Dopo le "autodenunce" prende il via il dibattito
Immagini articolo
Così continuano
i sonni degli evasori
PAOLO BERNASCONI


Tanto tuonò che non piovve! Il banchiere Thomas Matter, deputato Udc, ha ritirato l’iniziativa che voleva il segreto bancario scolpito nella Costituzione svizzera. Il Consiglio federale e i Cantoni, preoccupati per le finanze sempre meno floride,erano contrari, e così le grandi banche. Il successo popolare evaporava, meglio evitare una sconfitta. Per dichiararsi vincitori, avendo barattato il ritiro dell’iniziativa popolare (alla faccia del popolo sovrano!) con il ritiro della riforma del diritto penale fiscale.
Risultato: tutto rimane come prima. Il Fisco svizzero non potrà indagare nelle banche, salvo in caso di frode fiscale o di sottrazione fiscale aggravata. Rimane in vita l’infrazione minore, definita come “sottrazione fiscale”, che non viene perseguita dal Ministero Pubblico, bensí soltanto dal Fisco. Ma soltanto con gli occhi bendati, nel senso che non può chiedere informazioni alle banche.
Sonni ancora tranquilli, quindi, per gli evasori fiscali. Rimane fuori dalla Svizzera “l’incultura del sospetto fra Stato e cittadino, estranea alla tradizione elvetica” proclama il leghista Lorenzo Quadri. ”Se accettata, l’iniziativa avrebbe persino ridotto gli attuali strumenti di indagine a disposizione del fisco” ribatteva il Consiglio federale.
Chi ha ragione? Rispondono i circa ottantamila evasori svizzeri che, in questi ultimi anni, (circa 35.000 nel 2017, circa 15.000 nel 2016, circa 10.000 nel 2015) hanno confessato le loro sottrazioni, rivelando patrimoni nascosti per decine di miliardi. Per esempio, dal 2010, 4,4 miliardi nel Canton Ginevra e 6 miliardi nel Canton Ticino,dove le autodenunce furono 4.264.
Diventati "onesti", ma soltanto per paura dello scambio automatico di informazioni, che metterà in luce anche i loro conti bancari esteri,connessi a case, barche, comparti di fondi di investimento , fra l’altro, a Londra, Montecarlo, Baleari, in Toscana e Piemonte, ecc. Questa scappatoia si chiuderà nel settembre di quest’anno, poiché il Fisco svizzero ha annunciato che le autodenunce perderanno il requisito legale della "spontaneità" dal momento in cui inizierà effettivamente lo scambio automatico di informazioni con i primi 38 Paesi convenzionati, cui seguirà, nel 2019, lo scambio con il secondo lotto di 41 Paesi.
Da anni i paladini dell’iniziativa per il segreto bancario spergiurano sul "rapporto di fiducia fra contribuenti e Fisco svizzero". Migliaia di contribuenti diventati "onesti" li hanno smentiti. Vi si aggiungono le decine di coloro che sono stati stanati dalla Divisione speciale delle Inchieste dell’Amministrazione federale delle contribuzioni. Pochi casi, ma tutti milionari.
Dall’inizio del 2016 la parola passa al Pubblico Ministero,dotato del nuovo strumento della punibilità del riciclaggio fiscale. In due anni, nessuna inchiesta. Ma si sa, i Ministeri Pubblici, federale e cantonali, sono oberati. Devono perseguire anche l’accattonaggio commesso per recidiva. Né a Berna né a Bellinzona si vuole potenziarli. Perché?
14.01.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento