Pronzini chiede ai ministri di rimborsare mezzo milione
"Partirà l'operazione
che insabbierà tutto"
CLEMENTE MAZZETTA


Ora è chiaro a tutti che i consiglieri di Stato hanno percepito soldi a cui non avevano diritto", dice Matteo Pronzini,  deputato del Movimento per il socialismo.
La sua insistenza per i rimborsi telefonici  dei vari ministri è ritenuta eccessiva, un accanimento che mina le istituzioni.
"Ma che accanimento, questo è un mondo all’incontrario. Devono essere i consiglieri di Stato, con il loro comportamento,  a rispettare il ruolo che hanno. La mia è una funzione di opposizione, di controllo".
Cosa pensa che succederà il prossimo 10 dicembre in parlamento, quando si discuterà la sua richiesta di risarcimento?
"Purtroppo mi aspetto una grande manovra di insabbiamento".
Ma ci sono in discussione due rapporti, uno che chiede rimborsi da luglio, poche centinaia di franchi, l’altro di Henrik Bang che li rivuole dal 2013. Non è poca cosa?
"Ma entrambi chiedono di respingere la mia richiesta risarcitoria di quanto percepito senza base legale dal 2008. Si inviteranno i ministri solo a rimborsare. Ci si affida al loro buon cuore. Non è serio".
Di che cifre stiamo parlando?
"Di 580 mila franchi, di cui 187 mila solo per i telefoni".
È una questione di soldi, di principio?
"È una questione di rispetto nei cittadini, che se devono rimborsare 5 franchi all’amministrazione devono farlo per forza".
Ma i bilanci, i rendiconti di queste spese sono stati approvati dal parlamento.
"Ma non è che se si approva un bilancio si sanano i versamenti senza base legale. È vero però che c’è stata sudditanza e superficialità da parte del parlamento. Ma un conto è quel che accade nel teatro della politica, un’altra l’indignazione della gente".

cmazzetta@caffe.ch
02.12.2018


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Budget
europeo,
l’Europa
spaccata

Afghanistan,
forse
una tregua

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00