Le conclusioni della perizia sui benefit del Governo
Immagini articolo
"I ministri restituiscano
quei 300 mila franchi"
LIBERO D'AGOSTINO


Tredici pagine fitte di citazioni giurisprudenziali per arrivare alla conclusione che gli attuali consiglieri di Stato e i cinque ex ministri che li hanno preceduti in governo potrebbero essere chiamati a rimborsare, a partire dalla fine della primavera del 2008, i 3’600 franchi annui, a testa, ricevuti per le spese del telefono cellullare, più altri benefit come le due mensilità omaggio e il dono di 10mila franchi a fine carriera. Per il forfait annuale di 15mila franchi, un’eventuale pretesa di risarcimento sarebbe invece prescritta. Ridotte all’essenziale sono queste le conclusioni del rapporto del consulente giuridico del parlamento, Tiziano Veronelli, sulla richiesta di risarcimento avanzata dal deputato dell’Mps Matteo Pronzini. Ora spetterà al Gran consiglio decidere se chiedere o meno la restituzione di questi soldi che, secondo i calcoli dello stesso Pronzini, dovrebbero ammontare a poco più di 300mila franchi.
Il parere del consulente giuridico, richiesto dalla sotto commissione della Gestione che si sta occupando dei rimborsi spese del governo, porta la data del 16 maggio scorso ma sinora è rimasto ben custodito nei cassetti del Palazzo delle Orsoline. L’avvocato Veronelli doveva accertare la fondatezza della richiesta di risarcimento: per il forfait annuale di 15mila franchi versato ai singoli ministri prima che l’Ufficio presidenziale del parlamento approvasse la famosa "nota a protocollo" che riconosceva questo beneficio; per i 3’600 franchi dei costi telefonici mai approvati dall’Ufficio presidenziale; per i due mesi di stipendio e il regalo per un valore non superiore ai 10mila franchi elargiti alla fine del mandato.
Riguardo a questo ultimo punto il rapporto precisa: "L’eventuale pretesa di risarcimento per quanto percepito dagli ex consiglieri di Stato prima del 2008 risulta senza dubbio prescritta". Un rimborso potrebbe essere chiesto invece agli ex ministri che hanno lasciato il governo a partire dal 2011. Rimborso da cui andrebbe però dedotta la rendita pensionistica non versata nel frattempo. Veronelli dà anche indicazioni precise su come calcolare la restituzione del forfait di 3’600 franchi per i telefonini.
Intanto, Pronzini pochi giorni fa è tornato alla carica col nuovo procuratore generale Andrea Pagani proprio sulle spese telefoniche. Ricordando il decreto di abbandono firmato nel marzo scorso da John Noseda, il deputato dell’Mps con una nuova denuncia ha segnalato gli ultimi sviluppi di una situazione che ritiene del tutto illegale. Visto che i ministri, con l’eccezione di Manuele Bertoli, continuano ad intascare questi soldi. Nonostante gli avvertimenti dello stesso Noseda "sui gravi problemi giuridici che inficiano determinate prestazioni" e noncuranti del fatto che l’Ufficio presidenziale del parlamento abbia bocciato una loro proposta per sanare almeno in parte questi rimborsi spesa. "Dunque, nessun ravvedimento", sottolinea Pronzini che sollecita Pagani a indagare su un possibile abuso di autorità, o altri reati, da parte dei consiglieri di Stato.

l.d.a.
09.09.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

"Mi sento vittima
di un complotto"
L'INCHIESTA

'No a piatti di plastica
alle feste e alle mense'
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I soldi dei contribuenti
per pagare il karaoke
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Trump con i tassi bassi
sogna d'essere Reagan
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Come i killer dell'Isis
ma non sono terroristi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
07.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 novembre prossimo
26.10.2018
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2017 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
26.10.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da sabato 27 ottobre 2018 alle ore 8:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
24.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 5 novembre 2018.
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch


Degenera
manifestazione
a Barcellona

Trump
denunciato
dopo la stretta
sull'asilo