La metamorfosi socialista tra movimentismo e nostalgie
Immagini articolo
Il Ps cerca consensi
con il "celodurismo"
LIBERO D'AGOSTINO


L’unità del partito va rafforzata, serve un Ps solidale e compatto, evitando spaccature", aveva detto Igor Righini dalla tribuna del congresso socialista che lo aveva appena eletto presidente. Era il 23 gennaio 2016. Due anni dopo, Righini si ritrova con un partito spaccato, dove alla dialettica delle "diverse sensibilità" si è sostituito il "celodurismo" con uno scontro senza esclusione di colpi. "Un tiro al piccione", l’ha definito il deputato Bruno Storni che ha invitato i compagni ad evitare certi metodi e abbassare i toni. Una lacerazione di cui Righini, il volto nuovo della politica cantonale, è stato uno dei protagonisti, inebriato dalla mistica di una base popolare che non c’è più e dalla malia di un nostalgico movimentismo che la storia ha già archiviato mezzo secolo fa.
A centodiciotto anni dalla sua nascita, nel Dna del socialismo ticinese ci sono sempre le tare del dissidio cronico tra massimalismo e riformismo, tra idealismo e pragmatismo, che spesso si coagulano in beghe personali nella lotta per qualche poltrona, più che per le grandi visioni politiche. Mali comuni alla sinistra di mezza Europa, ma che nel Pst sono acuiti dall’incapacità "di fare i conti con la politica delle cose", come diceva Ezio Canonica, un socialista d’altri tempi. Un’inettitudine esibita senza pudori nell’ultima conferenza cantonale. Con il sì al referendum contro la riforma fiscale e sociale e gli attacchi al ministro Manuele Bertoli a cui alcuni vecchi marpioni del Pst vorrebbero sbarrare la strada verso le prossime elezioni cantonali, manovrando dietro le quinte e muovendogli contro le truppe d’assalto della Giso, la Gioventù socialista. Sta prevalendo il "celodurismo", ha avvertito Davide Dosi, municipale socialista di Chiasso, ricordando che l’intesa con le altre forze politiche su questa riforma non è un "patto scellerato" con la destra, che "non ha nulla a che fare con gli inciuci e che rientra invece nella dinamica della democrazia consociativa".
Per il presidente Righini, "il Ps oggi vive del suo intenso rapporto con la base del partito". Ma quale base? Quella popolare  se l’è mangiucchiata pezzo dopo pezzo la Lega, la base più autenticamente operaia e antagonista s’identifica con il Movimento per il socialismo di Pino Sergi e Matteo Pronzini, capace di mobilitare il popolo della sinistra con un’opposizione permanente e non a corrente alternata come quella dei socialisti. Difficilmente il Pst recupererà spazio sulla sua sinistra, su un terreno già monopolizzato dall’Mps, dal Pc e dalla Lega.
Oggi, come evidenziato dalle ricerche dell’Osservatorio della politica regionale, la base elettorale del Pst è rappresentata soprattutto dai dipendenti pubblici. Uno snaturamento del partito di classe e un impoverimento politico, che il vertice del Pst cerca di compensare con un confuso movimentismo d’ispirazione sessantottina che privilegia più la lotta che non le responsabilità di governo. Sperando di compattare in un fronte comune quel che resta dei Verdi e le frange della sinistra radicale. È il ritorno di fiamma del massimalismo che sul versante sindacale è interpretato da Unia, fucina della militanza socialista più pura e dura, e su quello politico dalla Giso, l’ala più chiassosa del partito che nel suo programma ostenta ancora l’obiettivo "di superare l’ordine economico capitalista e il trasferimento dei mezzi di produzione dalla proprietà privata a quella collettiva".
Un movimentismo posticcio che vorrebbe rilanciare le conflittualità sociale, ma dietro cui si cela l’assenza di un vero pensiero politico. Quello di un riformismo moderno capace di disancorarsi dal passato, per ripensare il Welfare State e le tutele del lavoro alla luce delle grandi trasformazioni che stanno cambiando l’economia e la società.

ldagostino@caffe.ch
(3. continua)
11.02.2018


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Troppi negozi chiusi,
ogni mese 5 in meno"
L'INCHIESTA

La "bolla integralista"
cresce nelle carceri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Sparate leghiste
da ignorare sempre
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una politica assente
per il business migranti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]
30.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
29.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile e primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Macron
ipoteca
il mini vertice
europeo

Bosnia-Erzegovina:
la rotta dei migranti
al confine
con la Croazia