Fiorenzo Dadò interviene sui soldi "illeciti" dei ministri
"Una questione etica,
ora devono ridare tutto"
CLEMENTE MAZZETTA


Il presidente del Ppd Fiorenzo Dadò non fa mistero che il suo partito sui rimborsi telefonici si sia diviso: "Non potevo certo presentare un altro rapporto di minoranza, né firmare il rapporto di Bacchetta-Cattori di cui non condivido le conclusioni".
L’aria che tira è quella di chiedere i rimborsi solo dal luglio del 2018.
"È quello che sostiene la maggioranza della Gestione che reputo un’indicazione sbagliata. Nel Ppd ne discuteremo ancora".
Per questo ha firmato il rapporto del socialista Henrik Bang?
"Sì, anche se chiede di restituire i rimborsi a partire dal 2013. Personalmente dovrebbero restituire quanto illecitamente percepito a partire dal 2011".
E per quale motivo?
"Parlo con cognizione di causa: nel 2011 ero nell’Ufficio presidenziale che ha approvato i forfait. Da noi non sono passati né i telefonini, né gli aumenti di paga del Cancelliere, né i doppi stipendi..."
Quindi non potevano non sapere...
"Quindi lo sapevano con certezza che da quella data c’erano delle irregolarità".
Però anche lei ritiene la procedura di risarcimento un eccesso?
"Non bisogna esagerare. I consiglieri di stato non sono dei ladri. Sono persone per bene, oneste. Che fanno un lavoro difficile. Semplicemente quanto preso in modo irregolare va reso, per una questione di equità verso i cittadini. Ma non si possono portare i ministri davanti ad un tribunale".
Come ne esce la classe politica?
"Vedremo: uscirà doppiamente male se non avrà il coraggio di ammettere gli errori, se vorrà annacquare l’intera questione".
Anche lei è contro la casta?
"Macché. Noto però un forte imbarazzo fra i deputati. Ripeto: quello che è stato preso in più, va reso. Il mio non è populismo, è equità".

c.m.
02.12.2018


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
11.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2019
09.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2019
04.09.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 16 settembre prossimo
03.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2019
02.09.2019
Aggiornati e completati i dati sugli impianti di depurazione delle acque [www.ti.ch/oasi]
30.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2019
27.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2018
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, luglio 2019
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2019
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Groenlandia fa gola
alla Cina e all'America
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ecofin: frenata
sulla revisione
delle regole
fiscali

Trump conferma:
ucciso il figlio
di Osama
Bin Laden

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00