function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
La proposta di un politologo sulla scelta del governo
Immagini articolo
Un Consiglio federale
senza scrutinio segreto
HALUK HAKSAL, RICERCATORE UNIVERSITÀ DI GINEVRA


Il problema è vecchio: come garantire a tutte le anime linguistiche una giusta rappresentanza ai vertici della Confederazione. Dunque nel Consiglio federale. Un concetto, anzi un valore, previsto dalla Costituzione ma dimenticato per lunghi anni. Tanto è vero che, come spiega il politologo e ricercatore dell’Università di Ginevra Haluk Haksal (vedi articolo sotto), ci sono voluti 18 anni per rivedere un ministro federale italofono. E allora, suggerisce Haksal, bisogna modificare il meccanismo dell’elezione. Abolendo lo scrutinio segreto in modo che con il voto palese il Parlamento abbia la possibilità di correggere il tiro e garantire i necessari equilibri del federalismo, fatto di un intreccio di culture, lingue e storie diverse che meritano una uguale dignità istituzionale. Il politologo Nenad Stojanovic, analizzando la proposta del suo collega, spiega che il dibattito su questo tema è aperto da tempo. Ma sin qui non è arrivata alcuna soluzione condivisa.

Per ben diciotto anni, dal 1999 (le dimissioni di Flavio Cotti) al 2017 (l’elezione di Ignazio Cassis), gli italofoni non sono stati rappresentati nel governo svizzero, benché proprio dal 1999 nella Costituzione (articolo 175) possiamo leggere che "le diverse regioni e le componenti linguistiche del Paese devono essere equamente rappresentate nel Consiglio federale".
Perché un’assenza italofona così lunga? Un motivo è che tale norma costituzionale è meno vincolante rispetto alla vecchia "clausola cantonale", abolita nel 1999, che impediva l’elezione di più di un consigliere federale dallo stesso cantone. In questo articolo vorrei però suggerire un’altra spiegazione: per potere essere applicata e rispettata, la nuova norma costituzionale avrebbe dovuto prevedere lo scrutinio palese invece dello scrutinio segreto.
La norma presuppone infatti implicitamente che il Parlamento, proprio in quanto organo che elegge il Consiglio federale, debba far sì che nel governo siano rappresentate in modo equo le varie regioni e le lingue del Paese. Ma ciò significa che i singoli membri dell’Assemblea dovrebbero sapere come votano i loro colleghi e le loro colleghe per correggere eventualmente il tiro se qualcuno, per esempio, nei primi turni sostenesse i candidati che provengono dalle regioni linguistiche già sovrarappresentate nell’esecutivo. Anche lo stesso Consiglio federale, d’altronde, nomina gli alti dirigenti dell’Amministrazione federale con scrutinio palese. Perché, allora, il Parlamento dovrebbe usare lo scrutinio segreto per eleggere i consiglieri federali?
Una spiegazione è che il Consiglio federale vota a porte chiuse, lontano dagli occhi del pubblico. Una volta presa la decisione tutti i consiglieri federali sono tenuti a rispettarla. È chiaro che è più facile rispettare la collegialità in un organo di sette persone che in un organo di 246 persone. Tuttavia, sono dell’avviso che non sia questo il motivo principale per cui il Parlamento vota a scrutinio segreto nelle elezioni al Consiglio federale. Il vero motivo è che si vuole consentire ai parlamentari di essere liberi nella loro scelta, di non temere la pressione dell’opinione pubblica.
Ma anche per questa preoccupazione, legittima, c’è una soluzione. Viene dal filosofo inglese Jeremy Bentham, attivo nella prima metà dell’Ottocento e uno dei principali teorici dell’"utilitarismo".  Secondo Bentham, le assemblee legislative dovrebbero utilizzare un sistema di voto misto pubblico-segreto, o meglio la segretezza ex ante combinata con la trasparenza ex post. In altre parole, durante la votazione nessuno saprebbe come hanno votato gli altri (segretezza ex ante). Ma una volta terminata la votazione, tutti saprebbero come hanno votato gli altri (trasparenza ex post).
Se applicato nelle elezioni al Consiglio federale, questo meccanismo lascerebbe ai parlamentari la libertà di scelta e li proteggerebbe dalle pressioni prima e durante l’elezione. Ma li obbligherebbe a tenere maggiormente conto della norma costituzionale in favore delle regioni e lingue minoritarie, siccome i loro voti diventerebbero pubblici una volta concluso lo spoglio finale delle schede. In conclusione, questa soluzione aumenterebbe le chance che il Parlamento rispetti la norma linguistica-regionale prevista dalla Costituzione.
28.01.2018


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00