Volti e voci di una Russia mentre guarda al suo passato
Immagini articolo
"La Rivoluzione
ci ha cambiati"
MARIA MICHELA D'ALESSANDRO DA MOSCA


L’uomo non ricorda il passato", recita un proverbio russo. È Olga, 40 anni, professoressa di filosofia della cultura, a citarlo. Si riferisce a quell’anniversario tanto snobbato dal Cremlino, quasi impaurito dalla storia e da chi la ricorda così per quello che è stata. Olga insegna a ragazzi tra i 16 e i 20 anni, "i giovani di oggi sono distratti, alcuni miei studenti spesso non sanno quasi nulla della storia della Russia e questo è un problema perché tra chi festeggia la rivoluzione c’è chi ha perso dei parenti; per me è una cosa incredibile ma non mi sento di giudicarli", spiega. Il risultato della rivoluzione nella famiglia di Olga è stato negativo e non lo nega a dirlo: la rivoluzione ha portato via il bisnonno, contadino più ricco degli altri, kulak in russo, ucciso perché considerato nemico dello stato. Il nonno dovette combattere nell’esercito dell’Unione Sovietica, l’ex Armata Rossa, e anche dopo la Seconda Guerra Mondiale, conclude Olga, non osava mai parlare di quell’Urss che odiava e che gli aveva ucciso il padre.
Eppure, conoscenze e vissuti diversi, riescono a rovesciare le emozioni che portano il ricordo della rivoluzione: Valentina, pensionata, è nata a Mosca nel 1926, nello stesso anno in cui fu firmato il Trattato di Berlino. La Germania e l’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche, istituita nel 1922, si promettevano neutralità e il mondo continuava a cambiare. Il 7 novembre di 91 anni dopo, gli occhi di Valentina brillano, è felice nel suo impermeabile del Partito Comunista della Federazione Russa, rosso come la bandierina che sventola. "La rivoluzione ha cambiato positivamente la storia della Russia. Io sono cresciuta proprio qui a Mosca e guarda, guarda come il capitalismo ha trasformato tutto", dice. Prima del discorso del leader del partito comunista Zjuganov, davanti a quella statua di Marx che il capitalismo non ha ancora portato via, Valentina indica il palco e sussurra, "Bello eh!"
Sull’altra faccia della medaglia c’è Andrey, 53enne analista di mercato. Seduto nell’ufficio che si affaccia su una delle sette sorelle di Stalin, mentre parla si capisce che nelle sue parole c’è studio, interesse e consapevolezza: "Allora veniva chiamata la Grande rivoluzione, non veniva considerata una rivolta, un complotto di un gruppo di rivoluzionari, bensì una svolta decisiva nella storia dell’umanità, per questo venivano organizzati grandi festeggiamenti in Piazza Rossa". E negli anni dell’università, anche Andrey vi partecipò, dovendo dimostrare la gioia di vivere in Unione Sovietica. Ed oggi? Il 7 novembre nessuno gli ha imposto di festeggiare e non lo ha fatto: "è facile dire che la rivoluzione sia stata positiva quando si vive nel capitalismo e nella democrazia. Io posso dire cosa vuol dire il vero comunismo e il vero socialismo e non mi piace", puntualizza sicuro Andrey.
L’ultimo volto guarda al cielo grigio di Mosca e sorride. Vladimir ha 15 anni e nella vita fa lo studente. L’anno scorso grazie ad un suo compagno di classe, si è unito al partito comunista dei giovani, l’ex Komsomol - l’Unione Comunista Leninista della Gioventù di tutta l’Unione. Per lui, vestito con gli abiti dell’epoca, la rivoluzione "ha cambiato il futuro ed il presente non soltanto della Russia. Lenin è riuscito ad influenzare molti altri Paesi". Il giovane Vladimir non nasconde che il consenso di Putin sia ancora molto forte oggi, ma è convinto che dopo di lui il partito comunista avrà una buona chance di tornare al potere.
Dopo Putin, appunto.
19.11.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
13.12.2017
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
13.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
12.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2017
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel