Dalla Germania alla Svizzera la geografia dell'ultradestra
Immagini articolo
Quella "marea nera"
che ha invaso l'Europa
STEFANO VASTANO DA BERLINO


Partiamo dalle statistiche dei delitti, che sono allarmanti. Dal 1990 ad oggi la violenza d’estrema destra ha ucciso in Germania 83 persone. Lo comunica il ministero degli Interni a Berlino. Solo nei primi quattro mesi di quest’anno, nei registri della Polizia risultano 3.714 reati commessi da gruppi neonazisti o d’estrema destra: una "marea nera" che in 120 giorni ha ferito 132 persone. Preoccupante anche l’antisemitismo in Germania: l’anno scorso i reati contro persone e istituzioni ebraiche sono saliti a 1.453, una media di 4 al giorno. Dalle violenze per strada veniamo al discorso tenuto da Alexander Gauland, presidente di "Alternative für Deutschland", al recente convegno del partito d’estrema destra. La Germania del 2018? A lui ricorda "il regime della ex Rdt nei suoi ultimi giorni". E dopo aver paragonato Angela Merkel al dittatore Honecker, Gauland ha confrontato la Kanzlerin, oggi sempre più isolata nella Ue, nientemeno che con Hitler: "L’ultimo capo di un governo tedesco che aveva sollevato così tanti nemici contro di sé…". Allucinazioni verbali, si dirà. In Baviera però, alle prossime elezioni in ottobre, i sondaggi danno il 14 per cento alla "Afd". Ed è il rischio che la bavarese Csu perda la maggioranza  che ha spinto il ministro degli Interni Horst Seehofer, presidente dei cristiano-sociali, ai suoi attacchi contro la Merkel. Dagli efferati crimini sulle piazze alle crisi di governo a Berlino, la presenza dei gruppi d’estrema destra è dunque sempre più diffusa in Germania.
In Sassonia Anhalt, ad esempio, nell’est del Paese, Afd ha riscosso nel 2016 oltre il 24 per cento dei voti. Non a caso proprio lì, ad Halle, in una palazzina (acquistata per 330mila euro) c’è la centrale di "Identitäre Bewegung", il movimento che con azioni spettacolari sta dando nuovi impulsi all’estrema destra. Nell’agosto 2016, 15 attivisti del movimento hanno scalato la Porta di Brandenburgo a Berlino, sventolando sulla Quadriga le loro bandiere nere con la lambda greca. Per spargere meglio i virus del razzismo, mischiati ad un radicale nazionalismo, la nuova destra tedesca ha aperto a Berlino anche una "Bibliothek des Konservatismus". L’armatore Folkard Edler, noto sponsor di Afd, ha sborsato 3,6 milioni per una palazzina sulla Fasanen Strasse che, oltre a 30mila volumi, ospita convegni per i vip della nuova destra. Il Think tank dell’estrema destra si trova nel paesino di Schnellroda, presso Halle: l’Institut für Staatspolitik diretto da Götz Kubitschek. Nei suoi saggi - da titoli come "Tristesse Droite" - lui propaga le tesi dell’Etnopluralismo, l’idea cioè che Stati e popoli non debbano mescolarsi, né "accogliere profughi o accettare l’invasione dell’islam", come Kubitschek ripete. Razzismo e sovranismo sono anche i temi dei testi della sua casa editrice "Antaios" e degli articoli di "Sezession", la rivista dell’Institut. Dove si incontrano i nuovi nomi dell’estrema destra tedesca ed europea: dallo storico revisionista Karl-Heinz Weißmann a Bjorn Höcke, il politico più radicale di Afd al 28enne Martin Sellner, a capo di "Identitäre Bewegung" in Austria. Nel saggio "La rivolta antiautoritaria", Volker Weiß ha ricostruito i miti (negativi) che ispirano la nuova destra tedesca, "dalla convinzione ideologica di un "Tramonto dell’Occidente", spiega, sorge la paura della globalizzazione e le fobie contro gli stranieri". Paure o fobie che, per quanto irrazionali, sono sempre più diffuse in Europa. Ed anche nel ricco Paese della Merkel fanno montare, insieme a gruppi sempre più radicali e ad una scia di violenze, l’onda nera d’estrema destra.
15.07.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin