La presidente di Gioventù Socialista Svizzera si racconta
Immagini articolo
"Non faccio politica
per fare carriera"
FRANCO ZANTONELLI


Piccole star della politica crescono tra le fila di Giso, la Gioventù Socialista Svizzera. Che si distingue per azioni e iniziative che fanno discutere e portano i loro protagonisti sulle prime pagine dei giornali. Nell’autunno scorso, ad esempio, Giso ha lanciato l’iniziativa popolare "per sgravare i salari e tassare equamente il capitale", che si prefigge di aumentare la pressione fiscale sui super-ricchi, tassandoli fino al 150%. "Mostriamo ai ricconi il dito medio!", l’inequivocabile slogan di cui si è fatta portabandiera la 27enne Tamara Funiciello, di chiara origine italiana, figlia di un operaio di Caserta, nata a Berna e cresciuta tra la capitale e la Sardegna.  La giovane è presidente di Giso e vicepresidente del Partito socialista, nonché consigliera comunale della capitale.
Negli scorsi giorni ha polemizzato con giovani Udc, dopo aver detto che il Forum di Davos non ha bisogno di "pazzoidi arancioni". Ma prima di attaccare Trump, a inizio ottobre Funiciello se l’era presa coi Blocher. Organizzando un sit-in davanti alla villa di Magdalena Martullo Blocher, figlia prediletta del leader udc, a sua volta consigliera nazionale democentrista. "Fa il bagno nei soldi come Paperone mentre gli altri non riescono a pagare l’affitto o la cassa malati", scandì Funiciello. Mentre un’altra protesta, stavolta a Davos contro Trump, è stata annunciata dal Giso.
L’hanno definita grassa, arrogante, contro i valori svizzeri. Lei come reagisce?
"Reagisco affermando che se delle persone sentono la necessità di attaccarmi, sull’aspetto fisico, questo significa che i loro argomenti finiscono lì".
I giovani udc ce l’hanno con lei anche per le sue dichiarazioni contro la presenza del presidente Usa Trump al Forum di Davos.
"Beh, quando ho scoperto che tutti non vedono l’ora di stringergli la mano, compreso il consigliere federale Schneider Ammann, sono rimasta allibita".
Lei, invece, non ha usato mezzi termini, arrivando a definire Trump un pazzo.
"Le dirò di più. Io gli avrei negato l’ingresso in Svizzera e la possibilità di partecipare al World Economic Forum".
Come è avvenuto il suo primo approccio alla politica?
"Grazie all’esperienza di mio padre, quando l’azienda dove lavorava, a Berna, chiuse i battenti, lasciando tutti a casa. Così mi mobilitai anch’io, prima come sindacalista di Unia, poi come esponente del Partito socialista".
In realtà, se si considerano alcune sue posizioni politiche si direbbe che lei, più che socialista, sia da considerare comunista. Come commenta?
"Io non sono comunista, anche perché il comunismo ha dimostrato di non funzionare. Piuttosto mi considero anti-capitalista".
E da anti-capitalista si trova a suo agio nel Partito socialista, che non è esattamente un partito estremista?
"È vero, il Ps ha due anime, però è uno degli ultimi partiti socialisti europei che siano, davvero, anti-capitalisti".
Fatto sta che la Gioventù socialista che lei presiede, può essere un bel trampolino di lancio per un politico ambizioso. O no?
"Io non faccio politica per fare carriera o per avere un trampolino di lancio. Faccio politica per cambiare le cose".
Intende candidarsi al Parlamento federale il prossimo anno?
"Francamente non ci ho ancora pensato".
Se glielo chiedessero?
"Senta, se mi piace qualche cosa non aspetto che me la offrano".
Lei ha diritto di voto anche in Italia. Per chi voterebbe il 4 marzo? Forse per il Pd?
"Il Pd non ha anima, è invertebrato. Renzi ha tentato di fare il piccolo Trudeau ma non gli è riuscito. La sinistra deve tornare alla lotta di classe, ma tanto Renzi in Italia che Macron in Francia ci hanno rinunciato".
Dei 5 stelle cosa pensa?
"Li vedo come dei populisti alla Trump. Però, mi lasci dire un’ultima cosa sull’Italia".
Sentiamo.
"Trovo molto preoccupante il ritorno di Berlusconi".
21.01.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento