1/ Come cambiano i partiti di fronte alle nuove sfide
Immagini articolo
Un Plrt da sette anni
alla ricerca della rotta
LIBERO D'AGOSTINO


Con questa prima analisi sul Partito liberale radicale ticinese, il Caffè inizia un’inchiesta su come sono cambiati e stanno cambiando i partiti ticinesi. Sull’evoluzione dei loro profili politici e della strategia, ma anche sulla percezione che ha l’opinione pubblica di queste trasformazioni. Tra difficoltà vecchie e nuove, aspettative realistiche e obiettivi possibili, le novità non mancano (basti pensare alla Lega che sarà co-gestita dai suoi "colonnelli"). Perché sarà anche su questi cambiamenti, sulla capacità di fornire risposte ai bisogni mutati che si decideranno le prossime elezioni cantonali dell’aprile 2019. In questa prima fotografia dedicata al Plrt si fa, tra l’altro, il punto sui rapporti dei liberali-radicali con il mondo economico. Una freddezza che sembra in parte essere stata superata. Mentre il progetto di grande centro, complici anche le difficoltà del Ppd, appare congelato sine die.

Un vascello ormai prossimo agli scogli". Così, nell’estate del 2011, lo speciale gruppo di lavoro per il rilancio del Plrt definiva il partito che alle elezioni cantonali di aprile aveva perso un ministro e quattro granconsiglieri. Un tracollo clamoroso e il timore di un declino definitivo per i liberali radicali che dal 2003 avevano visto volatilizzarsi il 21% dei loro elettori e i deputati ridursi da 30 a 23. Da allora, il Plrt ha evitato sì il naufragio, ma non è riuscito a riguadagnare il mare aperto. Sette anni e tre presidenti, cercando la rotta giusta per ridare un’immagine forte al partito. Rilanciandone l’identità e la vocazione interclassista, recuperare i voti di quel ceto medio, che impaurito dalla crisi si era accucciato sotto le ali della Lega, e quelli dei giovani per svecchiare un partito che, tutt’oggi, ha un buon 65 per cento di elettori con più di 50 anni di età.
Una lunga navigazione a vista tra le insidie di una crescente disaffezione per la politica che ad ogni elezione trasmuta in voto di protesta. Senza evitare, però, pericolose strambate verso quel "primanostrismo" che da anni in Ticino detta l’agenda politica e di cui si avvertono chiare assonanze anche nel programma del partito per la legislatura 2015-2019. Bixio Caprara, attuale presidente, si definisce "un idealista pragmatico" e in sintonia con questo pragmatismo il Plrt oggi punta ad alleanze a "geometria variabile" con gli altri partiti su temi specifici, per restare così al centro della scena politica. Sfruttando abilmente le difficoltà altrui e non risparmiando colpi alla Lega. L’avversario principale che ha succhiato sin troppi voti ai liberali radicali, ma che è stato a lungo sottovalutato, non riuscendo neanche a contrapporgli una rappresentazione della realtà diversa da quella propalata da via Monte Boglia che ha alimentato i risentimenti e le paure dei cittadini.
Almeno per ora sembra accantonato il disegno strategico del grande centro, assieme al Ppd, ipotizzato da Rocco Cattaneo, il presidente che ha fatto ritrovare al Plrt uno slancio propositivo e un profilo più marcato, che ha dato più spazio ai giovani e risanato o, per meglio dire, "silenziato", la lacerazione tra radicali e liberali, la cui chiassosa contrapposizione era stata additata tra le cause della batosta nel 2011.
Cos’è oggi il Plrt? L’immagine odierna l’ha messa a fuoco il consigliere federale Ignazio Cassis in una recente intervista ad Avenir Suisse, il think tank d’ispirazione liberale che ha dedicato un dossier speciale al cantone: "Nel complesso il Plr ticinese si colloca più a sinistra rispetto al partito nazionale". Un’analisi che misura quella distanza rimproverata spesso negli ultimi anni dal mondo economico al Plrt, ma che già con la presidenza Cattaneo il partito stava cercando di recuperare.
La perdita di voti, di un ministro e di parecchi seggi in parlamento, significa anche perdere parte di quel potere che funziona da macchina del consenso elettorale, attraverso la distribuzione di posti, incarichi e la tutela di interessi particolari. Ma adesso per il Plrt tira un buon vento. Può contare, infatti, sull’effetto Cassis che è riuscito a riportare il Ticino nel Consiglio federale e sull’effetto  Vitta, il ministro delle Finanze che, dopo un trentennio di deficit, ha invece riportato i bilanci del Cantone nelle cifre nere. E può anche contare sulle difficolta che attanagliano il Ppd che annaspa nei penosi risvolti dello scandalo Argo1.

ldagostino@caffe.ch
(1 - continua)
28.01.2018


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Troppi negozi chiusi,
ogni mese 5 in meno"
L'INCHIESTA

La "bolla integralista"
cresce nelle carceri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Sparate leghiste
da ignorare sempre
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una politica assente
per il business migranti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]
30.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
29.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile e primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Macron
ipoteca
il mini vertice
europeo

Bosnia-Erzegovina:
la rotta dei migranti
al confine
con la Croazia