function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Analisi su una proposta di scelta del Consiglio federale
Immagini articolo
Voto palese sul governo
solo se eletto in blocco
NENAD STOJANOVIĆ, POLITOLOGO


La proposta del dottor Haksal è intrigante. Non perché siamo abituati all’attuale sistema di elezione del Consiglio federale che non è possibile e auspicabile immaginare altre e migliori soluzioni. Certo: il meccanismo oggi in vigore è l’unico al mondo, siccome il Parlamento elegge i singoli membri dell’esecutivo federale separatamente. Per di più si inserisce in un sistema politico peculiare, basato su un equilibrio delicato fra partiti, cantoni, regioni e lingue diverse. Un sistema ibrido, con elementi sia del presidenzialismo sia del parlamentarismo. Tutto ciò fa sì che le proposte di riforma non vanno mai accolte con favore perché non si conoscono le loro conseguenze, si teme la rottura dell’equilibrio. Il conservatorismo istituzionale la vince sempre.
Eppure, la proposta di Haksal mette in rilievo una vera e propria incoerenza strutturale venutasi a creare con l’introduzione, nel 1999, della nuova norma costituzionale che prevede un’equa rappresentanza di lingue e regioni nel Consiglio federale. Giustamente il ricercatore dell’Università di Ginevra sostiene che per poterla attuare occorrerebbe abolire lo scrutinio segreto attualmente in vigore. Se il rispetto della Costituzione non è un "optional", allora è giusto prevedere un qualche meccanismo di verifica del voto dei parlamentari. D’altronde, e non a caso, nei sistemi parlamentari il governo deve ottenere la "fiducia" del Parlamento e quest’ultimo si esprime tramite lo scrutinio palese.
In realtà, la proposta di Haksal è più articolata, perché rispolvera l’idea dello scrutinio misto segreto-pubblico, vecchia di almeno 200 anni, che probabilmente si addice meglio alle peculiarità del sistema svizzero. A mio avviso vale la pena discuterne anche se la sua attuazione necessiterebbe altre riforme di peso. Difficilmente, infatti, potrebbe essere applicata se i consiglieri federali continuano a essere eletti separatamente. Sarebbe invece più facilmente realizzabile se il governo venisse eletto in blocco. Quest’ultima riforma è stata proposta diverse volte nel passato, trovando consensi trasversali, ma si è sempre scontrata con il conservatorismo istituzionale menzionato poc’anzi. L’ultima volta ci ha provato il consigliere agli Stati sciaffusano Thomas Minder, con un’iniziativa parlamentare del 19 dicembre 2011. Dopo avere incassato il sostegno della Commissione delle istituzioni politiche della Camera alta, con il voto preponderante del presidente Robert Cramer dei Verdi, la proposta di Minder è stata bocciata nel plenum nel marzo del 2013, con 30 voti contro 8. Ma prima o poi qualcuno ci riproverà.
28.01.2018


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00