Il sindaco di Bellinzona sul futuro delle Officine Ffs
"Occasione di sviluppo
per regione e valli"
MARIO BRANDA, SINDACO DI BELLINZONA


Bellinzona ed il Ticino dovettero lottare molto per ottenere nel 1884 che la società Gotthardbahn realizzasse il "Grande Atelier" - l’officina di riparazione di vagoni e locomotive - sul proprio suolo. La concorrenza dalla Svizzera interna fu forte e non vennero risparmiati colpi bassi. Plinio Grossi ci ricorda che ad Altdorf, che ambiva ospitare lo stabilimento, la Urner Zeitung scriveva che "Bellinzona non ha neppure buona acqua potabile" e che la zona scelta per l’Atelier "è soggetta a inondazioni". Riguardo Giubiasco, pure in gara, si insinuava che "frequenti erano i casi di tifo". Sebbene anche allora non furono pochi coloro i quali lamentarono l’esosità delle pretese formulate dalla Gotthardbahn per assicurare la realizzazione in Ticino dell’officina, Bellinzona alla fine la spuntò.
Grazie al nuovo stabilimento e in generale all’avvento della ferrovia nella regione si insediarono famiglie di operai, tecnici e commercianti che con il proprio operato contribuirono a plasmare la geografia e la storia del Comune. Le ferrovie e le sue officine furono, all’epoca, vettori di una nuova prospettiva di sviluppo per il Ticino e per il Bellinzonese. Quando nel 2008 si rischiò la chiusura dello storico stabilimento, la mobilitazione delle maestranze, che coagularono la solidarietà di tutto un cantone, fu decisiva. Altrettanto importante fu la loro capacità di tenere viva fino ad oggi l’attenzione sul tema. Tuttavia, quello che si chiedeva - e non arrivava - dalla "proprietà", era un progetto industriale di lungo termine. Un piano che consentisse di guardare al futuro - orizzonte 2050 - con la sicurezza del mantenimento nella regione di uno stabilimento importante, un’officina in grado di occuparsi della manutenzione di convogli di nuova generazione. Pareva, fino a non molto tempo fa, una via senza uscita.
All’inizio dello scorso anno, tuttavia, la svolta: per la prima volta le Ffs misero sul piatto la possibilità di realizzare su un nuovo terreno uno stabilimento nuovo di zecca con un investimento di circa 360 milioni di franchi. Per il Cantone e la Città poi, la possibilità di ritirare parte dell’area corrispondente all’attuale sede delle officine e di realizzarvi un polo tecnologico, idea mutuata da quanto indicato dall’iniziativa popolare del 2008 e ora all’esame del Gran consiglio. La concretizzazione del progetto di nuova officina - ma anche di polo tecnologico - richiederà molte energie. Le Ffs dovranno dimostrare di essere sincere e determinate a rispettare gli accordi sottoscritti con Cantone e Città.
Ciò detto pare questa volta aprirsi per il Bellinzonese e le valli una prospettiva seria e di lungo termine, non più ostaggio dell’incerto sviluppo di taluni, specifici segmenti dell’attività ferroviaria (carri merci, locomotive di vecchia generazione), ma base concreta per un futuro occupazionale importante nel settore della mobilità ferroviaria. Un progetto che, confrontandosi con l’odierna evoluzione della tecnologia, ci pone allo stesso tempo, 134 anni dopo la "battaglia per il Grande Atelier", davanti ad una sfida per lo sviluppo della regione.
14.01.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

La bestiale estate
del sovranismo
L'INCHIESTA

"La Svizzera annetta
Campione d'Italia"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nell'era degli ebook
i libri vanno a ruba
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'"altalena" della lira
nella crisi della Turchia
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, luglio 2018
10.08.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 10 agosto 2018 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
03.08.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico dell'Ufficio di Consulenza tecnica e dei lavori sussidiati [www.ti.ch/consulenza-tecnica]
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Genova:
le esequie
e le polemiche

Austria:
la ministra
si sposa
e invita Putin