Un'iniziativa del Mps chiede risparmi sui soldi pubblici
Immagini articolo
"Basta denaro ai partiti"
Parte un'offensiva
STEFANO PIANCA


Far parte di un gruppo paga sempre. O quasi. Ma in politica, in quel mondo dove ci si conta, la forza dei numeri si tramuta in biglietti da mille. Per qualcuno - solitamente per chi ha tutto da guadagnare - è normale che lo Stato finanzi i gruppi parlamentari, per qualcun altro i denari iniettati dal Cantone nelle vene della politica sono solo un modo malsano, o diciamo artificioso, di "dopare" la democrazia.
Prima di spiegare chi vuole bandire il finanziamento pubblico dei partiti, giova forse conoscere l’entità della posta in gioco. I gruppi parlamentari - e per far gruppo occorre schierare almeno cinque deputati - ricevono un contributo annuo di 40mila franchi, cui va sommato un supplemento di 3mila franchi per singolo parlamentare. In forza dei 24 seggi loro attribuiti i "Rockfeller" della legislatura 2015-19 sono i liberali radicali il cui gruppo parlamentare dalla Segreteria del Gran Consiglio stacca uno chèque annuo di 112’000 franchi. A seguire la Lega (106’000), il Ppd (91’000), il Ps (79’000), i Verdi (58’000) e, a chiudere, la Destra che coi suoi cinque deputati intasca 55’000 franchi. La somma del contribuito ai gruppi parlamentari varia a seconda di quanti riescono a far gruppo, ma tendenzialmente il totale si aggira attorno al mezzo milione di franchi. Pochi? Tanti?
Diciamo abbastanza comunque per litigare e poi continuare a stare assieme da separati in casa, come dimostra l’esempio dei Verdi. Fra i motivi all’origine delle espulsioni all’interno del gruppo di sei ambientalisti è stato citato anche il mancato versamento al partito della quota d’indennità. Sì, perché ogni deputato riceve anche un’indennità di seduta di 200 franchi per le riunioni del Gran consiglio, ma anche per quelle delle commissioni e dei gruppi parlamentari. Qui i calcoli sono un po’ più complicati, ma - in una legislatura con pochi assenteisti - in sole indennità di seduta si supera abbondantemente il milione e mezzo di franchi.
Il "casus" dei Verdi, che continuano a fare gruppo nonostante i 3 deputati espulsi dal movimento, può essere letto con il legittimo interesse ad avere i numeri per partecipare alle commissioni. E dunque far politica, visto che è nell’anticamera dell’aula parlamentare che maturano le decisioni. Ma la convivenza forzata può anche essere spiegata con l’interesse, assai meno nobile, di voler continuare ad incassare l’indennità forfettaria versata ai gruppi.
Ma il cordone ombelicale dei finanziamenti pubblici non nutre i partiti solo attraverso soldi provenienti dal Gran Consiglio. No, anche a livello comunale la pratica si ripete per i gruppi presenti nei vari consigli comunali. Calcoli ancora più difficili da fare, ma grossomodo la cifra totale raccolta nei Comuni equivale grossomodo alle indennità forfettarie cantonali. Troppi soldi pubblici che finiscono nelle casse dei partiti, secondo Matteo Pronzini del Mps, che ha presentato tre iniziative per vietare questi versamenti (vedi a lato): "Uno dei problemi - spiega il deputato - è che non si sa bene per cosa vengano usati questi soldi. Ma è facilmente intuibile. Questo bottino di guerra serve ai partiti per perpetuare il sistema. In questo modo è lo Stato che di fatto finanzia le campagne elettorali dei partiti. E ciò è profondamente sbagliato".

s.pi
03.12.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Troppa canapa light
e il mercato è saturo
L'INCHIESTA

Se lavori oltre i 65
rendite più ricche
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dagli esodati
ai pensionati d'oro
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una tregua "olimpica"
riunisce le due Coree
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La folle corsa nucleare
non è solo propaganda
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La tendenza a esagere
...ereditata dai greci
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2018
12.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre 2017
12.02.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È in linea il nuovo dossier concernente la protezione dell'ambiente in Ticino
08.02.2018
La Segreteria del Gran Consiglio ha pubblicato la lista delle presenze dei Deputati alle sedute della legislatura in corso
07.02.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 febbraio prossimo
01.02.2018
Aggiornato il formulario della domanda di costruzione (versione 01.2018) [www.ti.ch/edilizia]
31.01.2018
Lingue e stage all'estero - 20 anni di scambi linguistici. Partecipa al concorso.
22.01.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2017
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kosovo:
si festeggiano
i 10 anni
d'indipendenza

Messico:
la terra trema
e le paure
riaffiorano