora una forte consistenza popolare soprattutto in periferia e in alcune roccaforti. Ad essere messo in discussione potrebbe essere Beltraminelli, se la Commissione d’inchiesta appurasse evidenti manchevolezze.
Intanto, il toto nomi dei possibili subentranti ppd è già iniziato. Fra questi l’avvocato ed ex-procuratore federale Pierluigi Pasi o l’attuale procuratore pubblico Nicola Respini. Più difficile pensare oggi a una candidatura del presidente Fiorenzo Dadò (che sconta pure il caso Argo1), fra le nuove leve potrebbero farsi avanti Maurizio Agustoni, capogruppo in Gran Consiglio, o il parlamentare e sindacalista Giorgio Fonio.

c.m.
26.11.2017


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"Su Argo 1 il governo
ha delle responsabilità"
L'INCHIESTA

Interessi immobiiari
dietro i milioni in pista
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La giovane Greta
contro le energie fossili
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Brexit un divorzio
che non avrà vincitori
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Otto appuntamenti
nel mondo che muta
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023.
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018
20.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, novembre 2018
18.12.2018
Licenziato il messaggio relativo all’approvazione del Piano cantonale delle aggregazioni
12.12.2018
Ampliato il ventaglio dei colori per le mappe della qualità dell'aria [www.ti.ch/oasi]
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ungheria
di nuovo
in piazza
contro Orban

Messico:
65 morti
durante furto
di combustibile