Le alternative alla riforma fiscale del ministro Vitta
Immagini articolo
"Ecco cosa faremmo
con quei 70 milionii"
CLEMENTE MAZZETTA


Il taglio lineare del 5% del moltiplicatore cantonale, rimette nelle tasche dei contribuenti ticinesi fra i 60 e i 70 milioni. Questa la stima della proposta del ministro delle Finanze Christian Vitta, che alleggerisce la tassazione sia ad aziende che a cittadini.
Ma se invece dello sconto del 5% sulle imposte si lasciassero le cose come sono, se non si toccassero le entrate, cosa si potrebbe fare con quei milioni? Dove investirli, come spenderli, quali servizi garantire? 60/70 milioni sono il costo di due riforme scolastiche a pieno regime proposte dal Dipartimento delle scuola (Decs). Oppure tre nuove scuole medie di Caslano.
Che fare? Ecco l’esercizio che il Caffè propone ai capogruppo dei partiti di governo e ai deputati dell’opposizione. "Semplice si potrebbero ridare a quei cittadini che dal 2016 hanno subito una serie di tagli ai sussidi cassa malati per 50 milioni di franchi - è la risposta di Ivo Durisch, capogruppo Ps -. Il 25% dei contribuenti che non beneficeranno nemmeno di un franco di questi sgravi sono gli stessi cittadini che hanno subito i tagli della politica familiare".
Maurizio Agustoni, capogruppo Ppd, che di per sé non è contrario ad una riduzione delle imposte se fatta con un’ottica globale, ha un’altra proposta: "Come prima misura si potrebbe ridurre in modo consistente l’imposta di circolazione, che è la più alta di tutta la Svizzera e che è stata aumentata per far fronte alle esigenze finanziarie del Cantone. Questo sul ceto medio potrebbe avere un effetto migliore che il taglio del 5%". Per Agustoni occorre rivedere la fiscalità, ma in altro modo: "Un alleggerimento fiscale, va fatto con una visione d’insieme. Bisogna pensare a chi è stato svantaggiato. A chi è stato dimenticato dalle riforme fiscali, come i single, ad esempio, che non hanno ricevuto né incentivi né misure sociali. Poi occorre rivedere certe decisioni, come la tassa sugli utili immobiliari".
Concetti analoghi a quelli espressi del capogruppo della Lega, Daniele Caverzasio: "Quello di Vitta è solo uno spot elettorale. Ci sono i single a cui pensare. E pure i Comuni che sono stati munti in questi anni all’inverosimile. Se non si opera una riduzione fiscale pensando al ceto medio, si usino queste risorse per infrastrutture (penso alla viabilità), ma anche per politiche sociali, per aiuti a chi è in assistenza o per gli ultra cinquantenni espulsi dal mondo del lavoro".
Di tutt’altra opinione Alex Farinelli, capogruppo Plrt che sposa pienamente le proposte di Vitta: "Fra i compiti e le funzioni di uno Stato c’è anche quello della politica fiscale. In quest’ambito ogni tanto ci deve essere spazio per sgravi fiscali che fanno bene ai cittadini e alle imprese. Rispetto a chi è favorevole a ridare questi soldi in sussidi, o ad investire in qualche opera, sono del parere che si possono lasciare nelle tasche dei cittadini".
Concreto Gabriele Pinoja deputato Udc : "Come alternativa ai tagli fiscali, penso soprattutto agli investimenti - sostiene l’ex presidente dell’Udc che chiuderà ad aprile la sua presenza in parlamento -. Con 60/70 milioni si possono realizzare infrastrutture turistiche in grado di attrarre turisti, creare nuovi posti di lavoro, rilanciare l’economia. Nel Locarnese si potrebbe pensare ad una pista di pattinaggio per il curling e l’hockey, o ad un potenziamento delle piste ciclabili. Oppure anche ad un ampliamento della strada Cadenazzo-Quartino a quattro corsie. Di sicuro lascerei stare il sociale, che è già molto avanzato".  
Opinione che non trova concorde Francesco Maggi dei Verdi. "Il fatto reale è che quei soldi non ci sono. Ma come alternativa, meglio iniziative per il sostegno agli over 50 espulsi dal mondo del lavoro. Non solo. Con una risorsa simile si può intervenire in più direzioni: rivedendo i contributi chiesti ai Comuni, riducendo il debito pubblico, riducendo il carico fiscale e, appunto, potenziando lo Stato sociale".

cmazzetta@caffe.ch
16.09.2018


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
06.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 18 novembre 2019
04.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2019
30.10.2019
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2018 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Un traguardo sociale
ma ancora non per tutti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'attentato a Londra
rilancia l'allarme jihad
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Arrestato
il presunto
aggressore
dell’Aja

Un trono
di soldi…
con lo scopo
di farne di più

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00