Viaggio nella metamorfosi dei partiti a un anno dal voto
Immagini articolo
Lotta alla partitocrazia
e l'Mps scalza la Lega
LIBERO D'AGOSTINO


Una spina nel fianco del Ps e un assillo continuo per governo e parlamento. La forza dirompente dell’Mps di Pino Sergi e Matteo Pronzini, va ben al di là dell’1,45% dei voti raccolti nelle elezioni del 2015, dei due seggi conquistati in Gran consiglio assieme al Partito comunista. Più che la Lega, è il Movimento per il socialismo a interpretare oggi la lotta alla partitocrazia o quel ribellismo a vocazione sociale che era il marchio di fabbrica di Nano Bignasca. Non sono le sparate a salve del Mattino contro "il governicchio", a maggioranza leghista, a mettere a nudo i privilegi dei consiglieri di Stato, bensì la "Rimborsopoli" denunciata dal deputato Pronzini.
L’Mps è la sola forza di vera opposizione tra i diversi gruppi, politicamente poco incisivi, di una sinistra antagonista (Partito operaio e popolare, Pc e Forum alternativo), che non riesce ad aggregarsi in un fronte unico. Un’area socialcomunista sempre affetta dal settarismo e divisa da vecchi dissidi ideologici, pur battendosi su un terreno comune: difesa ad oltranza del servizio pubblico e dello Stato sociale, tutela del lavoro e dei salari, redistribuzione della ricchezza (a prescindere dal fatto che questa ricchezza per essere distribuita deve essere prima prodotta), salario minimo di 4’000 franchi, e lotta dura alle privatizzazioni e agli sgravi fiscali.
Proprio il referendum contro la riforma fiscale e sociale, secondo il Forum alternativo di Franco Cavalli, segna "la linea di demarcazione tra la sinistra e quelle forze che pur richiamandosi al socialismo, si sono ormai definitivamente abituate ad ogni tipo di compromesso con le forze borghesi". Sullo spartiacque del fisco il Forum ha rilanciato la proposta di un Fronte alternativo che unisca tutte le forze a sinistra del Ps. Non suscitando però grande interesse negli altri gruppi, che rimproverano a Cavalli di non aver ancora tagliato il cordone ombelicale con un partito socialista che oscilla tra movimentismo e responsabilità di governo. Altrettanto impensabile un progetto unitario tra i trotskisti dell’Mps e i marxisti-leninisti del Pc di Massimiliano Ay o del Pop di Gianluca Bianchi. Alleanze tattiche sì, per referendum, iniziative ed elezioni, ma niente unificazioni. Verso il Sol dell’avvenire si marcia divisi.
Una sinistra anticapitalista che in formazioni piccole ma vivaci sta riemergendo un po’ ovunque in Europa e che in Ticino è rappresentata soprattutto dall’Mps: una manciata di sabbia nei rassicuranti ingranaggi del sistema consociativo. Capace spesso di sabotare "quegli accordi con cui tutti gli altri partiti cercano di guadagnarci qualcosa", come sostiene Pronzini, che in parlamento carica a mitraglia interrogazioni e mozioni.
Fedele all’ortodossia marxista la sinistra radicale ha conservato la simbologia tradizionale, falce, martello e stella rossa; il lessico politico è quello della vecchia lotta di classe, del conflitto tra capitale e lavoro ancora in voga nella seconda metà del secolo scorso, ora aggiornato nella versione antiliberista. Certo, al Ticino non giovano le ricette politiche veterocomuniste, ma la democrazia si alimenta soprattutto di opposizione e conflitti. Si nutre persino delle vecchie utopie di un minuscolo Pc che si "concepisce come partito di avanguardia contro l’imperialismo", di un Pop che rivendica "l’autorganizzazione dei ceti popolari per un sistema senza più sfruttati e sfruttatori" o col sogno impossibile di Cavalli di "federare i partitini della sinistra radicale". Tanto idealismo e scarso pragmatismo.
Solo l’Mps, da 16 anni sulle barricate, sta concretamente cercando di occupare uno spazio che altrimenti sarebbe monopolizzato dalla destra populista. Una scelta i cui esiti politici ed elettorali sono ancora tutti da vedere. Pur privilegiando la mobilitazione popolare - come per la difesa delle Officine Ffs di Bellinzona o la battaglia contro la nuova pianificazione ospedaliera - rispetto all’azione istituzionale in parlamento l’Mps è ormai diventato una variabile indipendente. Da tutti temuta perché capace di innescare scontri inaspettati.


ldagostino@caffe.ch

(6 - fine  Le precedenti puntate  sono state pubblicate  domenica 28 gennaio,  4, 11, 18 e 25 febbraio)
04.03.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento