La nuova strategia elettorale per ridare slancio i partiti
Immagini articolo
La voglia d'indipendenza
che attraversa la politica
CLEMENTE MAZZETTA


Caccia agli "indipendenti" come soluzione per rilanciare i partiti, altrimenti destinati all’estinzione come i ghiacciai. L’idea emersa dal dibattito in casa Ppd, dove Stefano Gilardi, sindaco di Muralto, "pipidino doc", chiede di "avere il coraggio di abbattere gli steccati e aprire agli indipendenti", era stata il cavallo di battaglia dei Verdi. Con il risultato di aprire le porte a persone e idee assai diverse rispetto al "mainstream" degli ambientalisti. Un nome su tutti, Franco Denti dell’area del Ppd. L’obiettivo era quello di rafforzare il partito oltre gli steccati ideologici. "In verità nell’ultima elezione del 2015 siamo scesi da 7 a sei deputati", ricorda Ronnie David, uno dei 5 coordinatori ambientalisti che alla fine si sono trovati "divisi" a meta. Ora in parlamento i Verdi sono "separati in casa": tre da una parte, tre dall’altra. "Le posizioni di quelle persone erano troppo distanti dall’idea di base del nostro movimento - commenta David che mette sull’avviso da operazioni elettorali di questo tipo -. Alla fine non rendono". Si dice comunque aperto ad "influenze esterne": "Ben vengano personalità della società civile che vogliono mettersi in gioco. Quella degli indipendenti è una fonte di arricchimento che permette di uscire da una concezione troppo politicizzata, che rischia di far perdere di vista gli obiettivi reali della politica". Indipendenti come portatori di freschezza, di novità. Oltre gli schematismi. "Certo, ma aprire agli indipendenti ha senso solo se si condividono o idee di fondo o il programma - avverte Alex Farinelli, capogruppo plrt - altrimenti si eleggono delle persone che difficilmente saranno poi capaci di agire per una visione comune". Una concezione in cui prevale l’etica della responsabilitò, rispetto a quella dei principi, della convinzione.
"Noi del Ps non pretendiamo che una persona per far politica da noi sia obbligatoriamente iscritta al partito", dice Igor Righini, presidente del Ps. Che in parlamento un indipendente ce l’ha davvero: Jacques Ducry. "Ma ce ne sono altri a livello comunale - aggiunge -, dove persone d’area rosso-verde si mettono assieme per il bene comune. Stare in un partito vuol dire credere e lavorare per un’idea di società. Aprirsi semplicemente al pensiero individuale vuol dire essere poi in balia dei capricci di ognuno". Anche ridurre i partiti a taxi per ambizioni personali. Quello che si rimprovera alla Lega che ha raccolto molti esponenti di varia provenienza.
"Oggi i partiti non hanno più la presa ideologica o familiare di un tempo. Per questo i ticinesi ci sostengono. Perché essere leghisti è uno stato d’animo - osserva Attilio Bignasca, ex coordinatore della Lega, che non si fa incantare da chi si dice indipendente -. Lo sono tutti, fino a quando c’è da occupare una sedia".
Un giudizio che Righini gli ritorce contro: "La Lega è cresciuta con la lotta alla partitocrazia, ma alla fine qualche sedia l’ha occupata. Alcuni, Lorenzo Quadri per non fare nomi, anche troppe". L’Udc ha aperto e chiuso con gli indipendenti. "Abbiamo incorporato alcuni membri di Area Liberale che ha portato la sua azione politica del nostro partito - spiega Piero Marchesi, presidente dell’Udc -. Non vediamo molte altre soluzioni che interpretare a livello di temi le preoccupazioni e le ambizioni dei ticinesi. Ma al di là di quale struttura, bisogna chiedersi quali sono i temi importanti per la gente - aggiunge Marchesi - visto che un sondaggio precedente gli elettori del Ppd avevano indicato lavoro e frontalierato. Anche se poi il Ppd sul ‘Prima i nostri’, una possibile soluzione, ha votato contro".

c.m.
12.08.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14