Lo storico Andrea Ghiringhelli sulle tensioni tra Plrt e Ppd
Immagini articolo
"Ora il Grande Centro
non è più d'attualità"
CLEMENTE MAZZETTA


Per la serie "c’eravamo tanto amati", la stagione effimera del rapporto privilegiato fra Ppd e Plrt, quello di cui si favoleggiava ai tempi dei presidenti Filippo Lombardi e Rocco Cattaneo, del grande centro moderato, sembra già finita. "Per la verità io non c’avevo  mai creduto", dice al Caffè lo storico Andrea Ghiringhelli.
Ma non si parlava di fine delle ideologie, di fine dei partiti, di grande centro indistinto?
"Che le ideologie si siano squagliate è evidente. Che i partiti guardino tutti ad un indistinto centro, anche. Ma restano dei valori di riferimento,  ruggini storiche che rendono impraticabile un unico partito fra conservatori e liberali".
Insomma, magari malmessi, ma i partiti con i loro steccati continuano ad esistere.
"Hanno perso i valori di riferimento distinti, ma mantengono ancora uno zoccolo duro elettorale all’interno del Paese".
Si diceva che erano destinati ad essere superati dall’elettorato fluido, d’opinione.
"Nel senso che non ci sono più le subculture tipiche dei partiti tradizionali. I partiti hanno perso il rapporto con la società civile. Ma resistono molto di più di quel che si pensava".
Con la presidenza di Fiorenzo Dadò, l’identità del Ppd pare rafforzata, tanto che al netto del "caso Argo", le frizioni con il Plrt sono aumentate.
"Dadò si è certamente profilato, ha cercato di recuperare alcuni valori popolardemocratici in modo vigoroso, anche se nelle sue posizioni c’è una buona percentuale di populismo".
Mentre i liberali d’altra parte sembrano mancare di un forte profilo.
"L’analisi è più complessa. Con Cattaneo eravamo in presenza di un ‘neoliberismo gentile’, a cui in fondo avevano aderito anche i socialisti rinunciando al ruolo di opposizione, oltre che il Ppd. Oggi siamo in un altro contesto".
Lei parla di mediocrazia.
"Sì, ma va spiegata. La politica mediocre non è quella fatta da persone mediocri. È fatta anche da gente  capace, competente, ma che è sempre alla ricerca del centro, del mediano. Sono liberale, ma… Sono socialista, ma… Sono conservatore, ma… Dadò in fondo ha cercato, con i suoi interventi a più livelli, di cancellare quel ma, con tutto quel comporta nel rapporto con il Plrt".
Chi si avvantaggerà da questo?
"È difficile fare un pronostico in un contesto dove la disaffezione verso i partiti tradizionali è aumentata. E dove è più probabile che aumenti l’astensionimo. Mi sbaglierò, ma nei prossimi mesi non credo proprio che si parlerà di ‘Grande Centro’ fra Ppd e Plrt".

c.m.
10.12.2017


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"Su Argo 1 il governo
ha delle responsabilità"
L'INCHIESTA

Interessi immobiiari
dietro i milioni in pista
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La giovane Greta
contro le energie fossili
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Brexit un divorzio
che non avrà vincitori
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Otto appuntamenti
nel mondo che muta
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023.
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018
20.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, novembre 2018
18.12.2018
Licenziato il messaggio relativo all’approvazione del Piano cantonale delle aggregazioni
12.12.2018
Ampliato il ventaglio dei colori per le mappe della qualità dell'aria [www.ti.ch/oasi]
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ungheria
di nuovo
in piazza
contro Orban

Messico:
65 morti
durante furto
di combustibile