Il presidente ppd sulla futura legge chiesta da Gobbi
Immagini articolo
"Troppi poliziotti,
cittadini meno liberi"
MAURO SPIGNESI


L’ho detto in tempi non sospetti e lo ribadisco oggi: non mi piace questa svolta securitaria, questi continui controlli, questa sorveglianza che mi pare eccessiva. Come se il Ticino fosse un Bronx invece che un cantone tutto sommato tranquillo", dice il presidente del Ppd Fiorenzo Dadò. Il Ppd sta ancora assorbendo la sconfitta di Marco Romano a Mendrisio, e si è già messo in moto per le elezioni cantonali dando il coordinamento della "commissione cerca" al vicepresidente Marco Passalia.
Sul tavolo della commissione della Legislazione c’è la modifica della legge che attribuisce alla polizia nuovi poteri senza il controllo della magistratura. La nuova normativa ha sollevato le dure critiche dell’Ordine degli avvocati. Che ne dice?
"Premetto: come partito non abbiamo alcun pregiudizio. Siamo pronti a discutere. Però capisco i timori degli avvocati e anche quelli della magistratura. Dico tuttavia che per alcuni reati specifici, come quelli finanziari o il traffico di droga, per fare solo due esempi, bisogna dare alla polizia capacità di azione e la possibilità di intervenire rapidamente. Detto questo bisogna fare molta attenzione, perché qui c’è in ballo la sacrosanta libertà e la privacy del cittadino".
Negli ultimi anni sono diminuiti del 17% i reati sanzionati dal codice penale, sono aumentati gli agenti di polizia e, secondo il comandante della Cantonale Matteo Cocchi, oggi il Ticino è una "regione sicura". Alla luce di tutto ciò si giustifica la nuova legge?
"Ripeto, prima di valutare la proposta attualmente in consultazione voglio capire bene i termini. Termini che vanno analizzati con lo spirito giusto, con equilibrio. Però noto un aumento degli agenti mentre gli effettivi della magistratura non crescono. Se non si riequilibra questa situazione si rischia un ‘effetto imbuto’, un rallentamento della giustizia. Oggi semmai più che mandare altri agenti sulle strade bisognerebbe puntare a formare, alle specializzazioni contro i reati economici e quelli sull’integrità sessuale".
Pensa ci possa essere il rischio che i diritti delle persone siano subordinati a presunte ragioni di sicurezza?
"Giusto garantire la sicurezza. Ma se si vuole entrare nella privacy dei cittadini bisogna usare molta cautela. Viviamo in uno Stato molto controllato, la nostra libertà si è ‘ristretta’ rispetto a 20 anni fa, non solo per i maggiori controlli di polizia ma anche per il moltiplicarsi di telecamere".
Negli ultimi anni le cronache hanno registrato diversi casi di abusi della polizia; questa nuova legge potrebbe incoraggiare comportamenti arbitrari e possibili soprusi?
"Il discorso deve essere chiaro: se lo Stato interviene, se intacca la libertà del cittadino e se poi sbaglia deve prendersi le sue responsabilità. Se si commette un errore bisogna avere il coraggio di ammetterlo e apportare i correttivi. Dobbiamo poi evitare che questa legge si presti agli abusi, se pensiamo ci siano dei difetti tiriamoli fuori. E discutiamo, ripeto, senza pregiudizi. Il compito della polizia è anche quello di tutelare le persone oneste. Ma anche la privacy, serve buon senso".
24.06.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur