Il professor Martinoni sul a crescita sociale del Paese
"Politica e cultura?
Serve molta serietà"
CLEMENTE MAZZETTA


"Bisogna avere più fiducia nella cultura, che è prodotto collettivo, che cumula esperienza, che fa parte della nostra vita, delle nostre tradizioni". Renato Martinoni, per trent’anni professore di letteratura italiana all’università di San Gallo, sottolinea la forte produzione culturale del piccolo Ticino: "Abbiamo molta, forse anche troppa offerta culturale. Con soli 350mila abitanti il Ticino ne produce ad un livello superiore rispetto a tante province italiane ben più grandi, sia sul piano della cultura creata, concerti, eventi, che quella studiata…".
Che atteggiamento deve avere la politica verso questo mondo?
"Il compito della politica è di occuparsi della cultura come si occupa di ambiente, di traffico, di economia. Con serietà!".
Ma ci sono alcuni politici più sensibili e altri...
"E ce ne sono altri meno sensibili o addirittura sordi. Come ci sono politici che hanno cultura e altri che non ce l’hanno. Averne aiuta ad occuparsi in modo serio della cultura. Il che non vuol dire dare o non dare soldi per questa o quell’altra iniziativa. Vuol dire, soprattutto, capirne l’importanza, cogliere la differenza fra contenuto e forma, fra eventi che hanno sostanza e altri che fanno solo spettacolo".
Però i partiti ci vogliono sempre mettere il naso.
"E invece dovrebbero accettare di affidare certe responsabilità a chi la cultura la fa per mestiere. Dovrebbe avere più fiducia".
Spesso si ha l’impressione che la cultura venga strumentalizzata dalla politica a fini politici-elettorali. Non crede?
"Come c’è buona e cattiva politica, c’è buona e cattiva cultura. Così succede che alcuni partiti per fini elettorali scelgano la cattiva cultura. Che non è quella popolare, di cui ho grande rispetto. Ma è quella pseudopopolare, quella dello pseudodialetto magari da far studiare a scuola. La cosa peggiore è quando la politica di poco conto si innamora della cultura di poco conto".
Dunque?
"Dunque,  la cultura ha bisogno della politica. Ma la vera cultura ha bisogno di libertà e di autonomia. Non può essere ingabbiata".
Però con la cultura non si mangia!
"È vero che è molto difficile quantificarne l’indotto. Ma dire che con la cultura si buttano via soldi è sbagliato, l’hanno dimostrato seri studi internazionali. Perché se ne generano altrettanti di soldi. Ma anche ragionare solo in termini economici, sarebbe un errore. Lo stesso errore di chi non fa ricerca, perché costa".
Fatti non fummo per vivere come bruti...
"Bisogna vincere i pregiudizi, che nascono o dall’ignoranza o dall’invidia di chi si sente escluso".
Ma un cantone che punta sulla tradizione non rischia di chiudersi in se stesso, rispetto alle prospettive che ha a nord e a sud?
"La tradizione è un patrimonio comune da rispettare e conoscere. Ma se parliamo solo di tradizione in un cantone di 350mila abitanti, non andiamo lontano. È come chi pensa che basta studiare la civica nella scuola per fare dei buoni cittadini. No. Perché il mondo va avanti, bisogna aprire delle finestre, capire che ci sono altri vini, anche più buoni da bere del ‘nostranino’".
14.07.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
05.08.2019
Comunicazione Ustat: Pericoli naturali Ticino
30.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2019
29.07.2019
Avviso di prudenza del 29.07.2019 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2019 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
14.07.2019
Traversa di Cavanna/Bedretto - coordinate 682/152 - Predazione 3 pecore
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
06.07.2019
Alpe Pesciora/Bedretto - coordinate 681/151 - Predazione 3 pecore
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
A Hong Kong la rivolta
che cambierà la Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il tiranno Salvini
al ballo del Papeete
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Le pubblicazioni
di Rezzonico
Editore

Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Indonesia:
Giacarta,
la città
che affonda

Open Arms,
Salvini autorizza
lo sbarco
dei minori

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00