Sono a Sud delle Alpi gli esecutivi più numerosi
Immagini articolo
Municipali da record,
il Ticino è in testa
ANDREA BERTAGNI


In confronto alle altre città svizzere, il Ticino non brilla solo per il sole, ma anche per l’alto numero di municipali. Per accorgersene basta osservare le cifre. Locarno ha 16mila abitanti e 7 municipali. Coira, ad esempio, che di abitanti ne ha 32mila, quindi quasi il doppio, è amministrata da 3 municipali. Lugano ha 7 dicasteri per 68mila abitanti mentre Berna, che deve reggere il peso di città-capitale, ha 130 mila residenti ma soltanto 5 dicasteri. Il discorso non cambia con le altre realtà comunali ticinesi, come Mendrisio, che di cittadini ne ha oltre 15mila e 7 capi dipartimento. Mentre Bellinzona - sempre con 7 municipali -  con la nuova aggregazione ha superato i 40mila abitanti. Tanti? Pochi? Sicuramente uguali ad agglomerati urbani molto più grandi, come Losanna, 134mila abitanti, e Basilea, 170mila. Insomma, confrontando il numero di poltrone delle città tra il Nord e il Sud delle Alpi, il Ticino appare molto più generoso. Il motivo? La risposta si nasconde dietro a un nome, anzi, a una scelta: professionalizzazione.
Data per acquisita una sempre più accresciuta complessità della gestione della "cosa pubblica", nel resto della Svizzera ci si è accorti che facendo del municipale un vero e proprio lavoro a tempo pieno il ritmo decisionale, può avere un’altra marcia. Nelle realtà locali del nord del Paese dove è stata fatta questa scelta ci si è resi conto che un Comune è simile sempre più a una grossa azienda e quindi non può fare a meno di un Ceo a tempo pieno. Anche a Zurigo il tema è d’attualità: il 23 settembre si voterà per ridurre i municipali da nove a sette.
E in Ticino? Cosa si pensa? "Alle condizioni attuali - spiega Alan Scherrer, sindaco di Locarno – sarebbe gravoso ridurre il numero di municipali e non è quindi pensabile". In futuro però, "quando ci sarà un Comune più allargato - continua Scherrer - sarà il momento buono per ridiscutere la professionalizzazione dei capi dicastero".
Sulla stessa lunghezza d’onda Samuele Cavadini, sindaco di Mendrisio. "Non affronteremo il tema della riduzione dei municipali in questa legislatura, anche perché nel Magnifico Borgo non se n’è mai discusso". È però vero, aggiunge Cavadini, "che quando si fa politica si dedica alla "cosa pubblica" moltissimo tempo e la percentuale di lavoro non è mai quantificata".
A sostenere a spada tratta la la scelta della professionalizzazione è Marco Borradori, sindaco di Lugano. "La mia idea non è però dominante in Municipio - osserva - anzi, credo proprio di essere in minoranza". Ciò nonostante, spiega Borradori, "trovo giusto andare verso un aumento del tempo di servizio da dedicare alla professione, riducendo il numero di municipali". Anche perché, io stesso, pur essendomi riconosciuto un’indennita al 60%, lavoro 50-60 ore la settimana". Lavorare al 100% per un Comune, aggiunge il sindaco di Lugano "darebbe inoltre alla carica più indipendenza. Oggi invece c’è secondo me una sottovalutazione della funzione".
Dello stesso avviso, il sindaco di Bellinzona, Mario Branda. "Quello della riduzione dei municipali e della professionalizzazione della carica è un tema attuale. La gestione dei centri urbani è diventata sempre più complessa e ci vogliono persone che abbiano competenze e tempo da dedicarle".  La responsabilità amministrativa di un Comune, rileva il sindaco Branda, "non può più insomma  essere demandata a una dimensione post-lavorativa".

abertagni@caffe.ch
26.08.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin