function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Berna o Giura? Una soluzione per la scelta cantonale
Immagini articolo
Un'idea dalla Bosnia
per la pace a Moutier
SEAN MÜLLER E NENAD STOJANOVIC


Prossimamente - per il momento le date possibili sono il 21 giugno di quest’anno o il 7 febbraio 2021 - la popolazione di Moutier dovrà esprimersi un’altra volta sull’appartenenza cantonale: Berna o Giura? Sarà l’undicesima votazione in 60 anni in cui gli aventi diritto di voto di questo comune del Giura bernese, che conta circa 7.500 anime, saranno chiamati ad esprimersi su questioni che riguardano la "questione giurassiana" (vedi tabella).
Come nelle altre votazioni, anche questa volta, verosimilmente, il risultato farà emergere una spaccatura in due gruppi - i filobernesi contro i filogiurassiani - che grossomodo si equivalgono. In altre parole, comunque vada circa 2000 votanti saranno di nuovo dalla parte dei perdenti. Da un lato, questo è normale, perché le sconfitte fanno parte del gioco, sono il sale della democrazia. D’altra parte, la prossima votazione sarà vista - come d’altronde quella del 2017 che un tribunale bernese ha annullato l’anno scorso - come il punto finale della questione giurassiana. Stavolta però la sconfitta potrebbe davvero essere definitiva. Ci sono tuttavia alternative alla semplice domanda "restare o andarsene: Berna o Giura?". Un esempio interessante viene dalla Bosnia, anche se non ne mancano nella storia svizzera (vedi box).

Il distretto di Brčko come condominium
Brcko è un agglomerato di circa 80.000 abitanti che si trova in Bosnia ed Erzegovina, uno Stato costituito da due entità autonome: la Repubblica Srpska e la Federazione di Bosnia ed Erzegovina. Dal punto di vista giuridico, il distretto di Brcko è un "condominium" che appartiene a entrambe le entità. In realtà, tuttavia, il distretto è autonomo ed è direttamente subordinato allo Stato centrale. Allo stesso tempo i suoi abitanti devono dichiarare l’appartenenza a una delle due entità per ottenere i documenti d’identità e per esercitare i loro diritti di voto e di eleggibilità nell’una o l’altra entità, nonché a livello dello Stato centrale
Come Brcko, anche la città di Moutier potrebbe diventare un "condominium" dei cantoni di Berna e Giura, sotto il tetto della Confederazione. Concretamente, ciò significherebbe che Moutier continuerebbe a gestire e finanziare autonomamente i propri affari locali e applicherebbe il diritto federale proprio come tutti gli altri (circa 2.000) comuni svizzeri. Il diritto cantonale non verrebbe abolito. Ogni abitante di Moutier potrebbe infatti decidere se appartenere giuridicamente e politicamente al Cantone di Berna oppure a quello del Giura. Questa decisione personale potrebbe essere collegata alla dichiarazione fiscale cantonale: ogni abitante verserebbe un contributo al "proprio" cantone e avrebbe diritto ai relativi servizi (scuole secondarie, ospedali, ecc.). Le cittadine bernesi di Moutier avrebbero così il diritto di votare e di candidarsi alle elezioni nel Cantone di Berna. Lo stesso vale per i cittadini giurassiani di Moutier - con l’ulteriore vantaggio che nel Cantone del Giura anche le persone straniere che vivono in Svizzera da almeno dieci anni hanno diritto di voto.

Vantaggi e svantaggi
Il grande vantaggio di questa soluzione è che nessuno verrà assegnato, contro la sua volontà, a uno dei due cantoni. Inoltre, nessuno potrà vincere su tutta la linea, perché la città di Moutier sarà al tempo stesso libera e autonoma ma anche un condominium di entrambi i cantoni. Uno dei principali svantaggi di questa soluzione è che non tutti i servizi pubblici comunali, cantonali e federali potranno essere usati separatamente. Nemmeno i costi amministrativi vanno sottovalutati. Il cambiamento di cantone, qualora vincessero i filogiurassiani, comporterebbe però anche esso spese importanti, così come non vanno trascurati i costi politici e sociali di una vittoria dei filobernesi.
* Professori Fns di scienza politica
alle università di Losanna e di Ginevra
02.02.2020


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00