Le proposte delle associazioni a favore dell'albo artigiani
Immagini articolo
"La Lia si può salvare,
a tutela delle aziende"
CLEMENTE MAZZETTA


Basterebbe non fare pagare la Lia agli artigiani di oltre Gottardo per togliere di mezzo il ricorso della Commissione della concorrenza (Comco)". E questo non è che il primo "drastico" rimedio di Piergiorgio Rossi, presidente dell’Am Suisse-Ticino contro l’abrogazione della legge che ha istituito un albo obbligatorio per gli artigiani per lavorare in Ticino. Tramontata l’ipotesi di una Lia "light" su base volontaria, inascoltate dal governo le proposte dell’Unione delle associazioni dell’edilizia (Uae), fra cui quelle di diversificare le quote per categorie, di accettare per le ditte con più attività l’iscrizione solo di quella preponderante, mantenendo parte dei controlli, il suo destino appare segnato.
"Se il Gran consiglio si limiterà a cancellarla, senza una proposta alternativa, senza un contro progetto, siamo pronti al referendum, sostenuti anche dai sindacati", aggiunge Rossi, parlando al Caffè come presidente dell’Uae che riunisce tredici associazioni dell’artigianato e dell’edilizia. Tutte compatte a difendere la Lia, dopo che il governo ha proposto di cancellarla "perché non sorretta da un sufficiente interesse pubblico e non rispetta il principio di proporzionalità". Ma in due anni la Lia ha fatto emergere una realtà imprenditoriale-artigianale più consistente del previsto. "Ci si aspettava l’iscrizione di 2.500 ditte, invece all’albo sono state più di 4.500. La Lia ha regolamentato i giochi", sostiene Paolo Stauffer, presidente dell’Asip (Associazione svizzera imprenditori pittori per il Ticino). La sua è una difesa a spada tratta: "Stiamo buttando via una legge che ha funzionato e che era stata votata quasi all’unanimità". Solo un deputato aveva alzato la mano contro: Carlo Luigi Caimi (Ppd) disse di no perché avrebbe dato avvio a ricorsi  in quanto "non conforme al diritto superiore" (concorrenza interna). Cosa che è avvenuta.
"Se il problema è il diritto superiore allora ci sono ancora tre ricorsi al Tribunale federale contro le sentenze del Tram", sostiene Rossi, che ricorda la differente situazione del mercato del lavoro ticinese rispetto al resto della Svizzera. "L’Uae ha avanzato una serie di proposte. Le condivido. Facciamo una Lia light (quote differenziate), nuova. Non buttiamo una legge che ha fatto emergere il sottobosco delle imprese", sottolinea Renato Scerpella presidente dei falegnami ticinesi (Asfms). Che la Lia, pur con tutti i limiti, sia servita almeno "come deterrente"  è convinzione di Tiziano Lotti, presidente di Suissetec (impianti sanitari-lattonieri): "Condividiamo le proposte elaborate dalla Uae: vanno portate avanti seriamente. Altrimenti non faremo nessun passo in avanti". Un recente sondaggio fra le imprese (ha risposto poco meno della metà) ha evidenziato la necessità di regolamentare il settore dell’artigianato e margini di miglioramento della Lia. Opinione condivisa da Marco Di Ascenzo della Società impresari ponteggi. "La Lia va sburocratizzata. Ma è stata uno strumento che ha messo ordine in un settore che non era mai stato tutelato. Nel mio, ad esempio ci sono solo 20 persone con l’attestato federale di capacità, ma ben 60 ditte". Per Paolo Cadenazzi, presidente della Società cantonale degli spazzacamini è stata una legge "venduta male - dice -. L’hanno descritta come il rimedio contro i padroncini italiani ma è servita contro le  imprese ticinesi che si improvvisano, che non pagano gli oneri sociali. Ha messo a posto il Ticino". Che fare allora? Congelarla? Modificarla? "Basterebbe alleggerire la burocrazia per salvare la Lia. Oggi regna l’incertezza, che va contro i veri artigiani che lavorano, sono in regola e assumono apprendisti", conclude Francesco Lurati, vicepresidente dell’Uae, che propone di coinvolgere in difesa anche la deputazione ticinese a Berna.

c.m
09.09.2018


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Budget
europeo,
l’Europa
spaccata

Afghanistan,
forse
una tregua

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00