L'ignoranza istituzionale della popolazione svizzera
Immagini articolo
Chi è il presidente?
Lo sanno in pochi
FRANCO ZANTONELLI


Perché non sappiamo chi è il presidente della Svizzera?", si chiedeva Le Monde nel 2015. François Hollande doveva incontrare Simonetta Sommaruga e il quotidiano francese sottolineava come l’opinione pubblica europea non avesse alcuna idea di chi fosse. "In Francia - scriveva Le Monde - molti conoscono Merkel, Rajoy e Renzi, mentre i dirigenti politici elvetici sono ignoti ai più". Non a caso, in occasione della famosa spesa di Doris Leuthard in un supermercato di Maccagno, il titolare ha ammesso di non averla riconosciuta.
"All’inizio di ogni corso - dice al Caffè il politologo Nenad Stojanovic - pongo le stesse domande agli studenti di scienze politiche di diverse università. Ebbene: il 40% è in grado di indicare, correttamente, il nome dell’attuale presidente della Confederazione. Ma solo il 26% sa i nomi dei sette consiglieri federali". In effetti, grazie a un sondaggio di Le Matin scopriamo che, anche da noi, non è che il presidente della Confederazione goda di chissà quale notorietà. Quasi la metà degli interpellati dal quotidiano romando non sa chi sia. A questo punto c’è da chiedersi se dipenda più dal tipo di carica che è a rotazione, oppure dalla personalità schiva di molti nostri governanti? "È dovuto soprattutto al tipo di carica e non solo perché è a rotazione - spiega un altro politologo, Oscar Mazzoleni dell’università di Losanna -. In Svizzera non c’è un primo ministro o un presidente della repubblica, come in tutte le altre democrazie del mondo, ovvero personalità che godono abitualmente di forte visibilità. In Svizzera, conta soprattutto il governo come organo collegiale".
Ma è indispensabile sapere chi ci governa o l’importante rimane il risultato del suo lavoro? Per Oscar Mazzoleni "dal punto di vista strettamente istituzionale, non è necessario sapere chi siede nella stanza dei bottoni. Tuttavia, la mediatizzazione e la personalizzazione della politica hanno modificato le aspettative dei cittadini, oggi si aspettano maggiore trasparenza e responsabilizzazione individuale da parte di chi governa".
Ma Stojanovic avverte: "Non conoscere i nomi dei politici più importanti del Paese è soltanto il sintomo del generale disinteresse per la politica e, quindi, per la cosa pubblica. Questo è grave. Perché nella politica vengono prese decisioni che toccano tutti noi e il nostro bene comune". E per il politologo un altro elemento grave riguarda la scarsissima conoscenza, da parte dei suoi studenti, dei membri del Parlamento. "Soltanto il 34%, quindi uno su tre, è in grado di indicare i nomi di due deputati qualsiasi". E stiamo parlando, è bene ricordarlo, di studenti di scienze politiche. "In altre parole - afferma preoccupato Stojanovic - temo che fra i ragazzi, così come nella popolazione in generale, la situazione sia ancora più desolante".
Di recente in Ticino i cittadini hanno votato a favore di corsi di educazione civica nelle scuole medie. Magari potrebbero servire a dare più visibilità ai nostri politici. "Un modo per acquisire una conoscenza viva dei singoli nomi potrebbe essere quello di osservare i singoli consiglieri federali quando s’impegnano pubblicamente in occasione di importanti leggi o appuntamenti referendari", osserva Mazzoleni. Su questo aspetto è d’accordo anche Stojanovic secondo cui "i corsi di civica, se fatti bene, possono senz’altro aiutare ad accrescere le conoscenze di base e, magari, anche l’interesse per la cosa pubblica. Se i cittadini non si interessano alla politica democratica, aumenta il rischio che prima o poi cedano al fascino dei politici populisti".
04.02.2018


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Troppa canapa light
e il mercato è saturo
L'INCHIESTA

Se lavori oltre i 65
rendite più ricche
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dagli esodati
ai pensionati d'oro
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una tregua "olimpica"
riunisce le due Coree
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La folle corsa nucleare
non è solo propaganda
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La tendenza a esagere
...ereditata dai greci
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2018
12.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre 2017
12.02.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È in linea il nuovo dossier concernente la protezione dell'ambiente in Ticino
08.02.2018
La Segreteria del Gran Consiglio ha pubblicato la lista delle presenze dei Deputati alle sedute della legislatura in corso
07.02.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 febbraio prossimo
01.02.2018
Aggiornato il formulario della domanda di costruzione (versione 01.2018) [www.ti.ch/edilizia]
31.01.2018
Lingue e stage all'estero - 20 anni di scambi linguistici. Partecipa al concorso.
22.01.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2017
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kosovo:
si festeggiano
i 10 anni
d'indipendenza

Messico:
la terra trema
e le paure
riaffiorano