L'analsi del consigliere di Stato ppd, Paolo Beltraminelli
Immagini articolo
Così aiutereno
le famiglie ticinesi
PAOLO BELTRAMINELLI, DIRETTORE DSS


La famiglia è sotto pressione a causa dei mutamenti repentini della società e i bisogni in continua evoluzione. In Ticino era da tempo necessario riformare la politica familiare introducendo nuovi strumenti per favorire la compatibilità tra famiglia e lavoro, soprattutto in un cantone dove la natalità è davvero bassa, la più bassa della Svizzera.
Per contro siamo il Cantone con il maggior numero di anziani. Occorre quindi un riequilibrio generazionale, riportando le famiglie al centro dell’attenzione politica. Oggi far figli è sempre più una scelta, e sempre meno una necessità come lo è stato fino a pochi decenni fa. Finalmente ora ci siamo riusciti grazie alla riforma fiscale e sociale, che, per la prima volta in modo esplicito, riconosce sia le esigenze dell’economia sia del sociale: sono due facce complementari della stessa medaglia. È un passo importante, un vanto per il Ticino. La lotta contro la povertà ha sempre avuto il sostegno delle forze politiche, che non hanno mai messo in dubbio l’erogazione delle risorse necessarie, malgrado, ad esempio, l’aumento dei casi di assistenza, che hanno richiesto decine di milioni supplementari negli ultimi anni. È un segno di grande civiltà.  Con questa riforma si è andati oltre, pensando anche a chi non riceve aiuti dallo Stato e paga le imposte. Le misure fiscali in favore dell’economia o di chi possiede molta sostanza sono giustificate per rendere attrattivo il nostro Cantone, ma non devono penalizzare il ceto medio, sempre più in difficoltà a causa dei continui aumenti di spese obbligatorie, penso in particolare ai costi della salute. La parte sociale della riforma ha trovato ampio consenso e questo è davvero positivo, anche perché le misure sono state studiate con cura con il contributo dell’opinione espressa da circa 5.000 famiglie con figli tra zero e quattro anni. Dall’anno prossimo, vi sarà un maggior riconoscimento finanziario alle strutture di appoggio per le famiglie e al loro personale, aumenteranno i posti a disposizione per i bambini e diminuiranno i costi delle rette negli asili nido. Entro il 2021 sarà raddoppiato l’impegno finanziario nel settore.
La nascita di un bimbo crea, per le famiglie, l’esigenza di avere tempo per educare il figlio e per condividere momenti irripetibili. I primissimi anni di vita sono fondamentali per lo sviluppo del bambino. Poter lavorare a tempo parziale e aver la possibilità di ottenere qualche mese di congedo non pagato e orari flessibili, sono esigenze oramai imprescindibili per le famiglie del 2020. L’assegno parentale previsto nelle misure sociali aiuta a sopperire alla perdita di guadagno nel primo anno di vita del figlio. Inoltre sono previsti pure sostegni finanziari per i familiari curanti, figure sempre più importanti nella presa a carico dei parenti anziani malati o con disabilità.
Ma la chiave del successo passa attraverso il coinvolgimento attivo delle aziende che stanno vieppiù capendo che favorire la compatibilità famiglia lavoro è un investimento, e non un costo. Le aziende finanzieranno totalmente la riforma sociale, versando fino allo 0.20% della massa salariale in favore delle misure previste. A regime saranno ben oltre 20 milioni di franchi. Questo patto sociale moderno, innovativo e rispettoso delle esigenze di tutta la società è finanziariamente sopportabile ed è stato approvato a larga maggioranza dal Gran Consiglio. Sono fiducioso che il popolo ticinese lo approverà in votazione tra un paio di mesi. Essendo un patto sociale se il referendum s’imporrà, cadranno anche le misure sociali qui descritte. Sarebbe un segnale molto negativo per la società, per i giovani e per le famiglie.
04.03.2018


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Troppi negozi chiusi,
ogni mese 5 in meno"
L'INCHIESTA

La "bolla integralista"
cresce nelle carceri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Sparate leghiste
da ignorare sempre
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una politica assente
per il business migranti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]
30.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
29.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile e primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Macron
ipoteca
il mini vertice
europeo

Bosnia-Erzegovina:
la rotta dei migranti
al confine
con la Croazia