Il coordinatore di Mps sul futuro delle Officine Ffs
"È tempo di innovare
in difesa del lavoro"
GIUSEPPE SERGI, COORDINATORE MPS


Il  dibattito sul futuro dell’Officina  vede confrontarsi due progetti chiaramente alternativi.Da un lato, una proposta ormai consolidata, approfondita, confermata da numerosi studi: è quella  che i lavoratori dell’Officina hanno lanciato già nei primi giorni dello sciopero. Proposta, consegnata in un’iniziativa popolare, che vuole costruire, attorno all’Officina, un polo tecnologico-industriale nel settore dei trasporti e del materiale rotabile (Pti). Un progetto che "sviluppi nuove attività, nuovi servizi, attività di ricerca ed innovazione nel  campo della gestione e della manutenzione dei vettori di trasporto", recita l’iniziativa); un progetto in sintonia con l’enorme sviluppo del materiale rotabile e della sempre maggiore richiesta di manutenzione.
Dall’altra parte abbiamo la proposta della "nuova" Officina, orientata essenzialmente alla manutenzione leggera, con la cui realizzazione si perderanno  definitivamente i tre pilastri dell’attuale e storico assetto  produttivo dell’Officina: la manutenzione  delle  locomotive,  la  manutenzione dei carri merci e la revisione degli assali. In termine di occupazione , nella migliore delle ipotesi, la metà dei posti di lavoro.
Siamo confrontati a due strategie alternative, che mettono in gioco prospettive produttive ed economiche radicalmente diverse. Da un lato la difesa di un’esperienza produttiva tutt’altro che arroccata al passato, che vuole innovare nella continuità, difendendo e sviluppando l’occupazione. Nessuno ha saputo criticarla in modo concreto; anzi, fino a pochi mesi fa tutti (Ffs comprese) sostenevano che questa era la via da seguire. La creazione del Centro di competenza era il primo passo in questa direzione.
Dall’altro si offre… il passato. Che altro è il "parco tecnologico" se non una vecchia, cara e inutile zona industriale nella quale attirare imprese che vi trovano il loro tornaconto fiscale, nonché occasioni di reclutare manodopera a basso costo che pagherebbero il doppio in altre zone del paese?
Le Ffs sarebbero le grandi vincitrici di tutta l’operazione. Si sbarazzerebbero dell’Officina (e anche della eredità di un "cattivo esempio" di resistenza alle politiche padronali), porterebbero a termine una ristrutturazione produttiva che da almeno un decennio sognano di realizzare, potrebbero contare su decine di migliaia di metri quadri messi a disposizione per una politica immobiliare di tipo speculativo nella quale ormai sono diventate leader in Svizzera.
Governo e municipio di Bellinzona si sono genuflessi di fronte agli interessi delle Ffs, come fanno ormai da decenni, complici della distruzione del servizio pubblico (e non solo da parte delle Ffs, ma, ad esempio, anche da parte della Posta).
È ora di dire basta. La difesa di un’alternativa come quella indicata dall’iniziativa popolare  che abbiamo richiamato qui sopra (e sulla quale dovremo andare tra qualche mese a votare) sarà una prima concreta occasione per farlo.
14.01.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

"Mi sento vittima
di un complotto"
L'INCHIESTA

'No a piatti di plastica
alle feste e alle mense'
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I soldi dei contribuenti
per pagare il karaoke
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Trump con i tassi bassi
sogna d'essere Reagan
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Come i killer dell'Isis
ma non sono terroristi
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
07.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 novembre prossimo
26.10.2018
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2017 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
26.10.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da sabato 27 ottobre 2018 alle ore 8:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
24.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 5 novembre 2018.
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch


Degenera
manifestazione
a Barcellona

Trump
denunciato
dopo la stretta
sull'asilo