La parabola di un movimento pressato da Udc e Mps
Immagini articolo
"Ticino first" leghista
poi viene la Svizzera
LIBERO D'AGOSTINO


Orgogliosamente populisti. Sovranisti puri e duri: "Ticino first". Se è il caso anche prima della Svizzera. In principio era il "Verbo" di Giuliano Bignasca, espressione di un esasperato rivendicazionismo regionalista che tuonava contro "i balivi bernesi", invocava la "dogana ad Airolo" e insultava la partitocrazia locale in affari con i potentati d’oltre Gottardo. Se oggi la Lega sembra aver perso la sua forza propulsiva, a vantaggio di un’Udc che monopolizza l’eurofobia sovranista, mentre a sinistra è insidiata dal Mps, ha però affinato la camaleontica capacità dei movimenti populisti di adattarsi ad ogni circostanza. È al governo con due ministri, ma spara, a salve, sul "governicchio"; è all’opposizione ma insegue le poltrone del parastato, nel nome della nuova "responsabilità istituzionale".
Secondo Daniele Caverzasio, capo gruppo leghista in parlamento, la forza dell’Udc è a livello nazionale, in Ticino invece è ancora il suo movimento a trascinare nelle battaglie contro l’Europa e per il controllo delle frontiere. "L’Udc si dà molto da fare nell’attività parlamentare - dice -, noi ci muoviamo di più in governo con i nostri due ministri, Gobbi e Zali, che stanno rapidamente concretizzando quello che la Lega ha sempre voluto fare e che ha sempre rivendicato". Per Lorenzo Quadri, consigliere nazionale e direttore del Mattino, l’Udc è avvantaggiata sul piano nazionale, ma nel cantone se vuol vincere delle battaglie comuni non può fare a meno della Lega: "Lo si è visto col voto del 9 febbraio contro l’immigrazione di massa, siamo stati determinanti per la vittoria". Sul Mps, Quadri taglia corto: "È solo un deputato che spara a raffica, ma ciò non vuol dire ottenere dei risultati concreti".
La sua elevazione nazionalpopulista, il leghismo l’ha celebrata agli inizi degli Anni ‘90 con le prime campagne contro l’Ue. Qui, come negli altri Paesi, il sovranismo populista si è poi alimentato con gli errori dei partiti storici, Plr, Ppd e Ps, che hanno lasciato valori come nazione, identità e patria alla narrazione della destra nazionalista. Che non hanno saputo opporre al nazionalismo politico, l’idea democratica di nazione secondo la tradizione liberale, cattolica o socialista; che alla difesa etno-identitaria non sono stati capaci di contrapporre un concetto di cittadinanza partecipativa e non divisiva tra cittadini di serie A e serie B, e che, al di là delle celebrazioni del Primo agosto, non sono riusciti a formulare un discorso pubblico su un patriottismo costituzionale quale antidoto ad una patria chiusa e sigillata dalle frontiere.  
Valori che esprimono quella "sostanza primordiale" di ogni Paese come diceva Jünger, che il sovranismo è invece riuscito a manipolare con profitto. Usandoli come teste d’ariete per sfondare sulla scena elettorale nel momento in cui le crisi economiche, gli scompensi sociali indotti dalla globalizzazione e la delegittimazione dell’Ue, hanno seminato paure, rancori e incertezze nella popolazione. Per Caverzasio e Quadri, sono i temi che hanno contribuito in grande misura al successo della Lega, perché per i cittadini rappresentano sentimenti irrinunciabili. "Un demerito per i partiti storici che hanno imboccato una via senza ritorno - dicono - poiché è difficile recuperare sul terreno dei principi identitari. Irrisi, accusati di populismo e razzismo, è da trent’anni che noi insistiamo su patria, identità e nazione".
Svaporata l’originaria vocazione socio-libertaria, la Lega di oggi ha la sua unica ragione sociale nell’ossessiva retorica della difesa del Ticino dall’invasione degli stranieri, frontalieri, immigrati e richiedenti l’asilo, che snaturerebbero il Dna elvetico, e contro la Berna asservita a Bruxelles. Il sovranismo leghista del "padroni in casa nostra" ora si declina nelle due versioni dei suoi ministri: quella etno-territoriale di Claudio Zali, che piace anche ai Verdi, e quella etno-securitaria di Norman Gobbi.  
A far da collante del movimento c’è sempre il Mattino che si è aggiornato col lessico sovranista contro la casta, le élites e le oligarchie finanziarie, per cercare di rinnovare di domenica in domenica l’estenuata liturgia del "gentismo". La difesa della "nostra gente" vessata dai "camerieri di Berna al servizio dell’Ue", messa in ginocchio "dagli spalancatori di frontiere", deprivata delle sue tradizioni dalla dittatura "multikulti" e disprezzata dai "benpensanti da kebabberia".

ldagostino@caffe.ch
(2 - continua)
09.09.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14