Analisi su una proposta di scelta del Consiglio federale
Immagini articolo
Voto palese sul governo
solo se eletto in blocco
NENAD STOJANOVIĆ, POLITOLOGO


La proposta del dottor Haksal è intrigante. Non perché siamo abituati all’attuale sistema di elezione del Consiglio federale che non è possibile e auspicabile immaginare altre e migliori soluzioni. Certo: il meccanismo oggi in vigore è l’unico al mondo, siccome il Parlamento elegge i singoli membri dell’esecutivo federale separatamente. Per di più si inserisce in un sistema politico peculiare, basato su un equilibrio delicato fra partiti, cantoni, regioni e lingue diverse. Un sistema ibrido, con elementi sia del presidenzialismo sia del parlamentarismo. Tutto ciò fa sì che le proposte di riforma non vanno mai accolte con favore perché non si conoscono le loro conseguenze, si teme la rottura dell’equilibrio. Il conservatorismo istituzionale la vince sempre.
Eppure, la proposta di Haksal mette in rilievo una vera e propria incoerenza strutturale venutasi a creare con l’introduzione, nel 1999, della nuova norma costituzionale che prevede un’equa rappresentanza di lingue e regioni nel Consiglio federale. Giustamente il ricercatore dell’Università di Ginevra sostiene che per poterla attuare occorrerebbe abolire lo scrutinio segreto attualmente in vigore. Se il rispetto della Costituzione non è un "optional", allora è giusto prevedere un qualche meccanismo di verifica del voto dei parlamentari. D’altronde, e non a caso, nei sistemi parlamentari il governo deve ottenere la "fiducia" del Parlamento e quest’ultimo si esprime tramite lo scrutinio palese.
In realtà, la proposta di Haksal è più articolata, perché rispolvera l’idea dello scrutinio misto segreto-pubblico, vecchia di almeno 200 anni, che probabilmente si addice meglio alle peculiarità del sistema svizzero. A mio avviso vale la pena discuterne anche se la sua attuazione necessiterebbe altre riforme di peso. Difficilmente, infatti, potrebbe essere applicata se i consiglieri federali continuano a essere eletti separatamente. Sarebbe invece più facilmente realizzabile se il governo venisse eletto in blocco. Quest’ultima riforma è stata proposta diverse volte nel passato, trovando consensi trasversali, ma si è sempre scontrata con il conservatorismo istituzionale menzionato poc’anzi. L’ultima volta ci ha provato il consigliere agli Stati sciaffusano Thomas Minder, con un’iniziativa parlamentare del 19 dicembre 2011. Dopo avere incassato il sostegno della Commissione delle istituzioni politiche della Camera alta, con il voto preponderante del presidente Robert Cramer dei Verdi, la proposta di Minder è stata bocciata nel plenum nel marzo del 2013, con 30 voti contro 8. Ma prima o poi qualcuno ci riproverà.
28.01.2018


Articoli Correlati
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Lampi di guerra
e fulmini su Trump
L'INCHIESTA

Viviamo circondati
da 8mila videocamere
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dalle buche di Roma
a quelle di Bellinzona
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ecco come l'Occidente
scoprì la globalizzazione
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Alienati per il lavoro?
La cucina è l'antidoto
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
28.03.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 aprile prossimo
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018
21.03.2018
L'Ufficio dei beni culturali (UBC) ospite della trasmissione RSI "Finestra popolare" per una serie di incontri dedicati al patrimonio culturale del Cantone Ticino.
21.03.2018
Aperte le iscrizioni all'evento "Un’altra opportunità è d’obbligo - La nuova procedura di annuncio dei posti vacanti" promosso dal Servizio aziende URC della Divisione dell’economia del DFE.
16.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, febbraio 2018
12.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere Ticino, gennaio 2018 e quarto trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Siria:
ispettori Opac
entrano
a Douma

Nicaragua:
almeno 10 morti
per le proteste
sulle pensioni