Dopo l'ebbrezza del "facciamolo" la delusione del post-voto
Immagini articolo
Il Plrt fuori rotta
cerca un nuovo profilo
LIBERO D'AGOSTINO


La diagnosi più efficace su un partito collassato della disillusione del 7 aprile, l’ha fatta il professore Gerardo Rigozzi: "Il vero problema è che il Plrt deve profilarsi maggiormente, perché oggi la sua immagine è un po’ confusa". Nella confusione si sono persi 4.000 elettori liberali radicali. Nel day after elettorale il presidente Bixio Caprara ha lanciato l’appello per raddrizzare la rotta: "Dobbiamo cercare un profilo più chiaro". Ma per avere un profilo più chiaro serve una visione politica altrettanto chiara. Per non confondersi con gli altri partiti, al Plrt servono una cultura e un’identità chiaramente ispirate al liberalismo, ben oltre le dichiarazioni di principio, ma che oggi, secondo gli osservatori più critici, mancano.
Umiliante l’aspettativa frustata su un secondo ministro, proprio quando c’erano tutte le condizioni favorevoli: l’effetto Ignazio Cassis, la clamorosa vittoria di Samuele Cavadini a Mendrisio, la crisi della Lega impastoiata nelle responsabilità di governo, il Ppd impigliato nel caso Argo 1 e le divisioni della sinistra. La certezza del raddoppio trasmutata in un’inaspettata sconfitta. Conseguenza non solo  dell’errore tattico di un partito che, eccitato dall’ebbrezza del "facciamolo", ha sbagliato bersaglio, concentrandosi sul seggio socialista, anziché, ha ricordato l’ex ministro Gabriele Gendotti, sull’avversario "naturale, la Lega. È anche il risultato di un vuoto politico. Dell’incapacità "di dire qualcosa di liberale" come lamentava pubblicamente alla vigilia delle elezioni un fedele militante, dopo aver visto in piazza a Lugano un banchetto dei giovani plrt con un cartello che invocava più sanzioni "contro i furbetti che sfruttano le previdenze sociali". Triste scopiazzatura, osservava, degli slogan di Lega e Udc.
È in questo vuoto politico che si muovono ancora alcuni deputati plrt che, per il voto del 19 maggio contro la "direttiva europea sulle armi", ricorrono all’abituale lessico populista: "La tattica del salame di Bruxelles" e "le imposizioni dell’Ue", confondendosi con la destra nazionalista.
È quel buco nero della cultura liberale che ha portato il partito ad affiancarsi spesso al primanostrismo e alla derive protezionistiche, dall’albo degli artigiani alle misure antifrontalieri, facendogli perdere riconoscibilità agli occhi degli elettori. Ad impedirgli di battersi per una società aperta contro le chiusure e i ripiegamenti identitari. Opponendo al catastrofismo populista, come suggeriscono da tempo gli ambienti economici, la realtà di un Ticino che negli ultimi anni ha creato migliaia di posti di lavoro. Che oggi può vantare centri di ricerca di fama mondiale, che avrà nuove opportunità di crescita con l’adesione alla Greater Zürich Area, la più grande agenzia di marketing territoriale, e la vicinanza con Milano dove sta sorgendo il Mind, uno dei parchi scientifici più importanti d’Europa.
"Ci attendiamo un sussulto d’orgoglio delle forze liberali" ha avvertito Stefano Modenini, direttore dell’Associazione industrie ticinesi, auspicando un’intesa tra i partiti di centro: "C’è da ridiscutere tutta la macchina dello Stato, in un cantone estremamente statizzato, impregnato di burocrazia, di formalismi e dove impera il dipartimentalismo". Temi che, se trascurati dal Plrt, saranno cavalcati dai liberal conservatori dell’Udc.
Senza una vera politica liberale era inevitabile che al comitato cantonale di Cadempino si esprimesse il peggio della cultura illiberale. Facendo, addirittura, ascoltare una registrazione telefonica in cui Dick Marty ribadiva l’importanza di un socialista in governo, per accusare l’ex senatore e l’ex ministra Laura Sadis di aver sputato nel piatto del partito dopo averci mangiato. "Per delle riflessioni che un tempo avrebbero inorgoglito il dibattito interno si è chiesta persino l’epurazione" ha annotato amaramente l’ex deputato plrt Sandro Lombardi.

ldagostino@caffe.ch
(2 - continua)
12.05.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, luglio 2019
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2019
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio 2019
20.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2019
05.08.2019
Comunicazione Ustat: Pericoli naturali Ticino
30.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2019
29.07.2019
Avviso di prudenza del 29.07.2019 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2019 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
14.07.2019
Traversa di Cavanna/Bedretto - coordinate 682/152 - Predazione 3 pecore
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
A Hong Kong la rivolta
che cambierà la Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il tiranno Salvini
al ballo del Papeete
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Le pubblicazioni
di Rezzonico
Editore

Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Indonesia:
Giacarta,
la città
che affonda

Open Arms,
Salvini autorizza
lo sbarco
dei minori

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00