Il dilemma dei socialisti e le strategie d'opposizione
Immagini articolo
Scontri a sinistra
e voglia di governo
NENAD STOJANOVIĆ, POLITOLOGO


Sanders contro Clinton. Corbyn contro gli eredi di Blair. Hamon e Mélenchon contro Valls e Macron. Schröder contro Lafontaine. Bersani contro Renzi. Franco Cavalli contro Ruedi Strahm. È interminabile l’elenco degli scontri in casa socialista e nella sinistra nel senso lato, recenti o datati che siano, all’estero e in Svizzera. Il denominatore comune è l’eterno dilemma fra idealismo e pragmatismo, fra intransigenza e compromesso, fra la difesa dei valori tipici della sinistra e la politica dei piccoli passi. Per dirla con Max Weber, da un lato vi è l’etica dei principi, dall’altro quella della responsabilità.
Facendo uno zoom sulla piccola realtà politica cantonticinese, scopriamo tensioni simili in seno al Partito socialista. Tensioni che sono ancora più inerenti al sistema politico di quanto lo fossero quelle nelle altre democrazie. In effetti, in Francia, Germania  Italia e così di seguito, la sinistra è o al potere o all’opposizione. E almeno quando è all’opposizione può mostrare il suo viso più ideale, più anti-sistema, più di sinistra. Non così in Svizzera, dove i socialisti sono al governo, senza interruzione, dal 1959. In Ticino sin dal 1922. Questo fa sì che le tensioni fra l’ala "pura e dura" e quella filo-governativa sono strutturali e quindi costanti nella vita del Ps.
Ma nella maggior parte dei casi queste tensioni non arrivano alle orecchie dell’opinione pubblica, si consumano nelle lunghe riunioni interne. Di solito i dirigenti di un partito fanno di tutto per evitare che escano fuori, perché temono che "un partito spaccato" non faccia bella figura, che ne soffra la sua immagine e di riflesso anche il consenso elettorale.  
Non è però sempre possibile tenerle sotto il tappeto, queste tensioni. E a quel punto un partito democratico deve permettere il confronto franco e aperto fra le posizioni contrastanti. È quanto sta vivendo in queste settimane il Ps cantonale. Motivo della discordia: la "riforma fiscale e sociale" proposta dal Governo e avallata, con alcune modifiche, dal Parlamento cantonale. Semplificando assai la questione, si tratta di decidere se accettare sgravi fiscali a favore dei ricchi e alle imprese, di circa 40 milioni, e allo stesso tempo rafforzare misure sociali, soprattutto per la custodia dei bambini, di circa 20 milioni all’anno.
La questione ha diviso il Ps in due campi. Da un lato i favorevoli, rappresentati dal consigliere di Stato Manuele Bertoli, da quasi tutto il gruppo parlamentare (ma non il capogruppo Ivo Durisch) e da alcuni esponenti socialisti negli esecutivi comunali. Dall’altro i contrari, a cominciare dal presidente Igor Righini e la quasi totalità della Direzione, la Gioventù socialista, Marina Carobbio, Franco Cavalli, Martino Rossi, e altri ancora. Il verdetto della Conferenza cantonale del 19 dicembre è stato netto: con 95 voti contro 39 la riforma fiscale è stata bocciata e quindi il Ps sostiene attivamente il referendum.
Non sono mancati i tentativi di conciliazione, la famosa "sintesi", così cara ai socialisti francesi. Tre esponenti storici del Ps(a) - Anna Biscossa, Werner Carobbio e Pietro Martinelli - hanno proposto una risoluzione alternativa, dal contenuto in parte fumoso (è spesso l’essenza stessa della "sintesi") ma il cui risultato verosimile sarebbe stato che il Ps avrebbe sostenuto passivamente il referendum. Il timore di vedere il partito spaccato è stato la loro motivazione principale e non a caso, nel suo intevento, Martinelli ha citato proprio Max Weber. Ma alla fine il tentativo è naufragato, in parte proprio perché non si sapeva bene quale sarebbe stato il suo impatto concreto sul sostegno del Ps al referendum.
Come sempre in queste occasioni, divergono le interpretazioni sulla portata politica ed elettorale di questa decisione. C’è chi pensa che costerà caro a livello di voti, mentre altri ritengono che un profilo più chiaro e meno filo-governativo non possa che giovare al Ps. All’orizzonte c’è l’appuntamento elettorale dell’aprile 2019. Sarà una prova non facile per il Ps. Se nel 2007 lo slogan era "fai uno più uno" - perché si sperava di conquistare il secondo seggio - ora sono in molti a credere che l’unico seggio socialista sia in pericolo come mai prima. Se dovesse perderlo, il Ps diventerebbe a tutti gli effetti un partito di opposizione. Magari gli farebbe bene, è difficile saperlo. Ma in un sistema consociativo come quello svizzero è un rischio che pochi socialisti, oggigiorno, vorrebbero correre.
21.01.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Gli ospedali diventano
cliniche specializzate
L'INCHIESTA

Il successo di Airbnb
infastidisce gli hotel
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nuovi caccia finanziati
con la colletta sul web
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Geografia della rabbia
contro la globalizzazione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Ladri e spacciatori
cambiano il Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.12.2018
Licenziato il messaggio relativo all’approvazione del Piano cantonale delle aggregazioni
12.12.2018
Ampliato il ventaglio dei colori per le mappe della qualità dell'aria [www.ti.ch/oasi]
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori
06.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2018
29.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

USA:
il segretario
all'interno
lascia

Cairo:
Scoperta
nuova tomba
della V dinastia